jump to navigation

Mp3: fine degli sbattimenti

felipe in: News e altre Sciccherie il 23/12/05 @ 13:01 , commenta
0 votes, average: 0 out of 50 votes, average: 0 out of 50 votes, average: 0 out of 50 votes, average: 0 out of 50 votes, average: 0 out of 5 (media: 0, registrati per votare)
Loading ... Loading ...

Fluendo ha acquistato i diritti per distribuire ed usare il plugin MP3 di gstreamer!

Questo significa che non si dovranno più fare operazioni strane tipo aggiungere repository multiverse o scaricare pacchetti strani… per ascoltare mp3, che resta comunque il formato di compressione di file audio più diffuso .

Questa mossa di Fluendo elimina la noiosa domanda posta da tutti i nubbi mannari che installano ubuntu: “ma perké nn fa askoltare mp3?!?!?!? :-(((

Grazie Fluendo :-D

PS: Teorie cospirazionistiche?

 

troiata del giorno: Disabilitare le Aree di Lavoro

felipe in: Articoli, Guide e HowTo, Ergonomia, Facili, o quasi :), Felipizza la tua distro, Troiate del giorno il 19/12/05 @ 18:49 , 5 commenti
0 votes, average: 0 out of 50 votes, average: 0 out of 50 votes, average: 0 out of 50 votes, average: 0 out of 50 votes, average: 0 out of 5 (media: 0, registrati per votare)
Loading ... Loading ...

22/11/06: Con Compiz le aree di lavoro tornano ad avere un senso però :-)

Una delle caratteristiche principali di …probabilmente tutti i Desktop Liberi, è l’uso di molteplici Aree di Lavoro, usate per suddividere la quantità di finestre presenti su più “Desktop Virtuali” e quindi in teoria fare meno confusione.

Generalmente usando le impostazioni predefinite abbiamo a disposizione quattro scrivanie virtuali che condividono icone, comportamento e impostazioni (in KDE si possono personalizzare sfondi distinti per ogni area). Le diverse aree gestiscono invece (troppo) indipendentemente le finestre.

Immaginiamo di avere due aree di lavoro, chiamate “Internet” e “Ufficio”. Possiamo lanciare Firefox ed Evolution nella prima, e varie finestre di OpenOffice.org nella seconda. Suddividiamo così il lavoro in “aree tematiche”, per cui assegnamo idealmente ad ogni area un tipo di attività: navigo su internet nell’area 1 e leggo/scrivo documenti nell’area 2… Un po’ come nella realtà suddividiamo i nostri spazi in base a quello che dobbiamo farci. Leggi il resto…

 

Installare codec per i formati video/audio proprietari

felipe in: Articoli, Guide e HowTo, Facili, o quasi :), Felipizza la tua distro il 19/12/05 @ 12:54 , 41 commenti
0 votes, average: 0 out of 50 votes, average: 0 out of 50 votes, average: 0 out of 50 votes, average: 0 out of 50 votes, average: 0 out of 5 (media: 0, registrati per votare)
Loading ... Loading ...

Potete trovare codec funzionanti per tutte le distribuzioni GNU/Linux sul sito di Mplayer. Consigliato scaricare l’archivio “all” reperibile a questa pagina.

Per installarli, bisogna estrarre i codec dall’archivio e copiarli nella directory /usr/lib/win32 (che dovrete creare voi), potete farlo solo con i privilegi di root.

GStreamer

Come fatto notare nei commenti (grazie Luca Ferretti!), per poter utilizzare i vari codec con GStreamer, bisogna installare il pacchetto gstreamer-pitfdll: si tratta di un plugin per GStreamer che abilita l’uso dei file DLL binari (ossia quelli installati dai w32codecs).

A questo punto Totem, il lettore multimediale di GNOME (salvo vostra diversa impostazione del sistema) potra’ aprire i file multimediali senza problemi.

Xine

In caso di problemi con le applicazioni basate su GStreamer, potete installare qualcosa che usi xine, come totem-xine o kaffeine. Per totem-xine su debian/ubuntu ad esempio aprite un terminale e date il comando:

sudo apt-get install totem-xine

Verrà disinstallato totem-gstreamer e installato totem-xine.

 

Decomprimere file RAR e 7ZIP

felipe in: Articoli, Guide e HowTo, Facili, o quasi :), Felipizza la tua distro il 19/12/05 @ 12:50 , 67 commenti
0 votes, average: 0 out of 50 votes, average: 0 out of 50 votes, average: 0 out of 50 votes, average: 0 out of 50 votes, average: 0 out of 5 (media: 0, registrati per votare)
Loading ... Loading ...

Per decomprimere file RAR, 7Z e 7ZIP su Linux (e in particolare Ubuntu) bisogna installare alcuni pacchetti opzionali:

$: sudo apt-get install p7zip unrar

A questo punto per estrarre file compressi in tal modo, da interfaccia grafica basta usare applicazioni come “file-roller” (preinstallato per GNOME) o “ark” (preinstallato per KDE) o addirittura un qualsiasi file manager: una volta installati i pacchetti specificati sopra, saranno in grado di gestire quei file senza problemi.

È possibile anche installare una versione non libera (ma comunque gratuitamente disponibile) di rar, questo per aumentare la compatibilità con file “problematici”:

$: sudo apt-get install unrar-nonfree

Nota obbligatoria: questo articolo è indirizzato a chi usa Linux e non di nessuna utilità per utenti Windows :)

 

OT: a proposito di Liberta’

felipe in: Musica, News e altre Sciccherie, Vita Reale il 19/12/05 @ 12:21 , commenta
0 votes, average: 0 out of 50 votes, average: 0 out of 50 votes, average: 0 out of 50 votes, average: 0 out of 50 votes, average: 0 out of 5 (media: 0, registrati per votare)
Loading ... Loading ...

Coincidenze… stavo proprio ascoltando “Canción del Poder Popular“, cantando appresso alle voci andine degli inti-illimani - non so perché ma sta canzone mi commuove sempre… - quando becco questa notizia su repubblica.

Il primo Indio che viene eletto Presidente in Bolivia, viene eletto nonostante l’intervento contrario da parte degli USA

 

aggiornamento su “GNOME: una mano sulla coscienza…”

felipe in: *Flame*, News e altre Sciccherie il 18/12/05 @ 16:25 , commenta
0 votes, average: 0 out of 50 votes, average: 0 out of 50 votes, average: 0 out of 50 votes, average: 0 out of 50 votes, average: 0 out of 5 (media: 0, registrati per votare)
Loading ... Loading ...

Aggiornamento: ecco uno dei primi frutti del “cazziatone” di linus agli sviluppatori GNOME (vedi precedenti post). Una proposta per il nuovo dialogo di stampa con tutte le opzioni avanzate, inaccessibili nel dialogo attualmente in uso da GNOME:

DEMO grazie a Christian Schaller

Niente da fare… Linus è un comunicatore e leader nato, e sono sempre più convinto che il mega-flame sia stato un bene per la crescita di GNOME

PS: Notare che il prototipo attualmente usa le librerie FLTK, per questo sembra più brutto di quanto dovrebbe essere una volta finito, in ogni caso complimenti per la reazione quasi-immediata :)

 

nuovo Clearlooks-Cairo per GTK + nuovo Clearlooks per Metacity

felipe in: News e altre Sciccherie il 18/12/05 @ 15:55 , commenta
0 votes, average: 0 out of 50 votes, average: 0 out of 50 votes, average: 0 out of 50 votes, average: 0 out of 50 votes, average: 0 out of 5 (media: 0, registrati per votare)
Loading ... Loading ...

Clearlooks, il tema predefinito per GNOME >= 2.12, sta subendo molte modifiche attualmente, soprattutto grazie all’adozione del “motore grafico” Cairo da parte delle GTK:

Adesso è stata appena annunciata una nuova versione di Clearlooks anche per Metacity, ossia le decorazioni dei bordi delle finestre. bello!