jump to navigation

Linux Mint: Ubuntu “gasata” con codice proprietario

In Politica, Troiate del giorno il 16/11/06 @ 15:41 trackback

Mi sentivo quasi in dovere di segnalare quest’altra nuova distro basata su Ubuntu, anche perché dopo Gnewsense, perfettamente allineata ai dettami di Sant iGNUcius, ci stava bene un netto contrasto:

Linux Mint è appunto una derivata di Ubuntu, arricchita con una lista di software proprietario installato automaticamente. Loro stessi pubblicizzano il fatto di essere al 98% Ubuntu. Il resto… una strizzata d’occhio al software commerciale o proprietario, appunto.

Ecco una lista di cosa si trova in quel 2% reclamato da Linux Mint:

Vorrei precisare che praticametne tutti questi software sono già adesso (e da un po’ di tempo) disponibili per Ubuntu, come potete vedere dai rimandi “anche su Ubuntu!” della lista. Linux Mint si limita a facilitare le cose partendo dalla base fornita da Ubuntu 6.10 “Edgy Eft”.

Oh, cacchio… mi ritrovo a mettere in pratica la par condicio per le segnalazioni delle distro! Mi finirà come Vespa, come ha predetto Alexxx? :-D


Condividi questo articolo:

  • TwitThis 
  • FriendFeed 
  • Facebook 
  • Badzu 
  • LinkedIn 
  • Google 
  • del.icio.us 
  • Wikio IT 
  • DiggIta 
  • Technotizie 
  • OKNotizie 

Pagine forse correlate:


Commenti »

1. Thunder - 16/11/06 @ 16:31

Ma come mai Linux Mint può e Ubuntu no??

2. Xander - 16/11/06 @ 16:38

Può?! E chi l’ ha detto?!

3. Bigshot - 16/11/06 @ 16:51

ma forse è meglio di no?

;)

4. Cimi - 16/11/06 @ 19:21

Propongo di disertare distribuzioni di questo genere.

Linux e i programmi GPL dovrebbero rimanere la scelta primaria, distribuzioni di questo genere invogliano i nuovi utenti che si fanno la “falsa idea” che non esistono alternative opensource valie come quelle closed.

Non dovrebbero nemmeno esistere distribuzioni di questo genere e personalmente sono molto amareggiato che compaia un articolo di questo genere su pollycoke.

5. Alexxx - 16/11/06 @ 19:34

Beh, Vespa ogni tanto fa una puntata sulle tette finte!
E dai, facci vedere anche tu qualcosa di interessante… qualche wallpaper di Ubuntu :-D

6. felipe - 16/11/06 @ 19:50

@Cimi:
Mi credi se ti dico che ho scritto di LinuxMint solo per poter fare la battuta finale di Vespa? :D

Cmq dai… va bene sapere quali progetti ci sono in giro, anche se personalmente non installerei mai LinuxMint (penso si capisca dal tono del post) ritengo interessante sapere che c’è chi lo fa

@Alexxx:
:-D

7. Hayabusa - 16/11/06 @ 20:18

Beh… io non generalizzerei.
Se è vero che preferisco il free software, vedo anche bene l’idea di integrazione con il software proprietario, specie per maneggiare quei formati proprietari a cui siamo obbligati, e specie perchè per un newbie avere tutto ciò installato in partenza sarebbe vantaggioso (brevetti e licenze permettendo)

Il problema, semmai, è che una distribuzione (vabbè… una personalizzazione di una distribuzione) che non può nemmeno permettersi un sito decente, che non crolli per un paio di link da ossblog e pollycoke, non mi da molto affidamento…

8. AlexP - 16/11/06 @ 21:32

Avete provato a cliccare sul link a LinuxMint?
http://linuxmint.com/index.html

9. AlexP - 16/11/06 @ 21:37

Avete provato a cliccare sul link a LinuxMint?

10. AlexP - 16/11/06 @ 22:14

scusate per il doppio post con lo stesso contenuto :-[

11. italyanker - 16/11/06 @ 23:36

Si provato…
Che Felipe ne abbia parlato solo ora, quando è scaduto l’account col provider del sito, sia solo un caso???
:-p

Daltronde anche vespa fa interventi molto sottili e pacati per portare gli oratori dove vuole lui! :D

12. shaitan - 16/11/06 @ 23:39

imho dopo l’idea che la gpl si possa violare in allegria (vd casino kororaa con, onesta devo dire, marcia indietro) si passa all’idea di infischiarsene dei brevetti… sul wiki di ubuntu leggo:
“Informativa legale: le leggi sui brevetti e sul copyright operano in maniera diversa da paese a paese. Consultare un parere legale se non si è sicuri delle leggi vigenti in materia nel proprio paese.”

E una distro diffusa via internet non dovrebbe infrangere platealmente brevetti (che per fortuna qui non hanno ancora preso piede).

Comunque conosco anche altre distro minori (anche basate su ubuntu) che forniscono codec aggiuntivi, ma, ripeto fregarsene dei brevetti così a cuor leggero mi sembra una pessima idea destinata a sopravvivere solo se si rimane nella cerchia di amici o poco più (aka se la distro non si diffonde).

Peraltro questa “faciloneria”, sempre secondo me, danneggia progetti “corretti” come ubuntu.
Spero di sbagliarmi

13. italyanker - 16/11/06 @ 23:45

@shaitan:
Speri male…Secondo me invece hai proprio ragione!

14. Madrefoca - 17/11/06 @ 9:46

@Hayabusa
Il problema che è stata diggata su digg… e tutti conosciamo il digg effect… Inoltre avevano messo le iso sul proprio sito e scaricarle aumentava notevolmente il traffico.

Io credo che sia una buona idea, comoda e pronta all’uso. E personalmente non capisco cosa cambia installare un programma prima o installarlo dopo.

15. shaitan - 17/11/06 @ 11:29

@madrefeca

cosa cambia?

beh dovremmo iniziare a chiederci perché i codec per leggere mp3 siano su un repositories mantenuto dalla comunità…

dovremmo iniziarci a chiedere perché linspire/freespire paghi e stringa accordi per farci leggere out of box i nostri mp3…

dov’è la differenza fra installarti tu il tuo gstreamer e averlo di default attivato?
che tu nell’installarlo ti prendi la responsabilità (come del resto scritto nel wiki) di verificare che non sia contro la normativa del tuo paese (aka violazione brevetti)

una distro distribuita liberamente in linea e che potrebbe essere scaricata, che ne so, da un americano dovrebbe quantomeno esporre un disclaimer sul sito e in fase di installazione dello stesso codec (magari con la possibilità di non installarlo).

Ripeto, il tutto passa in cavalleria (come del resto era passata inosservata kororaa i primi tempi) e chissene…

Linux Mint vivrà (o vivacchierà) come altre distribuzioni similari (credo che ubuntu+ non sia diversa, ma dovrei controllare la questione codec) tuttavia io ci starei attento…

Dixi et salvavi animam meam :D

16. felipe - 17/11/06 @ 12:55

Wow, dopo l’effetto slashdot adesso c’è pure l’effetto pollycoke!

Al mio nominare una distro “impura” ne viene sospesa la homepage :D

17. sito - 17/11/06 @ 21:40

Si, però uffa, io la volevo provare, è giusto si quello che dite, però se durante l’installazione ti domandasse cosa vuoi mettere e cosa no sarebbe l’idea migliore, così sei sempre tu che decidi e non si scontenta nessuno, chi installa tutto e si assume la responsabilità, chi non vuole non installa e si tien ela sua ubuntu com’è.

18. Francesco - 12/05/07 @ 14:42

Ciao a tutti..
io sono alla ricerca dello distro perfetta onestamente avevo usato edgy con soddisfazione ma la nuova ubuntu 7.04 è lenta e la scheda audio (la stessa che sotto edgy) funziona male in generale non ho avuto una bella impressione..
Ho provato mepis e mi è sembrata molto buona: si installa in pochi minutim fa subito il boot ed il sistema è veloce e stabile, ma ha un bug con la gestione delle schede nvidia risolvibile ma mi ha dato fastidio inoltre ho avuto problemi con l’installazione di webmin e poi ho scoperto che usa una serie di percorsi non standard… il che non mi è piaciuto poi da uno strano errore sul fatto che l’utente non ha accesso a /dev/null mi tocca entrare come root e cambiare i permessi a /dev/null, insomma mi ha già stufato anche quella…
credo che passerò di nuovo a kubuntu edgy ma linux mint la voglio provare e vi posso dire che graficamente è semplicemente superba e che in windows con qemu il live cd carica subito e gira molto velocem l’impressione alla prima vista è ottima!!!!! Quindi provatela e non fate discorsi stupidi sui brevetti purtroppo io so che ogg è molto meglio di mp3 3 che xvid è meglio di divx etc. etc. ma il mondo è diverso e non possiamo cambiarlo noi linuxiano perchè chi comanda è il signor microsoft…

Quanti lettori conoscete che supportano l’ogg vorbis e quanti che supportano mp3 e wma??

Quindi siamo seri tutti noi riproduciamo mp3 leggiamo dvd leggiamo aac sulla nostra ubuntu quindi ben venga un progetto che ci evita di perdere tempo..
E inoltre sappiate che sulla 7.04 i codec ci sono quindi…….

CIAOOOOO

19. lorenzo - 30/05/07 @ 23:22

io credo che tutti i discorsi sull’open source puro, o sulla necessità di ripulire il sistema da software propietario siano discorsi un poco da fanatici. in un mondo in cui il software proprietario regna incontrastato, non sempre l’alternativa open source è all’altezza (anche se tante volte è meglio). secondo me se venisse accettato più software proprietario ci sarebbe uno sviluppo sicuramente maggiore e più veloce di linux. dopo che linux è diventato alla portata di tutti, secondo me può essere necessario epurarlo piano piano di tutto il software proprietario a cui si possono creare valide alternative. se la fsf fosse più aperta non sarebbe la fsf, ma magari avrebbe portato alla creazione di hurd, che invece, siccome deve essere puramente software libero, nonostante sia una idea bellissima, è fermo a uno stato embrionale. a me non piace sapere che uso software proprietario, ma tante volte è meglio quello che niente.

20. lorenzo - 31/05/07 @ 15:53

e oltretutto hanno creato la versione light, che rispetta l’etica dei puristi, e soprattutto le leggi dei padroni negli stati in cui è vietato l’uso di tali plug in… spero tanto che regga, questa distribuzione, perché mi piace proprio tanto.

saluti
Lorenzo

21. ubuntino - 12/06/07 @ 23:45

le ho provate un po tutte le derivate di ubuntu, anche mint, devo dire che mi è piaciuta, ma se dovessi scegliere di tenere fisso una derivata sceglierei fluxbuntu.

22. michelangelog - 22/06/07 @ 0:32

piff chi se ne frega delle questione legali/morali torniamo ad accuparci di roba tecnica porco cane

23. Anonymous - 19/07/07 @ 1:54

provata la 3.3 già nella versione completa è perfetta… menù ottimo, uno gnome che non ti fa rimpiangere kde, pulita, minimale in tutto con davvero il necessario

unica pecca xgl mi va a metà con la x1950pro, ho postato in diversi forum, ma nada

24. Zujilin - 13/09/07 @ 17:50

Quoto in pieno Lorenzo; epurare il software proprietario non solo per me è fanatismo, ma quanto una concezione non libera; voglio dire io preferisco il free software soprattutto perchè open source e se posso opto sempre per l’open source xk so di poter modificarlo mediante il sorgente, ma anche se spesso, non sempre tutto il free software è migliore del software proprietario.
In un mondo libero per me ognuno fa il cacchio che gli pare, se uno vuole rilasciare il proprio sorgente lo fa, se non vuole non lo fa e non per questo va boicottato a prescindere, sul mio computer se devo lavorare voglio il miglior software e se è proprietario pazienza.

25. Anonymous - 25/10/07 @ 20:41

la mint e’ ottima non vedo xche fare i puristi quando OGGI di puro c’e’ forse la debian ma forse…………………………..

26. drpucico - 20/11/07 @ 17:23

riapro la discussione sfruttando l’occasione:

e’ uscita la nuova linux mint (daryna) con degli aggiornamenti di cui desideravo/aspettavo l’uscita.

infatti nel pc di mio fratello e di mio padre, che sanno a malapena che cos’e’ linux, e nel portatile di mia moglie (che semplicemente non gliene frega nulla di sistemi operativi, basta che vada tutto bene in modo semplice) ho messo proprio questa mint, con l’obiettivo di dar loro qualcosa di stabile, user-friendly, out-of-the-box.

e’ stato un successone!

molto meglio di pclinuxos, che avevo messo prima (concordo con il parere di felipe e di moltti altri: troppo mix gtk/qt, alla fine e’ un macigno, con conseguente lentezza, per quanto stabile).
e devo dire che piace anche a me: non e’ una semplice ubuntu con i codec proprietari, ma hanno fatto vari lavoretti aggiuntivi, per carita’ nulla di fondamentale, anzi quasi tutti “estetici”, ma tutti orientati all’usabilita’. quando uso quei pc mi trovo a mio agio, non mi perdo, ho quel senso di “elegance” che sta proprio nello slogan della distro.

27. Artax - 20/11/07 @ 19:19

io sto aspettando daryna kde versione light….

28. vanix - 14/12/07 @ 16:27

Io uso Linux Mint 3.1 da più di un mese: la grafica è più gradevole (certo non ci vuol molto) di quella di Ubuntu. Che non vengano occupati una cinquantina di mega di memoria da quella cosa inutile che si chiama Evolution è un sollievo; se uno si disinstalla certi programmi che non gli servono non rischia di vedersi rimosso mezzo desktop; il menu mi sembra meno dispersivo. La stabilità e qualcosa di impressionante!
Non è solo una quastione di codec, poi voglio vedere chi dei puristi qui sopra non si installa i codec da solo per vedere gli xvid!
Ciao :)

(commentando accetti implicitamente le Regole di pollycoke, leggile!)