jump to navigation

Dolphin, il File Manager di KDE4?

In News il 26/11/06 @ 20:05 trackback

Dolphin è un progetto al quale ultimamente ha contribuito direttamente Aaron Seigo, l’uomo che più di tutti ha capito quello che realmente serve a KDE4 per “mantenere le promesse”.

Il progetto in questione è un File Manager “semplice ma non troppo”, in linea con quello che ci aspettiamo tutti dal nuovo KDE. Non badate all’aspetto, perché questa schermata si riferisce alla versione per KDE3 (attualmente si sta portando tutto a KDE4) e in ogni caso gli abbellimenti grafici saranno le ultime cose che verranno introdotte in KDE4:

dolphin01-thu.png
Beh un file manager “pulito” finalmente

Un paio di cose che vi invito a notare:

La barra degli indirizzi strizza l’occhio un po’ a tutti, ma con stile, e infatti è uno degli aspetti più interessanti. I nomi delle directory in cui ci troviamo sono in realtà pulsanti (un po’ tipo GTK), ma possono essere modificati manualmente per indicare un percorso diverso, semplicemente cliccando sulla freccia azzurra a sinistra (e basta con l’azzurro!)


La barra degli indirizzi come appare normalmente


La barra degli indirizzi una volta premuto il pulsante per modificare il percorso


I nomi delle directory sono in realtà pulsanti

Dire che la barra delle icone è molto razionalizzata rispetto a quella di Konqueror… è una piccola parte della storia. C’è stato un vero e proprio sterminio di icone inutili che al momento ha lasciato un po’ di tristezza, vedremo se il risultato finale sarà pulito e funzionale

Da quello che vedo è impossibile capire quale sia la configurazione predefinita, ma non sembra ci sia una barra laterale. Sono quasi sicuro che questo è un aspetto che si dovà valutare. In ogni caso si vede benissimo che verrà mantenuta la funzionalità di Konqueror di poter dividere le finestre a piacimento, fino a creare tutte le mostruosità che si vogliono.

Ah e a proposito di funzionalità, uno degli obiettivi di Dolphin è quello di implementare tutte le meravigliose funzionalità a cui ci ha abituati Konqueror, ma senza l’appesantimento tipico dell’attuale File Manager di KDE. Ovviamente ci sarà il pieno supporto ai kio_slaves e insomma l’utente finale non dovrebbe nemmeno accorgersi della differenza più di quanto non avvenga cambiando… tema di icone, per dirne una.

Considerazioni personali

Sottolineo il fatto che il passaggio a Dolphin non significherebbe perdita di funzionalità utili. Lo faccio perché anche io, che anche non sono un “purista”, reagirei in maniera negativa se vedessi spuntare fuori un progetto che si ispira apertamente a Nautilus o che snatura la filosofia di KDE e del suo File Manager… MA spero veramente che venga implementata una modalità “Spatial” (magari opzionale) in stile Nautilus :-)

Qui c’è il sito del progetto. Beh, io mi sento di promuoverlo… anche solo per avere l’ardire di sfidare quel kolosso di Konqueror :-P


Pagine forse correlate:


Commenti »

1. Alex_Palex - 26/11/06 @ 21:04

Si avevo notato anch’io che Seigo aveva contribuito anche a questo…
Diciamo che dolphin mi sembra quello che si può definire come un file-manager, Konqueror lo trovo sempre troppo orientato ancora verso la funzione browser web che tra l’altro svolge benissimo.

2. Anonimo - 26/11/06 @ 21:16

approposito di file manager e simili, l’ unica cosa che mi è mancata nel passare da kde a gnome è una funzione che permetteva di navigare velocemente fra le cartelle, sulla barra c’era tipo un menu (con le cartelle al posto dei programmi) e come nel menu di gnome, andando sopra alla cartella si apriva automaticamente l’ elenco delle cartelle sottostanti (e i file) e cosi via…
veramente comodo
j.

3. sbaush - 26/11/06 @ 21:19

Bhè che dire, KDE4 dev’essere davvero un bel passo avanti, e mi sembra che tutti i progetti che ne faranno parte lo saranno! Bene!!

4. davide - 26/11/06 @ 21:43

anonimo, se da dentro nautilus o dal desktop premi Ctrl-L avrai la riga di comando che supporta pure l’auto completamento.

5. ShinjiLeery - 26/11/06 @ 21:54

Io spero abbia il supporto nativo alle condivisioni samba.
E’ una delle cose che più odio di Nautilus e Gnome in generale

6. Jena Plisskin - 26/11/06 @ 22:53

Personalmente a me konqueror piace, forse è poco pulito esteticamente, ma ha una tale quantità di funzioni che al lavoro uso continuamente.

Navigare con konqueror attraverso il protocollo fish, per me è affascinante :-)

7. luk-156 - 26/11/06 @ 23:31

Io amo l’ idea di poter fare tutto o guasi con konqueror (ho spesso sentito dire che uno dei problemi di kde è che si usando troppe applicazioni per fare la stessa cosa), Trovo invece konq un strumento molto potente e versatile… Io ho più volte tentato di passare a gnome convinto che sia maggiormente sostenuto dalla comunità di ubuntu ma nn resisto + di 10 giorni, dopodichè rieccomi con la mia BELLISSIMA KUBUNTU :-)
Complimenti per il blog

8. loopback - 27/11/06 @ 0:01

ShinjiLeery, ma Nautilus (e anche Konqeror, per quanto ne sappia) ha il supporto nativo per le directory condivise tramite SAMBA, basta un ctrl-L e dare smb://… Al lavoro lo uso sempre. Se invece voglio frugare nella mia home da un computer remoto via ssh uso sftp://… Ancora piu’ comodo :)

9. Anonimo - 27/11/06 @ 0:02

davide; probabilmente mi sono spiegato male, se te vai con il cursore sul menu “applicazioni”, ti si apre il menu, a questo punto se scorri fino a “ufficio” si apre il sotto menu di ufficio e volendo in questo modo anche altri eventuali sottomenu; in kde c’è un sistema analogo per navigare fra le cartelle e i file, non devi cliccare o fare altro, hai la cartella home sul pannello, ci vai sopra con il cursere e vedi le sottocartelle (Desktop etc.) e in questo modo arrivi al file desiderato in un attimo, non devi aprire Nautilus o altri file Manager simili.
j.

10. Nemo - 27/11/06 @ 0:19

Il fatto di sostituire la classica barra degli indirizzi con quella visione a “Pulsanti” deriva da studi di usabilità vecchi come il pane, che si possono leggere anche e soprattutto nel libro più famoso di Jef Raskin. Il concetto è quello di nascondere la struttura del file system all’utente, che non deve avere alcuna necessità, bisogno od obbligo di conoscerla. Anche in Windows Vista il file manager adotterà la stessa “barra indirizzi” e in Finder di Mac OS X è così da tempo. Fortunatamente, con l’avvento della semantica nei filesystem e con progetti come Tracker, etc. la struttura del filesystem potrà essere sempre più facilmente nascosta all’utente finale.

11. Pak - 27/11/06 @ 9:16

mi auguro che dolphin supportera’ la stessa quantita’ di protocolli di konqueror. Ormai mi sono abituato ad usarne parecchi e fa comodo poterli gestire a schede in una sola finestra (smb, ftp, fish, file manager, http, etc, …)
Giusto per spiegarmi meglio, quanti passaggi vi servono per copiare un file da una connessione in ssh su un server in LAN ad una in ftp su un sito? con konqueror e’ sufficiente un drag&drop (ovviamente con le due connessioni aperte in due schede o finestre)

12. coobox - 27/11/06 @ 9:17

Mamma mia KDE non mi è maipiaciuto.

Non sopporto il rosso e il blu insieme. ma forse con KDE4 le cose cmbieranno e si farà interesante

13. felipe - 27/11/06 @ 9:30

@tutti:
Contento che vi sia piaciuto :-)

A tutti quelli che si preoccupano – a ragione – delle perdita di funzionalità: come ho scritto nel post non ci dovrebbe essere alcuna perdita di funzionalità.

Dolphin userà i kio_slaves di KDE, quindi fish:// e tutti gli altri protocolli continueranno a funzionare. Si tratta solo di un nuovo “contesto”: software più giovane e più in linea con i canoni di KDE4

14. Anonimo - 27/11/06 @ 9:30

Konqueror è uno dei migliori programmi disponibili in KDE.
Va benissimo come file manager.
Va bene anche come browser.
E’ possibile custimizzarlo in un sacco di cose.
Insomma per me, nella versione originale, quella non modificata dalla varie distro, è perfetto.

15. zyon - 27/11/06 @ 11:09

Ciao ragazzi e ciao Felipe, ti (vi) seguo da poco ma già mi sono appassionato a voi!
Io sono sempre stato un kde dipendente e solo ultimamente mi sto avvicinando a gnome, sia per provarlo, sia perchè mi sembra un po più ordinato! non vedo l’ora di poter giocare con kde4 perchè, stando a quanto si legge in giro, sarà un gran goduria!

continua così! Sei grande felipe

16. Maramax - 27/11/06 @ 11:18

Visto che al momento si tratta di affiancare Dolphin a Konqueror, un file manager e un camaleonte multiuso all’utente “tradizionale” non cambierà nulla perchè potrà tranquillamente mantenere le sue abitudini mentre i “nuovi” e quelli che amano la semplicità e la pulizia cavalcheranno il delfino.
Qualcosa di simile alla barra degli indirizzi “a pulsanti” era anche nei mockup per konqueror…non se ne farà nulla?

Il mio unico dubbio è sul futuro di Konqueror come filemanager: se Dolphin avrà successo (e non c’è motivo per dire il contrario) lo sviluppo della parte FM per konqueror rallenterà e forse si fermerà?

Ultimo pensiero: il nome -> Aaron gradualmente sta preparando tutti all’epocale cambiamento dell’abbandono della (mostruosa e onnipresente) K ^__^

17. mat - 27/11/06 @ 16:06

Spero proprio che ci sia un modo di tenere il classico
konqueror, magari “depurato” delle funzioni web quando
in modalita’ filemanager.
E soprattutto spero che non ci romperanno le scatole con
quella schifezza della modalita’ “spatial” : c’e’ identica
sotto win XP da sempre e non e’ un caso se tutti gli utenti
la disabilitano!

18. Treviño - 27/11/06 @ 18:44

Mah… L’ho provato…
Per me è troppo “gnomoso”… Nel senso che è davvero troppo semplice… Io necessito di potenza e di tante funzionalità in un filemanager, altrimenti mi basta usare la shell :)

Magari per utenti più “semplici” va benissimo, ma non per me. Per lo meno, non ancora!

19. floriano - 2/12/06 @ 0:31

la barra composta di pulsanti è presente anche in evidence (http://evidence.sourceforge.net/features.html).
era presente anche nel file manager di nextstep che è sopravvissuto in macos x.
niente male l’idea originaria!

20. Tyler - 22/12/06 @ 4:44

Aggiornamento:
versione 0.8
http://www.kde-apps.org/content/show.php?content=40491

Tra le cose più importanti è stata aggiunta la sidebar :D

21. Anselmo - 15/01/07 @ 10:26

Bè, ben venga Dolphin se gli utenti lo richiedono, il bello dell’open source è proprio questo, si evolve soltanto ciò che l’utente vuole.

Mi auguro però, come alcuni altri, che KDE (e ben venga l’onnipresente K sempre presente, cosi coma la fatidica g che accompagna molte applicazioni gnome o semplicemente gtk) non si “riduca” alla semplicità frustrante di gnome. Io stesso gradisco la in alcune cose semplicità e la pulizia grafica di gnome (anche se non sempre questa si rivela per doti di chiarezza), ma mi ritrovo sempre ingabbiato in funzioni ridotte e poco flessibili. Vero è che KDE può risultare dispersivo se si installa kde, ma nessuno lo richiede, è sufficiente installare le sole componenti volute.

Ben venga la semplicità se viene raggiunta senza limitare la flessibilità dell’applicazione o dell’ambiente. O piuttosto se questa si manifesta come una scelta dell’utente e non una imposizione.

Ad ogni modo non ci resta che attendere o partecipare :-)

22. Belze’s » Archivio Blog » Novità su KDE4 - 27/02/07 @ 16:14

[...] rapporto tra Dolphin e Konqueror è stato ampiamente affrontato da più parti, generalmente i punti di vista presi in considerazione sono favorevoli [...]

23. federico - 18/03/07 @ 14:59

Noooooooooooooo. Adoro konqueror e adesso mettono su questa copia di nautilus???????? e se voglio vedere i file come lista (cioè a colonne multiple)? E tutte quelle belle cose che ha konqueror, tipo i pannelli personalizzati, le barre laterali?? A sto punto passo a gnome. SOno sempre stato un fan di kde ma ora passerò a gnome. Dolphin mi fa schifo e puzza

24. KDE 4: Dragon Player è presente! [howto] at pollycoke :) - 19/12/07 @ 12:33

[...] con Dolphin, che avevo indicato da subito come l’erede di Konqueror (cfr “Dolphin, il File Manager di KDE4?“), avevo pensato che Codeine fosse perfetto per sostituire le varie alternative di lettori [...]

25. Maurizio - 4/02/08 @ 23:07

E’ vero dolphin puzza!!