jump to navigation

Dolphin, il File Manager di KDE4?

felipe in: News e altre Sciccherie il 26/11/06 @ 20:05 , trackback
0 votes, average: 0 out of 50 votes, average: 0 out of 50 votes, average: 0 out of 50 votes, average: 0 out of 50 votes, average: 0 out of 5 (media: 0, registrati per votare)
Loading ... Loading ...

Dolphin è un progetto al quale ultimamente ha contribuito direttamente Aaron Seigo, l’uomo che più di tutti ha capito quello che realmente serve a KDE4 per “mantenere le promesse”.

Il progetto in questione è un File Manager “semplice ma non troppo”, in linea con quello che ci aspettiamo tutti dal nuovo KDE. Non badate all’aspetto, perché questa schermata si riferisce alla versione per KDE3 (attualmente si sta portando tutto a KDE4) e in ogni caso gli abbellimenti grafici saranno le ultime cose che verranno introdotte in KDE4:

dolphin01-thu.png
Beh un file manager “pulito” finalmente

Un paio di cose che vi invito a notare:

La barra degli indirizzi strizza l’occhio un po’ a tutti, ma con stile, e infatti è uno degli aspetti più interessanti. I nomi delle directory in cui ci troviamo sono in realtà pulsanti (un po’ tipo GTK), ma possono essere modificati manualmente per indicare un percorso diverso, semplicemente cliccando sulla freccia azzurra a sinistra (e basta con l’azzurro!)


La barra degli indirizzi come appare normalmente


La barra degli indirizzi una volta premuto il pulsante per modificare il percorso


I nomi delle directory sono in realtà pulsanti

Dire che la barra delle icone è molto razionalizzata rispetto a quella di Konqueror… è una piccola parte della storia. C’è stato un vero e proprio sterminio di icone inutili che al momento ha lasciato un po’ di tristezza, vedremo se il risultato finale sarà pulito e funzionale

Da quello che vedo è impossibile capire quale sia la configurazione predefinita, ma non sembra ci sia una barra laterale. Sono quasi sicuro che questo è un aspetto che si dovà valutare. In ogni caso si vede benissimo che verrà mantenuta la funzionalità di Konqueror di poter dividere le finestre a piacimento, fino a creare tutte le mostruosità che si vogliono.

Ah e a proposito di funzionalità, uno degli obiettivi di Dolphin è quello di implementare tutte le meravigliose funzionalità a cui ci ha abituati Konqueror, ma senza l’appesantimento tipico dell’attuale File Manager di KDE. Ovviamente ci sarà il pieno supporto ai kio_slaves e insomma l’utente finale non dovrebbe nemmeno accorgersi della differenza più di quanto non avvenga cambiando… tema di icone, per dirne una.

Considerazioni personali

Sottolineo il fatto che il passaggio a Dolphin non significherebbe perdita di funzionalità utili. Lo faccio perché anche io, che anche non sono un “purista”, reagirei in maniera negativa se vedessi spuntare fuori un progetto che si ispira apertamente a Nautilus o che snatura la filosofia di KDE e del suo File Manager… MA spero veramente che venga implementata una modalità “Spatial” (magari opzionale) in stile Nautilus :-)

Qui c’è il sito del progetto. Beh, io mi sento di promuoverlo… anche solo per avere l’ardire di sfidare quel kolosso di Konqueror :-P

Commenti »

1. Alex_Palex - 26/11/06 @ 21:04

Si avevo notato anch’io che Seigo aveva contribuito anche a questo…
Diciamo che dolphin mi sembra quello che si può definire come un file-manager, Konqueror lo trovo sempre troppo orientato ancora verso la funzione browser web che tra l’altro svolge benissimo.

2. Anonymous - 26/11/06 @ 21:16

approposito di file manager e simili, l’ unica cosa che mi è mancata nel passare da kde a gnome è una funzione che permetteva di navigare velocemente fra le cartelle, sulla barra c’era tipo un menu (con le cartelle al posto dei programmi) e come nel menu di gnome, andando sopra alla cartella si apriva automaticamente l’ elenco delle cartelle sottostanti (e i file) e cosi via…
veramente comodo
j.

3. sbaush - 26/11/06 @ 21:19

Bhè che dire, KDE4 dev’essere davvero un bel passo avanti, e mi sembra che tutti i progetti che ne faranno parte lo saranno! Bene!!

4. davide - 26/11/06 @ 21:43

anonimo, se da dentro nautilus o dal desktop premi Ctrl-L avrai la riga di comando che supporta pure l’auto completamento.

5. ShinjiLeery - 26/11/06 @ 21:54

Io spero abbia il supporto nativo alle condivisioni samba.
E’ una delle cose che più odio di Nautilus e Gnome in generale

6. Jena Plisskin - 26/11/06 @ 22:53

Personalmente a me konqueror piace, forse è poco pulito esteticamente, ma ha una tale quantità di funzioni che al lavoro uso continuamente.

Navigare con konqueror attraverso il protocollo fish, per me è affascinante :-)

7. luk-156 - 26/11/06 @ 23:31

Io amo l’ idea di poter fare tutto o guasi con konqueror (ho spesso sentito dire che uno dei problemi di kde è che si usando troppe applicazioni per fare la stessa cosa), Trovo invece konq un strumento molto potente e versatile… Io ho più volte tentato di passare a gnome convinto che sia maggiormente sostenuto dalla comunità di ubuntu ma nn resisto + di 10 giorni, dopodichè rieccomi con la mia BELLISSIMA KUBUNTU :-)
Complimenti per il blog

8.