jump to navigation

Mettiamola a dieta! (Ubuntu, non la biondina)

felipe in: Articoli, Guide e HowTo, Facili, o quasi :), Felipizza la tua distro il 22/05/06 @ 12:22 , trackback
1 vote, average: 5 out of 51 vote, average: 5 out of 51 vote, average: 5 out of 51 vote, average: 5 out of 51 vote, average: 5 out of 5 (media: 5, identificati e vota!)
Loading ... Loading ...

Benvenuti nel programma 100 MB in 10 minuti! (siore e siori)

14/02/07: Aggiornata ad Edgy (grazie Andrea Ruberti!)

Con i nostri miracolosi e portentosi medicamenti la vostra distro preferita dimagrirà di oltre 100MB e diventerà ancora più snella e bella e scattante, avvicinatevi e verificate voi stessi! (stanotte ho dormito male, scusate -.-)

biondina

Bene, l’obiettivo è facilmente realizzabile: Ubuntu installa di default un bel po’ di porcate che rischiano di far passare inosservato tutto il recente lavoro svolto nello snellimento di GNOME, soprattutto in termini di richieste di RAM e nei tempi d’avvio.

Ok la distro di riferimento per i nomi dei pacchetti è Ubuntu Dapper Edgy, ma come sempre, ovviamente, questo non esclude per niente che i concetti qui espressi possano essere applicati a qualsiasi altra distro! Quindi armatevi di pazienza e vedrete che con questi esercizi recupereremo la naturale snellezza di linux!

Da dove andranno tolti questi 100 MB?

Soprattutto glutei e interno coscia… no vabbè, basta stronzate. I 100MB (in realtà sono molti di più) saranno eliminati dal disco e soprattutto dalla RAM! Non molti sanno ad esempio che i font installati, oltre ad occupare notevole spazio su disco, influiscono pesantemente sulla RAM se usati con fontconfig, e al giorno d’oggi tutte le distro usano fontconfig.

Eliminare la cellulite e l’adipe (Pacchetti inutili)

Provate a dare questo comando (o qualcosa di equivalente, se non usate una debian-like):

dpkg -l | grep ii| awk '{print $2}' | grep ttf

Il mio risultato dopo la dieta è questo:

ttf-bitstream-vera
ttf-dejavu
ttf-freefont
ttf-opensymbol

Ossia gli unici font veramente utili. E il vostro? mi sa che è un po’ diverso :) Avete sicuramente caratteri per lingue esoticissime tipo ideogrammi, pittogrammi e font arabi ecc ecc… Disinstallate senza pietà tutti gli altri pacchetti e noterete che una buona parte dell’obiettivo è già raggiunto

Eliminare le tossine e le impurità (Pacchetti amorali)

Un altro alleggerimento consistente della vostra distro lo avrete eliminando tutte quelle impurità che derivano da una vita moderna piena di compromessi e patti con il diavolo: per eliminare l’intero stack ciucciarisorse Mono e con esso tutte le app derivanti da tecnologia micro$oft, basta dare questo comando:

$: sudo apt-get --purge remove libmono0

Per ulteriori informazioni e per comandi relativi ad altre distribuzioni visitate la pagina “Niente fottutissimi .exe nella mia box!“.

Avverto che con questa operazione avrete eliminato anche Tomboy, Beagle ed F-Spot, tre applicazioni pesantissime. L’unica che potreste rimpiangere è F-Spot, un’app che serve a gestire e catalogare fotografie. Io non la rimpiango e sto meglio con la coscienza a posto :)

Usare app più leggere!

Io personalmente, pur odiando Evolution, trovo difficile e noioso passare ad un’altro client email, specie quando si ha tutta la posta catalogata ed etichettata, quindi lo tengo e preferisco pensare che prima o poi tocchi pure a questa applicazione GNOME un po’ di amore e che verrà ottimizzata anche essa.

Se proprio dovete/volete usare Evolution cmq potete quasi sicuramente disinstallare il pacchetto “evolution-exchange“, che occupa RAM cercando server M$ Exchange, tranne che non serva per lavoro ovviamente…

$: sudo apt-get --purge remove evolution-exchange

Altri pacchetti che possiamo molto probabilmente eliminare e che occupavano spazio inutilmente sul mio HD:

bluez (bluetooth)
hpijs e hplip* (stampanti HP)
festival, fetlex*, festvox (text2speech, ossia software per fare parlare linux, mai funzionato)
evms (raid)

Alcune di queste applicazioni non sono installate su Ubuntu Edgy, ma lo erano su Dapper, le lascio comunque, per riferimento.

Tonificare e regolare l’intestino (Servizi)

Bene, adesso occupiamoci di un’altro aspetto, legato soprattutto all’uso sconsiderato della nostra RAM: i servizi che vengono caricati all’avvio, in Ubuntu sono davvero tanti! Sono tanti in qualsiasi System-V per la verità, quindi armiamoci degli strumenti che ci fornisce la nostra distro e agiamo, per Ubuntu consiglio di installare il pacchetto bum (Boot Up Manager) e di disabilitare i seguenti servizi:

bootlogd e stop-bootlogd
rsync
apmd
powernowd
acpi-support
laptop-mode
mdadm

e/o altri, a seconda di cosa vi serve o non vi serve.

Ultimo accorgimento che posso darvi è localepurge: una piccola app che può liberare fino a 50 - 60 MB di spazio, eliminando i file di localizzazione di lingue di cui ignorate perfino l’esistenza :D L’utilizzo è semplicissimo: si installa, si lancia, si specifica che si vuole lasciare solo i locale it_IT e via :)

Soddisfatti o rimborsati?

Adesso non esageriamo :D Come sempre vale la regola del buon senso, queste impostazioni vanno bene per me, non è detto che siano applicabili a tutti. Sicuramente a molti sì però :>

Buona ottimizzazione

Commenti »

1. Giovanni aka "gisluz" - 14/09/06 @ 18:21

Bella guida!
Ottimo BUM ^_^

2. lateralthinker - 15/09/06 @ 13:00

ho notato che sul mio comp, beagle, quando indicizza i file, li mette su un database che occupa 5-6 Gb di spazio.

Decisamente troppo.
E il programma non è nemmeno poi così utile…

3. imu - 15/09/06 @ 13:38

x lateralthinker
Non centra nulla beagle con questo post comunque io indicizzo 560 G ed mi occupa 55 Mb
du -mh ~/.beagle
*******
mostro solo la fine del comando
*******
55M .beagle
per crearti un database di 5-6 G ma cosa fai indicizzare il server di google ?
ciao

4. Ubuntu Edgy molto più leggera di Dapper « pollycoke :) - 8/10/06 @ 15:11

[...] C’è da ammettere però che gli hacker di GNOME si fanno perdonare le mancate caratteristiche e le mutilazioni varie con un serissimo lavoro di ottimizzazione, che magari non si vede, ma si sente… soprattutto in PC con poca RAM e soprattutto in confronto alla pesantezza di Dapper. In questo post Ben Maurer riporta alcuni numeri sull’uso di Ram da parte di Edgy. Beh risulta che siamo passati dai circa 120MB di una sessione “pulita” di GNOME di qualche tempo fa a circa 80MB di una attuale! [...]

5. Daniele - 9/10/06 @ 11:12

è normale che provando a rimuovere i font inutili mi voglia togliere GNOME? 0_o

6. Daniele - 9/10/06 @ 11:18

Aggiungo… lo stesso minaccioso messaggio mi arriva anche con evolution-exchange, e quindi presumo con tutti gli altri componenti.. >:-[

7. mani - 9/10/06 @ 11:40

ciao. scusami potresti dirmi il comando da digitare nella shell per rimuovere i pacchetti dei font?
grazie anticipatamente!

8. felipe - 9/10/06 @ 12:37

@Daniele:
probabilmente vuole eliminare solo un “metapackage”, ossia un pacchetto che serve all’installer per installare GNOME, ma che in realtà non contiene altro che dipendenze di altri pacchetti, per cui puoi tranquillamente rimuoverlo. Per sicurezza potresti dirmi come si chiama il pacchetto?

@mani:
sudo apt-get remove ttf-vattelappesca… ma puoi sempre usare il comodissimo synaptic e rimuovere il pacchetto con qualche semplice click. Synaptic lo trovi (in GNOME) sotto: Sistema->Amministrazione->Gestore Pacchetti Synaptic

9. simone - 9/10/06 @ 12:56

complimenti per la guida (anzi le guide, sono riuscito ad installare xgl perfettamente funzionante senza problemi…). Il pacchetto che va rimosso se si disistallano i fontd ma anche evolution e ubuntu-desktop.

Saluti

10. Daniele - 9/10/06 @ 12:59

Preceduto da simone. ;)

11. mani - 9/10/06 @ 13:04

grazie.
gentililissimo
m.

12. felipe - 9/10/06 @ 13:04

@simone & Daniele:
ok, ubuntu-desktop può essere tranquillamente rimosso, dal momento che non contiene nessun file ma solo dipendenze :-)

13. Daniele - 9/10/06 @ 13:26

Ok, un po’ di pattume se n’�