jump to navigation

La comunità Ubuntu-it a ripetizione di buone maniere?

In Riflessioni il 7/06/08 @ 20:18 , trackback
0 votes, average: 0 out of 50 votes, average: 0 out of 50 votes, average: 0 out of 50 votes, average: 0 out of 50 votes, average: 0 out of 5 (media: 0, identificati e vota!)
Loading ... Loading ...

Nonostante io sia un utente soddisfatto di Ubuntu, abbastanza da rendermi strumento di pubblicità spontanea, non mi sono mai avvicinato alla gerarchia “ufficiale” della sua comunità italiana, anche (soprattutto) perché non mi sono mai piaciute le gerarchie in genere.

Seppure standomene un po’ in disparte, dai brevi contatti occasionali che ho avuto con vari esponenti di Ubuntu-it, posso tranquillamente affermare che - in maniera del tutto speculare alla reale realtà di tutti i giorni - nella comunità italiana di Ubuntu ci sono delle persone davvero meravigliose, così come delle autentiche «teste di cazzo» (oops ma si può dire in pollyvisione?).

Tutto ciò mi sembra piuttosto fisiologico :)

Io non ho un briciolo di quello che potreste definire “buone maniere”, quindi non entro troppo in merito, ma ad esempio Emanuele Gentili non si è fatto problemi a denunciare sul Planet Ubuntu internazionale che molti membri dell’Italian LoCo Team dovrebbero ri-leggere il codice di condotta. Esagerato? Forse, ripeto la mia estraneità all’intera faccenda, ma è una riflessione che in qualche modo si è estesa a tutti noi.

Ad Emanuele Gentili ha fatto eco anche Maurizio Moriconi, e se proprio devo dirla tutta io stesso ho ricevuto parecchie email in cui si denunciava qualche comportamento un po’ sopra le righe, soprattutto a livello di forum e irc. Ovviamente la mia posizione è di semplice osservatore e non mi sarei mai sognato di pubblicare email di denuncia su fatti che nemmeno conosco.

Fracchia \
“Com’è umano verso gli altri lei…”

Adesso, visto che il problema è salito all’attenzione del team internazionale e per vie “istituzionali”, mi chiedo se non ci sia sul serio un margine di miglioramento. Ma poi siamo sicuri che il buonismo a tutti i costi sia necessariamente un miglioramento?

Pagine forse correlate:

Commenti »

1. flux - 7/06/08 @ 20:32

sante parole… ho avuto a che fare con quelli della comunità di Ubuntu-it il giorno del rilascio di hardy… eravamo in chat sul canale irc della comunità. Stavamo parlando del più e del meno ed eravamo, come tutti, impazienti del rilascio… io segnalai per primo che la pagina del rilascio era stata aggiornata ma non c’era ancora l’annuncio ufficiale. Tutti naturalmente a scaricare e io fui bannato e cacciato in maniera molto sgarbata, reo di aver annunciato il rilascio senza il permesso… ma avevo solamente segnalato l’aggiornamento della pagina, tutti quel giorno facevamo refresh continui ehehehhee. Comunque, gli sta bene, secondo me si so montati troppo la testa

2. Luca \"elle.uca\" Ferretti - 7/06/08 @ 21:12

Felipe, da semplice osservatore, potresti cortesemente evidenziare il fatto che "emgent" ha rimosso quel post di "denuncia" dal suo blog?

Beh, se vuoi anche che gli screzi personali non sono motivo per gettare fango su tutti, ma questo sarebbe un punto di vista e non è concesso a un semplice osservatore…

3. NeXTWay - 7/06/08 @ 21:32

Bah… a me hanno sempre risposto cortesemente… non ho mai usato IRC ma il forum è frequentato da gente disponibilissima ;)

4. Michele - 7/06/08 @ 22:07

Esperienza personale: consultando il forum di ubuntu-it.org ci sono alcune personalità che millantano un potere e un carisma che non hanno e che spesso si accompagna anche a una preparazione poco professionale (c’è differenza tra utente avanzato e diligente, e semplice smanettone).
Non conosco i fatti nei dettagli ma sia il loro planet che il loro forum non sono risorse a cui faccio ricorso molto volentieri.

5. Dimedhel - 7/06/08 @ 22:09

Mah… Io onestamente ho avuto a che fare quasi esclusivamente solo con la comunità internazionale. "Irregolarità" nel LoCo Team Italiano non ho avuto modo di rilevarne, forse proprio perchè poco vi ho avuto a che fare. Certo sarebbe triste se davvero, in una comunità come quella di Ubuntu, Italiana o meno, si verificassero davvero cose ti tale portata da farne andare via alcuni membri. Speriamo in meglio.

PS: Bellissima la censura della Pollyvisione :-P . Evidenziatela col mouse :-D …

Ciauz.

6. tacone - 7/06/08 @ 22:15

Frequento i canali irc di ubuntu-it da dicembre. Se da un lato posso capire alcuni kick o ban, devo dire che alcune volte si sono verificate situazioni alquanto spiacevoli, soprattuto su ubuntu-it-chat.
Ora, il fatto che Gentili non sia stato l’unico a mollare la comunità (pure io entro nei canali ubuntu-it il meno possibile), potrebbe voler dire che qualche malessere c’è. o no ?

Per quel che mi riguarda ricorderei alla comunità che:
- accenni al fascismo, anche vaghi, (tipo: boia chi molla) non sono il massimo del buon gusto
- che un moderatore irc, quando agisce, non deve aggiungere alla punizione modi sgradevoli. ha rinunciato al privilegio divenendo op (nota: non sono mai stato bannato ne kickato dai canali).
- discorsi razzisti (nord/sud: scie di castrazione chimica, colpi di pistola etc) sul canale di chat, anche a tarda ora, non sono il massimo della vita neanche quelli.

Il punto non è tanto Emanuele Gentili (il cui post effettivamente era fuori luogo nel planet), quanto varie altre persone che si sono persi per strada (citate nel post), che davano supporto ed erano preziose per la comunità.

Mi pare un bene che la cosa abbia attirato l’interesse della comunità internazionale (se è vero, non citi fonti quando lo scrivi), anche se spero che si risolva in un semplice ammonimento.

7. Dimedhel - 7/06/08 @ 22:20

Tristezza…

8. Tux - 7/06/08 @ 22:57

Per esperienza personale nella comunità internazionale da forum a chat passando per mail-list si è molto più collaborativi, democratici e molto più ‘Ubuntu’ (la parola non il logo).

gp

9. Massimiliano - 7/06/08 @ 23:43

Fantastico l’Inglese del post nello screenshot! O_O

10. LuCypher - 8/06/08 @ 0:04

Per come la penso io certa gente dovrebbe stare meno tempo davanti al PC, coltivare altri interessi e magari sc****e qualche volta.
La casta del LoCo italiano però crea soggezione negli aspiranti collaboratori, per questo molta gente preferisce aprire un blog su cui raccogliere le proprie guide anziché inviarle allo wiki ufficiale.
Inoltre per essere ammessi al suddetto LoCo su launchpad credo serva una raccomandazione, perché rifiutano anche gente che vanta un Karma (il livello di partecipazione su launchpad) molto alto.
Mah….

11. Don - 8/06/08 @ 0:21

Gente che non "lavora", gente che, a quanto pare, non riesce a riempirsi a sufficienza la giornata ==> Gente che si monta la testa e rompe il cetriolo al prossimo come i bambini che non vanno a dormire per tempo la sera…

Sempre la solita storia, ovunque si vada…
Lo vedo in facoltà da me: da noi ci fanno il culo così, siamo talmente pieni che alla sera, spesso non abbiamo materialemente la forza di fare qualcos’altro. Alla fine risultiamo totalmente alienati.
In un altro ateneo che non faccio nome (ma che avete visto in questi giorni sui giornali) gli "studenti" stanno sempre a darsele per questa o quella ideologia, a manifestare, a fare sit-in per ogni cosa.
Se la mia facoltà finisce sui giornali è perchè hanno stretto qualche partnership importante con qualche multinazionale estera. Se ci finisce l’altra è sempre per qualcosa di poco edificante…

A quanto pare fanno poco se la gente lì dentro ha fior di tempo libero per fare tutt’altro…

12. Emanuele Gentili - 8/06/08 @ 2:02

Salve,

Il mio post ha fatto molto eco, specialmente per la frase finale che ho scritto, decisamente portata dalla rabbia e dalla poca riflessione che è andata a fare di tutta un erba un mucchio (certe parole le evito). :)

Ufficialmente nato, e lo dico con la coscienza pulita, come comunicazione ufficiale della mia presa di posizione riguardo alcune decisioni e linee portate avanti (da una parte della comunità) che personalmente non condividevo, il post è stato oggetto di strumentalizzazioni varie, forse eccessive (ma che riesco benissimo a comprendere rileggendo il mio post a "bocce ferme").

Per la generalizzazione del post, come ho già fatto e come ribadirò nelle sedi opportune porgo le mie scuse al gruppo di Ubuntu Italia, che dall’alba dei tempi si spende per dare supporto attivo ad utenti, cercando di lavorare nei vari settori per arricchire materiali e saperi.

Come la storia ci insegna gli errori portano sempre ad una crescita e ad un miglioramento, io ho sbagliato e non ho problemi ad ammetterlo, spero solamente che altri che non si sentono apposto con la coscienza mostrino la propria umiltà così da confrontarsi e gettare le basi per una crescita ed un rilancio collettivo della comunità.

13. Emanuele Gentili - 8/06/08 @ 2:03

p.s. pollycoke fixa sto template che interpreta abbastanza di cacca i miei apostrofi :P

p.p.s se non hai voglia di fixxarlo ora almeno sistema il mio ultimo commento, poi procedi pure all`eliminazione di questo post, grazie :)

14. HelpBox - 8/06/08 @ 9:10

Io penso che la soluzione sia…
POLLYCOKE!

Una bella sezione "helpbox" stile messagebox,
apposta per le richieste di aiuto/risposte,
con l’aplomb e l’educazione che impermea ovunque questo sito.

Tra l’altro potrebbe esserci un’impennata di visitatori!

15. blackout - 8/06/08 @ 9:40

Mi sento di condividere il senso di tristezza generale per questi incresciosi avvenimenti. Tuttavia questo non risale agli ultimi anni.

Ho avuto, durante la mia esperienza, anche io a che fare con molti idioti (i miei idioti stavano su Azzurra-irc sul canale #oltrelinux, fra i quali annovera il sedicente esperto informatico Velenux).

Purtroppo la mamma degli stupidi e’ sempre incinta e alcuni italiani stentano a capire lo spirito comunitario che lega linux.
Non ho mai potuto digerire quel "rtfm" detto a sproposito per qualsiasi cosa.. se vuoi aiutare aiuti e specifichi dove conviene usare un manuale, se non vuoi aiutare statti MUTO e nun parrari piuttosto che dire stronzate e fare il saputello.

Io per esempio, agli albori della mia esperienza con linux, sono stato cazziato da Velenux perche non sapevo dove stava "=" nella tastiera americana e mi sono permesso di chiederlo (dovevo far avviare un cd con delle opzioni particolari e non si poteva scegliere il layout della tastiera!!), quindi rendetevi conto dell’idiozia della gente.

16. Kiko - 8/06/08 @ 9:59

C’è una differenza sottile ma fondamentale tra la gerarchia e l’organizzazione. Il senso è questo. Quando si crea una comunità per forza di cose c’è un ideatore o fondatore che butta lì l’idea o le idee principali e dà vita in qualche-modo ad una comunità. Poi ci sono i membri che si spera diventino sempre più numerosi di giorno in giorno. Nel momento in cui il primo membro entra a far parte della comunità, ecco che nasce la necessità dell’organizzazione. Se prendete a riferimento un sito di social network è facile capire il fenomeno: serve qualcuno che organizzi eventi, discussioni, metta mano al portale (ad esempio), se si tratta di un blog di informazione serve una sorta di direzione-strategica (che dia il consenso a questo o a quell’altro di scrivere, che segnali o stoppi utenti pericolosi o dannosi). Da qui ad accentrare il potere su poche persone, potere poi gestito in modo autoritario e equilibrato, ce ne passa. Ed è questo il momento del declino. Purtroppo essere leader oggi è difficile e complicato. E c’è tanta gente che ha creduto di essere troppo importante e di avere un ruolo importante sul web o all’interno di una comunità. Si sbaglia di grosso. E prima o poi, certi atteggiamenti si pagano a caro prezzo.

17. Gus - 8/06/08 @ 10:28

Un altro che lascia la comunità italiana di ubuntu. Dopo Divilinux e molti altri. Mi chiedo che interesse ci sia da parte dei moderatori a creare un ambiente così. Forse è un punto a sfavore della diffusione di linux, il fatto che ora inizia ad essere troppo diffuso, fa perdere quelle caratteristiche elitari di rispetto e condivisione che contraddistinguono la comunità linux. O almeno questo nel mio mondo ideale

18. davide - 8/06/08 @ 10:47

Felipe io ho avuto una quanto meno "brutta" esperienza nel forum della comunita’ italiana e ho deciso che non era il posto adatto a me.
Un luogo dove ti bannano se non hai la cravatta quando entri, dove se non lecchi il c… ai moderatori sei in blacklist e dove si scocciano tanto se dici la tua e non va’ nella stessa direzione loro…

Poi hanno dei modi da repressi informatici che vedi solo nei film dei nerd anni 80. Le persone che vivono solo on-line dovrebbero darsi una bella sveglia e mettere i piedi x terra!!!

19. Troppofortee - 8/06/08 @ 10:49

Si guarda, non posso che essere d’accordo con chi si augura l’apertura di una sezione Help su Pollycoke. E’ ormai più di un anno che sono passato a Linux e i problemi che ho avuto me li sono risolti da solo smanettando, o con l’aiuto del tuo sito e di pochi altri. I Signori del Forum se la tirano di brutto e poi non sono mai stati in grado di aiutarmi. Per me possono chiudere pure!!!

20. Gus - 8/06/08 @ 10:50

Devo anche dire, però che se si cercano gli interventi di Emanuele Gentili sul forum (emgent) non risultano tutti così ad uopo con il codice di condotta della comunità di ubuntu. Mi sa che da dire ce n’è per tutti…

21. remix_tj - 8/06/08 @ 10:58

Devo dire 4 cose principalmente:

- Mio caro Felipe, leggi le fonti prima di scrivere un post perche’ se da un lato quello che ha fatto emgent e’ di inequivocabile interpretazione, dall’altra la tua interpretazione di cio’ che ha scritto bugman e’ totalmente errata; Bugman voleva invitare emgent a leggere il CoC, non la comunita’, come tu ha invece interpretato

- Per tutto quello che leggo relativamente alla membership della comunita’ volevo fare una precisazione. L’attivita’ su launchpad e’ un aiutino in piu’, ma per avere la membership e’ richiesta un attiva e costante partecipazione alla comunita’ italiana.

- Scrivere sul wiki e’ gratis, non richiede membership o partecipazione a gruppi, non ha vincoli. E ci potete scrivere cio’ che vi pare. Quindi chi ha scritto che apre un blog per non scrivere sul wiki deve ammettere che non lo fa perche’ ha screzi con la comunita’, ma solo perche’ vuole un po’ di visibilita’ in piu’ (sul wiki uno non fa caso a chi ha scritto la pagina) e tante visite al blog.

- Riguardo ai messaggi poco graditi sui canali di chat o i ban di cui non si comprendono i motivi esiste in gruppo irc al quale fare riferimento per problemi o risoluzione controversie. La risoluzione viene loggata pubblicamente e viene quindi data la possibilita’ di ricorrere al consiglio di comunita’ in caso di controversia non risolta.

Consiglio per ultima cosa di non parlare se non si sa. Si fanno solo brutte figure.

22. felipe - 8/06/08 @ 11:26

@\”elle.uca\”:
Resta fermo così. voglio farti una foto

@Emanuele Gentili:
OK sistemato il tuo commento. Ma non è più semplice scrivere in italiano? :)

@HelpBox:
@Troppofortee:
Avere più visitatori solo per avere più visitatori non mi interessa e al momento non c’è alcuna “Pollycoke HelpBox” in vista, ma grazie per averlo scritto! :)

@remix_tj:
Devo dire 1 cosa principalmente: prima di darmi consigli che tu stesso non condividi sarebbe opportuno che leggessi quello che scrivo. Non ho “interpretato” un bel niente.

@tutti:
Ovviamente, come ho messo bene in chiaro nell’articolo, accanto a gente inutile, esistono persone stupende, e questo accade in Ubuntu-it come ovunque. Generalizzare è sempre sbagliato¹, farsi liberamente un’idea grazie anche alle vostre opinioni è auspicabile, e per chi ne ha voglia credo sia ancora meglio verificare di persona :)


[¹] Guarda mamma, ho creato un paradosso!

23. remix_tj - 8/06/08 @ 11:35

Cito testualmente:
[cut]
Ad Emanuele Gentili ha fatto eco anche Maurizio Moriconi,[...]
[cut]

Dal dizionario demauroparavia:
1è|co
s.f.inv., s.m.
2b AU chi ripete la voce o le parole di qcn.: essere l’e. di qcn.

Quindi tu vuoi dire che Maurizio Moriconi ripete cio’ che ha detto Emanuele Gentili.

Falso, e’ una tua interpretazione errata del post di M.M.

Sempre dal dizionario sopracitato:

in|ter|pre|tà|re
v.tr. (io intèrpreto)
1a AU comprendere e spiegare un testo, un discorso e sim. nel suo significato più recondito: i. una frase, un passo controverso; intendere e porre in evidenza i caratteri peculiari di un artista o della sua opera: i. un racconto in chiave psiacoanalitica, i. un quadro, un poeta difficile da i. | TS dir., comprendere una norma giuridica nel suo esatto intendimento al fine di poterla applicare

Ho sbagliato nuovamente a scrivere?

24. Anonymous - 8/06/08 @ 12:00

Caro felipe
Ribadisco il concetto espresso da Remix_tj appena sopra.
Bisogna conoscere esattamente gli antefatti per poter esprimere quanto meno un’opinione serena e il CoC è stato scritto dalla comunità internazionale per dare delle regole comuni, alcune delle quali come capita nelle maggior parte delle leggi dello stato, vanno interpretate e in caso di diversa valutazione fra più parti un giudice indica quale sia l’interpretazione più consona al caso.

Va da se che le valutazioni del CoC da parte di Emanuele circa il suo caso e da No0tic Darksun heavymind e maruscia, per il caso citato da Tacone per il nell’ambito IRC, siano state diverse dalle interpretazioni del CC di ubuntu-it a cui spetta il compito di dirimere

Ricordo a Tacone che i quattro ex mebri del gruppu IRC si sono dimessi non per questioni inerenti all’amministrazione del gruppo IRC ma per coerenza con le loro idee non sentendosi rappresentati per appunto diverse valutazioni del CoC poi espresse dal CC ubuntu-it, nel caso specifico, per una controversia che con IRC aveva poco a che vedere, tengo inoltre a precisare che gli stessi mai hanno tenuto un comportamento scorretto nei confronti del gruppo.

Caro Flux, sinceramente non ricordo il fatto da te descritto nel tuo post, ma ti ricordo che #ubuntu-it è pubblicamente loggato quindi sarebbe opportuno verificare e citarne la fonte, se poi ritenevi di essere stato ingiustamente bannato o chiccato (se veramente lo sei stato) ti ricordo che entrando nei canali #ubunutu-it-xxx accetti implicitamente il regolamento dove sta scritto che in tali casi c’è una semplice procedura di risoluzione controversie, o forse anche per te sono giuste solamente le tue valutazioni personali?

25. felipe - 8/06/08 @ 12:01

@remix_tj:
Sorvolo sul poco gradico copia/incolla e spiego pazientemente: Moriconi ha ripetuto nel suo post le parole di Gentili (con una immagine dell’originale), quindi sì: ha fatto eco. Così come ho fatto io, anche io ho fatto eco a Gentili con la stessa tecnica. Poi ognuno è stato libero di aggiungere le proprie considerazioni, è ovvio.

Ad ogni modo, farti notare che hai nuovamente sbagliato a scrivere non è esattamente una mia priorità.

26. Jester- - 8/06/08 @ 12:02

chiedo scusa, mi è scappato il say it senza il nome per il post appena sopra

27. felipe - 8/06/08 @ 12:12

@Caro Jester:
Ciò che hai scritto mi sta bene, anche se mi ripugna un po’ tutto quel senso di tribunale marziale che si respira. Resta il fatto che l’intera cosa mi vede totalmente estraneo e non mi riguarda: mi sono limitato a riportare quanto apparso su Ubuntu Planet, perché mi sembra un argomento di interesse comune (e a quanto pare ci ho preso).

@tutti:
L’implicito invito a tutti i lettori di riportare le proprie esperienze rimane valido. Non sarà magari la procedura istituzionalmente corretta, ma discutere delle cose fa sempre bene ;)

28. Anonymous - 8/06/08 @ 12:25

felipe, dall’articolo di Maurizio:
Emanuele conclude il suo post con un richiamo all’intera comunità italiana a rispettare il Codice di Condotta quando è lui stesso che con un post del genere non lo rispetta…

Questo non è fare eco al post di Emanuele, ma essere contrario ad esso. Ora hai capito cosa intendeva remix_tj o hai bisogno di uno schemino?

29. tacone - 8/06/08 @ 12:47

@Jester-: sono stato generico ed impreciso. Ho citato irc, ma non mi riferivo solo ad IRC.

Che poi spetti al CC risolvere è sicuramente vero. Difatti tutto si è risolto e chi ha perso se n’è andato. Meglio di così :-).

30. dani - 8/06/08 @ 12:54

Anonimo del commento 28, si può fare eco senza pensarla allo stesso modo. Basta distinguere

31. Anonymous - 8/06/08 @ 12:55

@felipe: il senso di tribunale marziale può ripugnarti, ma irc è intrinsecamente un ambiente piuttosto secco e diretto, soprattutto in ambiti geek. Sui canali internazionali sono ben piu’ trancianti quando serve, rispetto a quelli italiani. C’è da farci l’abitudine e imparare a comportarsi in quell’ambito lì. Certo, c’è modo e modo, ma non sono poi troppo sicuro che chi lamenta kick o ban non se lo sia cercato, dopo ripetuti avvisi. Per dire che forse io ne avrei kickati di piu’, non di meno.

32. tacone - 8/06/08 @ 12:55

il post prima è mio, ho scordato il nome :-(

33. Anonymous - 8/06/08 @ 13:05

dani:
Maurizio non ha ripetuto quello che ha detto Emanuele, ha trovato l’articolo e ha risposto a modo suo non essendo d’accordo


Elimino la parte offensiva/velenosa: ci tengo ai miei lettori, specie quelli che si degnano di firmarsi :>
felipe

34. Lorenzo - 8/06/08 @ 13:09

@ Don (post 11):
Cambia ateneo. La Sapienza abbonda di pupe, magari ne trovi una anche tu e ti passa il rodimento di c**lo.

35. Ca_PuNk - 8/06/08 @ 14:56

felipe perché non dici che hai sbagliato a scrivere ECO?

36. Maurizio Moriconi - 8/06/08 @ 16:00

Giusto per precisare:

- sono contrario a quanto affermato da Emanuele Gentili sul suo post (cioè il richiamo alla Comunità italiana al rispetto del CoC)

- mi pare di averlo scritto decentemente sul mio blog

- Ho approfittato dell’occasione per invogliare TUTTI a rileggersi il Codice di Condotta ma questo non implica che fino ad oggi l’intera comunità che ha firmato il codice non lo rispetti, anzi…

37. Warlock - 8/06/08 @ 17:05

sono in quella comunità da parecchio e, a parte qualche malinteso con qualche nuovo utente, non mi sono mai scontrato con qualcuno che abusasse o del suo potere nella comunità o del suo sapere.
il buon senso è sempre il miglior biglietto da visita in qualsiasi forum; chi cerca lo scontro (verbale) troverà pane per i suoi denti in un qualsiasi forum, come nella vita.

38. Flycaster - 8/06/08 @ 17:52

Finalmente… era da un pò che speravo di leggere sul tuo "diaretto" da ben 4002 lettori al giorno quest’argomento. Ebbene anch’io sono stato (e forse sono ancora) uno di quei "nuoviutenti-newbee-rinco-nonsofareunamazza-terminaleugualebuconero" di questo fantastico sistema operativo a sperare in un appoggio valido nella comunity Ubuntu-it. Valuto positivissimo e raramente inutile il forum nella quale ho (quasi) sempre trovato risposta ed illuminazione ai miei dubbi (gli ex-utenti Windows hanno questa "piccolissima" pecca); mentre troppo spesso trovo sgradevole e addirittura frustrante il canale irc #ubuntu-it e corrispettiva "zona scazzo" #ubuntu-it-chat (stranamente però, cento volte più apprezzata rispetto alla prima data la presenza di esseri più umani), nella quale la percentuale di operatori davvero degli di questo incarico, non supera il 3%. E’ vero, in rete girano tante teste di caxxo, ed è anche vero che la prudenza non è mai troppa… ma abusare del proprio "potere" (non è un vero potere non montatevi la testa) solo perchè così fa comodo, non giova a nessuno. Soprattutto ai novizi alle prime armi, disposti ad arrendersi ed abbandonare tutto al primo insignificante intoppo. Io mi sono fatto bastare quel 3% di "umanità verso gli altri", e continuare a far uso di quello che reputo un SO completo, funzionale, sicuro e soddisfacente, ma questo non è certo il modo per incuriosire ed attirare utenti…

39. Don - 8/06/08 @ 18:54

@34 Ma col cavolo che cambio ateneo. Io all’uni ci vado per studiare non per cazzeggiare.
In quest’italietta di scansafatiche raccomandati con complessi di superiorità a manetta sarà anche sbagliato ma mai come in questo caso mi trovo d’accordo con Giorgio Gaber

40. reaper - 8/06/08 @ 19:00

Vi dico solo che prima che nella sezione bar del forum di ubuntu è apparso un

Pollycoke contro ubuntu forum o qualcosa del genere…

Neanche ho fatto in tempo a leggere!!!

E’durato 2 secondi e ora quella sezione del forum è irraggiungibile LOL

O c’è qualche problema tecnico o sta x arrivare un orda di gente incazzata dal forum di ubuntu… LOL

41. Spr1gg4N - 8/06/08 @ 19:24

@reaper

non dire idiozie, il post è solo stato bloccato ma leggibile come è leggibile la risposta di un moderatore a quel post.

Personalmente ho notato anche io un calo di qualità della comunità col passare degli anni…troppe persone saccenti ma, che alla fin fine, ne sanno poco perfino loro e sopratutto un incremento esponenziali di post INUTILI del tipo: "Win vs Linux", "Win vs Mac", "Mac vs Linux", "NonnaPapera vs Topolino",…..

42. Alessio Treglia - 8/06/08 @ 19:27

Felipe, un paio di critiche:

1) elle.uca ha ragione, non cercare di salvarti con l’ironia (non è un comportamento da bravo ospite), hai dato una non completa informazione.

2) Anche remix_tj ha ragione, Maurizio "BugMaN" Moriconi intendeva altro (ne hai avuto conferma dal diretto interessato).

Mettendo da parte il contenuto "poco" preciso di quest’articolo, ho comunque rispetto per le tue opinioni e vorrei far notare a tutte quelle persone, rimaste scontente dai "servizi" (altro non sono) offerti dalla nostra Comunità, che le regole ci sono e se un operatore IRC o un mod del forum (e, perchè no, un Editore del wiki) abusa del suo potere, sono sempre a disposizione di tutti gli strumenti necessari per la risoluzione delle controversie.

43. reaper - 8/06/08 @ 19:53

@Spr1gg4N : ma era una battuta…c’era pure il lol alla fine…sei proprio incommentabile…preferisco lasciarti galleggiare nell indifferenza insieme ai tuoi simili

44. K99Brain - 8/06/08 @ 22:50

Ciao Felipe,

poiché Emanuele Gentili ha riconoscuto il suo errore, ha chiesto scusa e ha rimosso quel post sul suo blog, mi sembra scorretto che tu lo riproponga qui copiando/incollando.
Dì la verità, dato che questa è la notizia del momento hai voluto far montare ulteriormente la polemica a riguardo per avere più contatti sul tuo blog?

Qualche altra precisazione:
@flux:
il giorno del rilascio di una nuova versione di ubuntu è sempre un momento molto particolare e quindi si rende necessario stringere le redini. Per limitare i contatti sui server intasati di richieste prima ancora che le versioni siano disponibili e per evitare che qualcuno si approfitti della frenesia generale, si rende necessario vietare di incollare i link. Questa regola era nel topic e l’infrazione punita col ban. Non valeva solo nei canali italiani, ma anche in quelli internazionali. Quindi se hai incollato un link, giusto o sbagliato che sia, è normale che tu sia stato sbattuto fuori.

@tacone:
chi dice che siamo troppo duri e dal ban facile….chi dice che spesso dovremmo essere più duri e lasciamo troppo fare…. insomma, direi che le valutazioni sono soggettive, no?

@blackout:
sui canali non ufficiali ovviamente non commento, ma su #ubuntu-it non usiamo "rtfm" proprio per il motivo che dici tu, ovvero è una espressione antipatica.

@Gus:
ma secondo te davvero siamo contenti di perdere degli elementi cosi validi???

@flycaster:
non sapevo che esistesse una percentuale ideale di operatori. E poi quel 3% da dove cavolo l’hai tirato fuori?
Inoltre non ci sono operatori che si sono montati la testa. Anzi, si tratta di un impegno oneroso. Un contributo puramente volontario. Se ritieni di essere stato trattato ingiustamente, esistono apposite procedure per chiarire l’eventuale situazione che si è venuta a creare. Ti invito a leggere le linee guida dei canali IRC sul wiki.

45. davide - 8/06/08 @ 23:36

Io continuo a ribadire che questa è una discussione quantomeno necessaria, perchè gli strumenti per discutere sul forum ci sono solo se i saccenti decidono che sia cosi’ ed è ovvio che decidono sempre che non ci sono.
Io non ho mai risolto nulla su ubuntu-it postando e ripostando, ho sempre ottenuto risposte vaghe e ironiche come se il mio problema fosse superfluo e quello di chi ha migliaia di messaggi sul forum perchè e’ presente da 3 anni sia piu’ importante. Bensi’ la mia Ubu box funziona benissimo avendo risolto i problemi seguendo i forum stranieri o i blog sparsi nel web. Basta registrarsi al forum ubuntu principale con un minimo di conoscenza di inglese e il problema lo risolvi.
Perchè li’ conoscono bene il significato della parola Ubuntu e la sfruttano, e nn fanno i cialtroni come alcuni Italiani. L’ironia tra l’altro la trovo una buona cura anche per chi, in un certo momento ha passato 4 o 5 ore a smanettare con un problema del quale non riesce a venire a capo. E l’ironia nel forum e nella chat della quale parliamo e’ sempre off topic soprattutto se viene da un antipatico. Mentre i mod possono fare e dire cio’ che vogliono perché loro "possono". La realta’ è che come i poliziotti in strada dovrebbero dare il buon esempio xche’ sono la "legge" cosi’ dovrebbe essere nel forum. Invece risulta che i poliziotti parcheggiano in doppia fila, fanno inversione a U e poi mettono la multa a uno qualsiasi perché ha parcheggiato a 4 metri da un incrocio. C’est la vie!

46. Flycaster - 9/06/08 @ 1:30

@K99Brain:
Infatti non esiste alcuna percentuale di operatori, che significa quello che dici… sto semplicemente quantificando quanti tra gli operatori del canale svolgono e aiutano seriamente il prossimo. Quel 3% è una cifra puramente indicativa che ho preso in cosiderazione io, giusto per rendere l’idea (se ce ne sono 10, solo 3 fanno effettivamente quello che devono fare… -.-’). Le linee guida dei canali IRC le ho lette e non c’è assolutamente bisogno di ricordarlo ogni qual volta non si sa più cosa dire… sembra quasi la classica frase sparata per chiudere in bellezza. Ritengo di essere stato trattato ingiustamente e per giunta diversamente da altri che hanno assunto comportamenti di gran lunga più "dannosi", ma non mi va per niente di intraprendere nessuna procedura apposita, dato che, come ha ricordato anche felipe, sembra quasi di stare in tribunale, quando effettivamente, già dalle tue parole, si capisce che avete perso di vista il vero obbiettivo e compito che dovreste assolvere: aiutare.

PS. vorrei proprio sapere in quanti abbiano mai detto che dovreste essere più duri e lasciar passare meno…

47. Flycaster - 9/06/08 @ 2:21

@reaper:
Battuta o meno, sembra proprio che avessi ragione… la discussione su Ubuntu Bar è già stata chiusa con la scusa che l’argomento fosse già stato trattato troppe volte! Forse farebbero meglio a domandarsi che, essendo appunto ricaduti su questo evento, probabilmente il problema esiste davvero.

http://forum.ubuntu-it.org/index.php/topic,195239.0.html

48. shady - 9/06/08 @ 10:01

e dopo tutti questi o.t. e [email protected]#^e mentali…
W il GAY PRIDE!
;)

49. Alessio Treglia - 9/06/08 @ 10:04

@K99Brain: mi prendo la briga di farti notare che 3 non è esattamente il 3% di 10. E, benchè da una parte non ti vada "per niente di intraprendere nessuna procedura apposita", noto che la voglia di far polemica non ti manca.

@Flycaster: Cito l’esperto e navigato moderatore Bubu:

"Il post di Felipe prende origine da un altro messaggio di un nostro ex-utente e membro della comunità, per cui è stato alzato già troppo polverone, fortunatamente in altre sedi che non sono il forum.

Ognuno può dire la sua opinione nel proprio blog, invito tutti a non replicare la discussione sul Forum per evitare che si arrivi ad una diatriba inutile, doppione di quella sul blog di Pollycoke."

Colgo l’occasione per ribadire pubblicamente la mia opinione favorevole alla chiusura dei "Bar" del forum: molto, troppo fumo, siamo un forum di supporto tecnico, sulla rete, di forum dedicati al cazzeggio ce ne sono inifniti.

50. Luca - 9/06/08 @ 10:57

felipe:
con questo articolo hai voluto solo alimentare polemiche, non hai tenuto conto del messaggio di Maurizio e neanche del fatto che Emanuele ha tolto quell’articolo chiedendo scusa. Tu vuoi solo clic per questa specie di diaretto.

A TUTTE le persone che hanno detto di avere problemi con il forum: perché non passate i link delle discussioni?

A TUTTE le persone che hanno detto di avere problemi con i canali IRC: i canali sono loggati, quindi scrivete giorno e ora.

51. Flycaster - 9/06/08 @ 11:43

Non posso che ribattere con una risata e invitarti a leggere almeno le cose importanti di quello che ho scritto e non cazzate come " il 3 %" e roba varia… adesso vi siete impuntati su questa stupidaggine come se fosse la questione principale. Oltre a far passare la volgia di entrare nel canale IRC, fate passare la voglia anche di discutere.

52. iced - 9/06/08 @ 11:46

Purtroppo "fa più rumore un albero che cade, che una foresta che cresce".

Mi spiace che si parli della Comuntà Italiana solo quando si tratta di un fatto negativo, mi piacerebbe che questo blog parlasse anche delle iniziative positive della stessa.

Molte persone ignorano anche l’esistenza della Comunità Italiana e dei suoi strumenti (wiki, www, forum, ML…) e si rivolgono agli strumenti internazionali, quando invece potrebbero trovare molto materiale in italiano e parlare in italiano direttamente e facilmente con gli autori del materiale stesso.

Per chi è interessato alla foresta, vada a guardarsi i seguenti siti:

wiki.ubuntu-it.org (guide ufficiali e della comunità, in continuo aggiornamento)
forum.ubuntu-it.org
http://www.ubuntu-it.org (sito con tutte le notizie Ubuntu e molti altri contenuti, in continuo aggiornamento)

vedrete di cosa è capace la Comunità Italiana.

Infine, questa storia sicuramente ha insegnato molte cose, e sarà utile in futuro per evitare sbagli simili da parte di tutti.

ciao, iced

53. Fiandri - 9/06/08 @ 12:39

Io rientro a pieno titolo nella categoria dei “nuoviutenti-newbee-rinco-nonsofareunamazza-terminaleugualebuconero” di cui parlava Flycaster, e come tutti quelli nella mia condizione sono in emergenza costante, e chiedo aiuto senza soluzione di continuità. I mezzi sono: guide cartacee, wiki, blog sparsi, forum, irc. Li ho messi in quest’ordine, che per me è anche l’ordine di utilità del mezzo, nel senso che ho risolto mooolti più problemi e dubbi su irc che studiando le guide cartacee, e nel senso che alcuni (non pochi, in percentuale) dei miei appelli via forum sono rimasti senza risposta - o comunque senza soluzione - mentre su irc bene o male ho sempre avuto un riscontro positivo. Certo, non è che ogni volta, nel momento stesso in cui sottoponi un problema si mettano a sgomitare in dieci per aiutarti: a volte devi ritentare, a volte il problema non si risolve. E certo, qualche volta ho pensato che ci fosse un filo di pedanteria nel far notare le cose. Ma in generale sulla irc di Ubuntu io mi sono trovato molto bene, vi ho trovato più persone gentili, disponbili (“premurose”, secondo il codice di condotta di Ubuntu), che persone sgarbate. Magari domani mi ricredo; per ora la mia esperienza è questa.

54. Asriel - 9/06/08 @ 12:59

Ah, ma allora non è stato un caso isolato quello di essere stato "accolto" con un "ma chi sei?" quando mi presentai nel team di traduzione… lasciai perdere.

55. K99Brain - 9/06/08 @ 13:52

@flycaster:
Siamo in 8 e ovviamente non possiamo stare tutti quanti contemporaneamente collegati 24 ore su 24, ma in genere almeno 3 o 4 di noi sono lì ad aiutare. Facciamo il possibile per essere sempre gentili e disponibili con tutti i nuovi utenti. Quindi frasi come "se ce ne sono 10, solo 3 fanno effettivamente quello che devono fare…" suonano altamente ingiuriose e ingiuste.
Il richiamo a leggere le linee guida del canale IRC non è una chiusura in bellezza tanto per dire qualcosa e te lo dimostro incollando qui uno dei punti delle linee guida stesse:

5. Se non ottieni risposte, riprova a porre nuovamente la domanda dopo qualche minuto. Se ancora non ottieni alcun aiuto, riprova in un altro momento oppure usa uno degli altri canali di supporto. Ricorda che il canale è frequentato da persone che dedicano volontariamente parte del loro tempo ad aiutare gli altri. Non si può pretendere una risposta: nessuno è obbligato a rispondervi e nessuno è onnisciente! :)

leggi bene questa volta

56. Jester - 9/06/08 @ 14:08

@Flycaster

Se vuoi il log di quando sei venuto in #ubuntu-it e in #ubuntu-it-chat a fare il gradasso fammelo sapere che te lo mando volentieri cosi puoi fare anche un minimo di autocritica

57. HalphaZ - 9/06/08 @ 14:12

quoto quello che dice Fiandri.
e se qualche volta accade che nei canali irc nessuno da conto, magari la prossima va meglio… mica sono pagati per stare li e aiutare quelli che passano…

58. Alessio Treglia - 9/06/08 @ 14:25

@Asriel: sono un traduttore ufficiale e sinceramente non ricordo risposte del genere in mailing list. Puoi passarmi il link della discussione incriminata?

L’archivio completo della lista la trovi qui: http://www.freelists.org/archives/ubuntu-l10n-it/

59. Kaleb - 9/06/08 @ 15:38

Non sono solito scrivere post, ma vedendo questa discussione mi sono sentito anche io in parte coinvolto, e passo a spiegarvi il perchè. Ho provato due volte la migrazione da win a ubuntu passando per la live e chiedendo aiuto sui canali irc… beh onestamente se sto scrivendo ancora da win potete immaignare che l’aiuto non è stato dei migliori… al che snervato dal fatto di non ricevere conto da gente che su altri canali intratteneva le sue conversazioni ho pensato di cercare gente magari più disponibile tramite un cambio radicale di distribuzione. Oggi sono in contatto con diverse persone gentilissime che ascoltano tutti i miei dubbi, cercano di darmi risposte e,finalmente, sono in procinto, dopo mesi di prove "live", di passare sotto Sabayon. Ora non vorrei contraddire chi ha parlato dei mezzi per fare i reclami… ma onestamente, reclamo o meno, se io passo sotto linux lo faccio per passione e desidero avere delle persone che lo facciano per lo stesso motivo; per passione significa che su una cosa ti ci dedichi veramente e che non ti scazzi al primo colpo ma cerchi di aiutare anche chi non sa come si fa una screen. Detto questo vorrei che la mia critica fosse costruttiva e non presa come una polemica visto che quando sentivo parlare di linux vedevo sempre bei propositi ma onestamente poca apertura nella pratica… come mi disse un veterano di debian… molte delle persone che ora usano linux da anni si sono dimenticate di come erano quando lo hanno provato per la prima volta.

60. Flycaster - 9/06/08 @ 15:54

@jester:
Non hai fatto altro che abbassare la "fantomatica" percentuale su citata.

61. Alessio Treglia - 9/06/08 @ 16:36

@Flycaster: i log li puoi trovare tu stesso qui http://irclogs.ubuntu.com/

Sarebbe bello far seguire, alle accuse, i fatti ;)

62. Flycaster - 10/06/08 @ 0:21

@K99Brain:
Non preoccuparti, so leggere benissimo… nonostante ciò la mia opinione resta la stessa. Posso benissimo fare a meno del canale di supporto #ubuntu-it, o almeno riservarmelo in situazioni disperate, come ho già deciso di fare da tempo… magari mi limito a comunicare umanamente su #ubuntu-it-chat.

63. filo1234 - 10/06/08 @ 10:13

@Flycaster
ogniuno ha le sue opinioni ci mancherebbe, però a questo punto sii coerente e rimani della tua opinione anche nei casi "disperati" visto che la tua opinione è negativa sul nostro operato non capisco perchè nei casi disperati noi diventiamo utili improvvisamente.
Volevo inoltre ricordare a tutti che la nostra è una comunità in cui chi sa un po’ di più cerca di aiutare gli altri, chi sa di meno dovrebbe avere l’ umiltà di ammetterlo, ascoltare i consigli e cercare di imparare qualcosa per poi provare ad aiutare qualcun’ altro, c’ è sempre qualcuno che ne sa un po’ di più e un po’ di meno.
"Io sono ciò che sono per merito di ciò che sono gli altri"

64. Jester- - 10/06/08 @ 11:56

@Flycaster

E per conoscenza a tutti quelli che leggono: http://logs.ubuntu-eu.org/freenode/
Nei log di #ubuntu-it a partire da dicembre risulta evidente che hai chiesto assistenza più di ogni altro in quel momento presente in #ubuntu-it e SEMPRE hai ricevuto assistenza in maniera corretta e piu che soddisfacente.
Sinceramente non capisco che il perché di questo tuo astio nei confronti di IRC
Con questo chiudo la sterile polemica, i fatti reali sono li a disposizione di tutti

65. Flycaster - 10/06/08 @ 12:44

@filo1234:
Io non vorrei mettere in dubbio il vostro operato, anzi le poche volte che sono stato aiutato è sempre stato tutto positivo, ma è più forte di me, ho quasi timore di dire sempre la cosa sbagliata ed essere sbattuto fuori con estrema facilità. E’ questa l’aria che si respira, o almeno così è per me. Quindi accolgo l’invito che mi hai fatto evitando definitivamente di presentarmi sul canale.

66. Neff - 11/06/08 @ 2:44

Sinceramente non ho nulla da dire sugli esponenti della comunità italiana di ubuntu che mi è capitato di incontrare, tuttavia non capisco la rigida politica di "ammissione" all’interno del gruppo ufficiale che mi fa pensare alla comunità di ubuntu-it come ad una casta. Io ho partecipato ad ubuntusemplice.org, ho un mio blog su cui pubblico da due anni howto per gli utenti meno esperti e ciononostante, anche se volessi, non potrei essere ammesso nella comunità perchè l’aiuto che ho fornito al resto del mondo non è stato pubblicato all’interno del forum "giusto" o del sito "più fico". Io credo che tutti dovrebbero poter far parte e poter essere riconosciuti come parte del gruppo quando dimostrano un chiaro interesse ed una compatibilità di intenti con il resto della comunità.
Secondo me la comunità italiana si fa solo del male allontanando da sè tutte le persone volenterose che vorrebbero dare una mano ma che non se la sentono di trasformare la propria voglia di aiutare gli altri in una "missione", o peggio in un lavoro.
Per me le comunità vere si formano da sole, stanno insieme per intento comune, non perchè c’è un tesserino da guadagnare.

67. non_lo_so - 11/06/08 @ 5:02

@ Don #11: ah perché una università che stringe partnership con una multinazionale è una cosa edificante? :O

;)

68. Jack Flame - 11/06/08 @ 10:51

@Don #11: Bravo, continua così…studia sempre di più e non fare altro nella vita. Vivi per il lavoro e non il contrario. Ah, un’altra cosa: non fare come quelli de La Sapienza che, come dici tu, non "fanno altro che fare sit-in, ecc…" e che non fanno niente tutto il giorno (ma tu sei lì a controllarli?), pensa solo ed esclusivamente a te stesso. Vai in una multinazionale a lavorare. Fai carriera mi raccomando! Ma tanto non avrai problemi con tutto quello che hai studiato. Poi la TUA università ha anche degli accordi….che fortuna. Tanto la società in cui vivi a te non importa giusto? Quelli de LA Sapienza sono stati pestati dai fascisti perchè non studiavano….
Sei VERAMENTE un grande.
Complimenti.

69. vervelover - 11/06/08 @ 12:22

felipe, vuoi sistemare questo articolo? Hai riportato notizie sbagliate e incomplete!

70. felipe - 11/06/08 @ 14:10

@Maurizio Moriconi:
Grazie per la precisazione, non credo che ce ne fosse bisogno (non per me cmq) ma è sempre meglio essere ultrachiari quando si parla di religione.

@reaper:
Quella discussione lì era inutile. Il moderatore di turno lo ha chiuso a ragione e con molta correttezza. Se cerchi nel forum la parola “pollycoke” noterai che si sono verificati episodi vergognosi di discussioni troncate in maniera assurda solo perché linkavano il mio diarietto. La cosa comica è che tra quelli c’è un cerebroleso di modetatore, dal nome totalmente idiota, che è un mio avido lettore.

@Alessio Treglia:
Su irc non ho niente da dire perché lo frequento poco e quelle volte che ci entro c’è sempre un’atmosfera cordiale. Il discorso del forum è diverso, e a dirlo non sono soltanto io. Le regole vanno benissimo, ma tra chi le dovrebbe fare rispettare ci sono un paio di idioti che rovinano l’immagine di tutti voi.

Inutile nascondere la testa sotto la sabbia, il messaggio vi è stato lanciato: adesso tocca a voi regolarvi e non dovete certo farlo cercando cavilli ridicoli sulla (sacrosanta) scelta delle mie parole!

@K99Brain:
Non mi è sembrato corretto che Gentili lo eliminasse, fai tu… ;)

@vervelover:
Se tu non sei d’accordo non significa che siano notizie sbagliate e incomplete. Invece di fermarti al primo livello di astrazione cerca di comprendere il messaggio che ho voluto lanciare. Lo hanno capito in molti e non mi sembra così complicato, basta un po’ della serenità che ci ho messo io scrivendolo.

71. vervelover - 11/06/08 @ 17:54

felipe: ma non vuoi proprio capire? Maurizio Moriconi è contro l’articolo di Emanuele, e quest’ultimo ha cancellato l’articolo. Perché queste cose non sono scritte sul tuo articolo? Il problema non sono le mie convinzioni ma il tuo articolo!

72. Provate Linux Mint ed iniziate ad allevare tartarughe! - 12/06/08 @ 4:53

Provate Linux Mint ed iniziate ad allevare tartarughe!

73. Anonymous - 17/06/08 @ 18:18

ciao a tutti/e finalmente si sono accorti che di quante arie si tirano in quel forum italia!!io nemmeno ci entro più in quel forum,quando mi serve assistenza digito in google ed in rete qualcosa la si trova e se mi porta in ubuntu italia??ne esco fuori di corsa!!cmq. è vero quando chiedevi qualcosa a cui non sapevano rispondere o che non gli garbava ti ignoravano fino a che non ti arrivava risposta da un altro semplice utente che già si era imbattuto nel tuo stesso problema così che poteva darti qualche dritta,poi ho assistito al massacro verbale di persone e al bannaggio di altri che dicevano solamente che ubuntu aveva qualcosa di meno di altri sistemi operativi…è assurdo…………cmq. mi sono sembrati ragazzini(quelli del team)col loro nuovo giocattolino,ragazzi alle prime armi lavorative..un pochettino fanatici,insomma un pò montati del loro operato..ragazzoni cresciuti che senza aver sgobbato mai prima nella loro vita…ora che hanno raggiunto il palco,ora che hanno la piazza dove potersi esprimere..si credono arrivati..colpa dei genitori??

(commentando accetti implicitamente le Regole di pollycoke, leggile!)