jump to navigation

Software libero, Old School Rap… ma che simpatici al CERN!

In News il 11/09/08 @ 22:54 trackback

Aggiornamento: ho aggiunto alcuni interessanti link suggeriti nei commenti (grazie!) da semplici appassionati e perfino dai diretti interessati :)

[youtube j50ZssEojtM]


Avrete sicuramente sentito quello che sta accadendo al CERN, no? Stanno sperimentando un sistema per rendere più credibili le folkloristiche interpretazioni di Vostradamus secondo cui da un momento all’altro potrebbe esserci la fine del mondo. Inventano la Vita ricreando il Big Bang, cercano un dio1 nel mondo di quark… e per educare i più restii lo fanno anche a tempo di (uno scalcinato) rap vecchia maniera!

Non solo, tenetevi forte! Come segnalato in MessageBox da Dass (grazie!), scopro che le ultrasofisticate sale di controllo al CERN fanno uso di software libero! Nello specifico, The Dot riporta che gli scienziati usano alcune applicazioni del modulo KDE Education e probabilmente altro software libero miscelato a software proprietario secondo gli usi. Rassicuro subito tutti, sottolineando che usano software dello stabilissimo KDE 32 ;)

SCIENCE CERN, KDE KNotes - pollycoke :)

SCIENCE CERN, KDE - pollycoke :)

Beh, fa quasi piacere sapere che il nostro culo potrebbe saltare grazie a delle personcine così simpatiche3 :D

Link seri suggeriti nei commenti

Link meno seri suggeriti nei commenti :)

Vorrei inoltre ringraziare i lettori di pollycoke che lavorano al CERN e che hanno preso un attimo di tempo per lasciare un segno, uno su tutti G1261, ve ne sono davvero grato! In realtà credo che l’attenzione mediatica abbia semplicemente bisogno di essere catalizzata da grosse emozioni, poi i più naturalmente curiosi sapranno senza dubbio approfondire.

Scherzi e “link meno seri” a parte, credo che tutto il mondo sia eccitato da questa avventura!

Note all'articolo:

  1. Case insensitive: ‘ndo cojo cojo. []
  2. Ehi dov’è finito il plasmoide antimateria? Naaah, suona male []
  3. Il video via ComputerWeekly, via SlashDot []

Pagine forse correlate:


Commenti »

1. Anonimo - 11/09/08 @ 23:01

Non cercano nessun dio , ma il bosone di Higgs

2. tizio - 11/09/08 @ 23:03

non mi sorpende che il cern utilizzi software libero, visto che per l’analisi della sterminata mole di dati hanno appositamente sviluppato un framework sotto licenza gpl2

http://root.cern.ch/root/

p.s. e stai tranquillo che non salta per aria nessuno (al limite veniamo risucchiati in un buco nero) :)

3. http://magatz.blogspot.com/ - 11/09/08 @ 23:03

Tranquillo Polly, non salta il culo a nessuno!
E poi che qualche scienziato abbia detto la stronzata della particella di dio, è il segno che anche negli ambienti più immuni dalle malattie religiose, purtroppo qualcuno si porta i virus che gli sono stati attaccati con forza da piccolo!
Comunque che al CERN si usi SW libero è cosa nota da tempo a chi bazzica tali ambienti. ti basti pensare che usano OpenMP per parallelizzare il SW che gira sulla loro grid per l’analisi di quei 15 petabyte di dati!

4. smaramba - 11/09/08 @ 23:05

sarà, ma io nelle foto dei monitor della sala di controllo centrale ho visto solo WinXP.

5. smaramba - 11/09/08 @ 23:11

@3
OpenMP non è software libero, è una specifica come lo è OpenGL. Poi ci sono implementazioni libere come quella fornita da GCC 4

6. Rudolph - 11/09/08 @ 23:12

Se avessero usato windows a quest’ora altro che buco nero :D

7. Anonimo - 11/09/08 @ 23:22

io ho letto non so dove che utilizzano linux virtualizzato con vmware su macosx….

ho letto una cazzata? ditemi di si…..

8. Abbio - 11/09/08 @ 23:30

Guardate il sito di repubblica di ieri: http://canzonilibere.altervista.org/repubblica_fine_del_mondo/repubblica.it.html (ma sì possono mascherare gli url in questo blog???) :p

9. Pak - 11/09/08 @ 23:33

Però nel video (all’inizio) si vede chiaramente una schermata di xp…
Che tristezza =(

10. Wurzo - 11/09/08 @ 23:36

io ho letto che usavano un iPhone virtualizzato con VMware e flashato col firmware dell’ultimo Zune… come macchina host usavano un Altair 8800 programmato just in time da Bill Gates

è possibile?

11. joshg - 11/09/08 @ 23:44

@ Wurzo
ahahahahahh!!!

12. Alba - 11/09/08 @ 23:57

certo che se leggeste di + il giornale, nn sareste tutti qui allegri e beati!!!

http://iltriomedusa.blog.deejay.it/files/2008/09/repubblica.jpg

:)

13. Alba - 11/09/08 @ 23:59

ops … sorry, Abbio :(

14. mimmozzo - 12/09/08 @ 0:00

quella pagina di repubblica è spettacolare…. :D

15. Pappice - 12/09/08 @ 0:20

mamma che palle con questa storia…

16. FrancescO - 12/09/08 @ 0:24

La scienza usa SOLO (o quasi) software libero. Usavamo un software open su fedora per il telescopio allo stage.
Per quanto riguarda i catastrofismi sono chiacchere da bar, rimbalzate sui media per fare ascolti. Non succederà nulla se non risolvere alcuni misteri della fisica. Povero bosone di Higgs… la particella di Dio… Quanto sparlarci sopra e quante cavolate…

17. MorCeleb - 12/09/08 @ 1:12

non solo usano software libero, ma hanno fatto anche una loro distribuzione (scientific linux) basata su red hat :-P

18. http://dsmv.blogspot.com/ - 12/09/08 @ 1:13

effettivamente al cern si usa SIA win SIA linux…
la sala di controllo a prevessin effettivamente usa win… poi win è relegato a gestire posta (sitema “nice”) e per gli uffici amministrativi. I fisici (noi) usano Scientific Linux (derivata di red hat).
Io personalmente uso ubuntu e me ne frego ;-)

19. zakk - 12/09/08 @ 1:32

Dire che il bosone di Higgs è la particella di Dio serve solo a sottolinearne l’importanza per il Modello Standard, senza nessuna connotazione religiosa. Sarebbe la particella mediatrice della forza di gravità, scusate se è poco.

20. Frenzo - 12/09/08 @ 2:59

Lol, si generano micro buchi neri che evaporano subito dopo,
per creare il buco nero quello serio e mangiatore di mondi e galassie ci vorrebbe ben altra energia.
Per creare un buco nero dovresti poter comprimere un uomo in un elettrone, o la Terra nelle dimensioni di una biglia.
Questa e’ una teoria vecchia di una trentina di anni, e non vi preoccupare che al CERN c’e’ proprio colui che ha scritto tale teoria :D
E’ sicuro della sua teoria!

21. allanon - 12/09/08 @ 3:00

Lol, si generano micro buchi neri che evaporano subito dopo,
per creare il buco nero quello serio e mangiatore di mondi e galassie ci vorrebbe ben altra energia.
Per creare un buco nero dovresti poter comprimere un uomo in un elettrone, o la Terra nelle dimensioni di una biglia.
Questa e’ una teoria vecchia di una trentina di anni, e non vi preoccupare che al CERN c’e’ proprio colui che ha scritto tale teoria :D
E’ sicuro della sua teoria!

22. allanon - 12/09/08 @ 3:00

scusate, ma chi e’ Frenzo? lol
mi e’ spuntato sto nome O_O

23. Wyrmskull - 12/09/08 @ 3:08

In questi casi credo che il sistema operativo usato su questa o quella macchina sia relativamente poco importante.
Anche WinXP se usato bene non crasha e non da particolari problemi, specie in ambito amministrativo. Certo rimane proprietario, ma non tutto il mondo è perfetto.

Controllare se una particella teorica esiste è una verifica sperimentale necessaria per consolidare alcuni modelli o crearne di nuovi.
Le conclusioni filosofico religiose che ne possono conseguire sono e devono essere una cosa ben diversa.

Se poi per divertirsi e vedere la cosa in modo diverso si fanno un autoironico rap, basta che i soldi delle 60 nazioni non vadano in fumo in fallimenti ed esperimenti che non partono per me va bene.

24. frodo - 12/09/08 @ 7:11

Se usano windows gli dite contro… Se usano linux gli dite contro perchè usano KDE.. se avessero usato gnome non sarebbe andato bene a qualcun altro e se avessero usato la riga di comando neanche! Mai contento nessuno. “La particella di Dio” non è stato nessun scienziato a chiamarla così ma qualche giornalista ignorante.

25. ataru - 12/09/08 @ 7:44

Quel busone di Higgs…..ah ah ah
Cose tanto grandi per cose tanto piccole….bò?

26. hutch - 12/09/08 @ 9:02

Quoto allanon…
Se i giornalisti si fossero documentati di più avrebbero scoperto che i buchi neri che si POTREBBERO creare sono vermante piccoli… Se non ricordo male vicino all’ordine di 10^-17 metri. Inoltre il tutto è stato progettato per girare con un regime massimo di 7 Tesla… una stella arriva come minimo a 10^6T… L’ordine di grandezza è veramente tanto…

27. Dass - 12/09/08 @ 9:11

Mamma, mamma, sono finito su pollycoke!

apparte gli scherzi:
c’è davvero chi mischia Dio e buchi neri, al progetto lavora anche una suora:
h tt p://it.notizie.yahoo.com/asca/20080910/tit-cern-anche-suora-a-caccia-della-part-59fdfba_1.html

28. Dass - 12/09/08 @ 9:23

Mamma, mamma, sono su pollycoke!

apparte gli scherzi :-)

c’è chi davvero tenta un connubio tra scienza e fede, a questo progetto ci lavora anche una suora-scienziata:
http://it.notizie.yahoo.com/asca/20080910/tit-cern-anche-suora-a-caccia-della-part-59fdfba_1.html

29. shady - 12/09/08 @ 9:40

Usano software libero? CREANO SOFTWARE LIBERO….

https://www.scientificlinux.org/ —-> Ossia RHEL reimpacchettata e distribuita aggratisse….
e devo dire che è una meraviglia di stabilità…. Sopratutto sui serveroni….

win$ nei server? ahahahahah che ridere…..

30. Diego - 12/09/08 @ 9:41

Questo Universo ha causato un errore irreversibile e sarà terminato.

Se il problema persiste si prega di riportare il problema nel bugtracker di Dio.

31. mazzulatore - 12/09/08 @ 9:58

In realtà l’obbiettivo è d far piantare matrix, solo che così facendo cadremo tutti esanimi al suolo….

Rettifico!!! mi si stanno spostando gli oggetti sulla scrivania verso Nord!!!! E’ il Blue Hole Of Death!!!!

32. diegor - 12/09/08 @ 10:10

Sono 25 anni che parlo di buchi neri… ma nessuno mi ha mai dato ascolto! :P

33. XIM - 12/09/08 @ 11:13

@diegor
sicuro che i buchi neri di cui parli tu abbiano attinenza con quelli di cui si sta parlando? ;)

34. diegor - 12/09/08 @ 11:31

@xim
sempre buchi neri sono! :) Vai a prendere proprio il pelo eh! :P

35. lorentz - 12/09/08 @ 11:47

eheh
rap :D
La comunità scientifica è quella che fa più uso di software libero e ne sviluppa anche molto per i propri usi.

36. finferflu - 12/09/08 @ 11:54

Cosa sta succedendo a CERN? Beh, c’e’ la webcam live:
http://www.cyriak.co.uk/lhc/lhc-webcams.html

37. FSCK - 12/09/08 @ 12:07

Complimenti per la disinformazione.
Se non sai nulla di fisica fai meno il pagliaccio.

38. pol - 12/09/08 @ 12:19

Fanno semplicemente scontrare dei neutroni che più ci creare un buco nero della grandezza di un altro tipo do buco non fanno.
Adesso i tg romperanno i cog*ioni con sta storia per i 4 anni dell’esperimento….bah italia è italia resterà.
E il mondo intorno, da pirla, si preoccupa e gente si uccide.
Mah…qui il buco nero lo ha la gente in testa.

39. chalda - 12/09/08 @ 12:50

#37
4 anni? AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAHHHHHHHH!
Ancora il 21/12/2012!

40. Maleficius - 12/09/08 @ 13:01

Ma i petabyte si misurano a scoreggie?
:D

41. - 12/09/08 @ 13:09

Utiizzano questa distro:
https://www.scientificlinux.org/

42. G1261 - 12/09/08 @ 13:14

ciao a tutti: sono un fisico del CERN e ho deciso di intervenire anche se non lo faccio mai (anche per mancanza di tempo!).
Alcuni punti da chiarire:

1) Si faranno scontrare protoni (non neutroni!) a 7+7 TeV (1 TeV 10^12 eV)
2) L’esperimento non durera’ 4 anni, ma 15-20 anni, se non ci tagliano i fondi prima :(
3) Gli unici buchi neri che vorremmo si creassero sono quelli di cui parlava Diegor ;)
4) In ogni caso, se LHC fosse in grado di creare dei buchi neri “mortali” allora la terra, il sistema solare, etc… non esisterebbero da tanto tempo, perche’ la radiazione cosmica produce in continuazione “scontri” di particelle nell’atmosfera ad energia ben maggiore di 14 TeV
5) La “particella di Dio”, cioe’ il bosone di Higgs, con Dio non ha nulla a che fare, quindi i preti possono stare tranquilli
6) E’ triste vedere che l’unico motivo per cui l’attenzione mediatica si concentra su una impresa scientifica di questa portata e’ la paura creata da disinformazione. Sarebbe bello vedere in TV meno stronzate e piu’ cultura, senza togliere nulla alle veline ;)
7) infine: al cern si usa linux (o meglio scientific linux https://www.scientificlinux.org/) che e’ derivato da redhat. Sulla mia scrivania, portatili, etc… c’e’ ubuntu. Windows si usa per le cose amministrative, la posta, office, etc…

43. diegor - 12/09/08 @ 13:22

Ecco ben detto! :)
Grazie delle delucidazioni!
Ho molti amici che lavorano a questo progetto e l’ho sempre seguito da informatico quale sono.
Ogni tanto un po’ di informazione “oggettiva” ci vuole.

44. gioby - 12/09/08 @ 13:38

Nella ricerca scientifica purtroppo si USA il software libero, ma non lo si comprende! :(

Così prima o poi ci ritroveremo i computer pieni di Windows, nn c’è molto da fare :(

45. ^__^ - 12/09/08 @ 13:50

il vero buco nero è nei crani di chi non vuoel pensare con la sua testa….. ciauz

46. io - 12/09/08 @ 14:31

MA dai fine del mondo…..la gente vede troppi film….secondo voi degli ingegneri rischierebbero la fine del mondo per cercare un dio?? Troppe volte internet divulga informazioni fasulle

47. Minkiux - 12/09/08 @ 14:54

@finferflu:

ahahha, per un attimo ci ero cascato! ihihhihi

48. IlPresidente - 12/09/08 @ 15:11

per chi non lo sapesse …. al cern hanno riprodotto un fenomeno naturale che avviene agni giorno che putroppo non si riesce ad osservare…e basta.
E’ proprio vero che ormai la stampa e i media stanno diventando forse la più atroce forma di dittatura… ci plasmano i pensieri e le idee come vogliono.
ciao

49. JoP - 12/09/08 @ 15:42

Io odio quei giornalisti ignoranti che scrivono articoli deformando le informazioni con quello che il loro cervello inferiore riesce ad inventarsi: “particella di dio” è solo un soprannome ironico dato dagli scienzati(Leon Max Lederman) al bosone di Higgs, per la sua importanza in quanto da’ massa alla materia (praticamente rende reale la realtà, e fa in modo che un calcio nel fondoschiena sia doloroso). Ma nonostante questo ho visto articoli in cui si parla della ricerca di dio al cern, e interviste a preti a cui viene chiesto cosa ne pensano della questione: un po’ che se io chiamassi la mia amata pandina “Ferrari” a mo’ di scherzo, e qualcuno andasse a intervistare montezemolo per chiedergli se stanno progrttando un nuovo modello di ferrari utilitaria! Questa è scienza! Non un film o un intervento mediatico, oppure una di quelle cose di cui parla solo studio aperto! Una persona “normale”(e quindi abbastanza ignorante in materia, come me del resto) non dovrebbe nemmeno farsi delle opinioni tanto azzardate su argomenti del genere, proprio per la sopracitata ignoranza in materia. Come se gli scienziati andassero in giro a creare buchi neri sperando che inghiottiscano la terra per fare in po’ di spettacolo…
Inoltre bisognerebbe fare più di un giro su wikipedia, e parecchio spesso:
http://it.wikipedia.org/wiki/Bosone_di_Higgs
http://it.wikipedia.org/wiki/Large_Hadron_Collider (vedere sezione ‘Rischi’)
http://it.wikipedia.org/wiki/Cern
http://it.youtube.com/watch?v=hauhd4JqPqI (inglese)

P.S. non ho una panda, neanche la patente in realtà…
P.P.S. Anch’io penso che la stampa e i mezzi di informazione abbiano uno straordinario potere, fortuna che loro ancora non lo sanno, oppure che non sono ancora riusciti a mettersi d’accordo su come conquistare il mondo…

50. Simone - 12/09/08 @ 16:26

@felipe

=============
Technical Support
=============

Your request was intercepted by Bad Behavior, security software which protects the Web site you visited from malicious activity, such as hackers, spam and viruses. We apologize for the inconvenience, but your request matched a profile of suspicious activity. This problem is usually quite easy to fix.

Your computer’s IP address was determined to have recently sent spam or engaged in malicious activity as reported by the Project Honey Pot monitoring service. This means your computer is most likely infected with viruses or other malicious software. See below for more information.

This problem may be caused by viruses or spyware on your computer, or by malicious software that pretends to be anti-virus or anti-spyware software. Ensure that you have REAL anti-virus and anti-spyware software on your computer, that they are kept up-to-date, and that you have run a full system scan using each tool. Once your system is cleaned of viruses and spyware, please try your request again.

The free Google Pack provides trustworthy anti-virus and anti-spyware software.

If the above suggestions fail to resolve the problem, click Back and contact the e-mail address you were given for further assistance.

Error 403

We’re sorry, but we could not fulfill your request for / on this server.

You do not have permission to access this server. Before trying again, run anti-virus and anti-spyware software and remove any viruses and spyware from your computer.

Your technical support key is: d58c-164c-2b02-1b1f

You can use this key to fix this problem yourself.

If you are unable to fix the problem yourself, please contact pollycoke at gmail.com and be sure to provide the technical support key shown above.

solo io vedo questa pagina cercando di aprire pollycoke?

virus non penso di averne su ubuntu o_0

possibile che sia perchè esco con un indirizzo IP di fastweb, e quindi potrebbe essere lo stesso indirizzo di qualcun altro con una macchina infetta??

per ora accedo da proxy, intanto ti segnalo questa cosa…

ciao!

51. FrAnKHiNrG - 12/09/08 @ 16:46

Tutti sti timori sono stati messi in giro solo da stupidi pseudo-studiosi pagati dalle compagnie petrolifere.
Si sa che gli esperimenti che stanno conducendo in questo periodo al CERN potrebbero portare benefici praticamente in ogni settore dalla medicina all’energie alternative. Quegli sporchi venduti

52. ale - 12/09/08 @ 17:30

Non devono ricreare il big bang, bensì simulare la condizione dell’universo qualche istante dopo il big bang. Non si creerà nessun buco nero, tranquilli. Telegiornali e quotidiani dovranno pur incrementare, rispettivamente, share e copie vendute..

53. Simone - 12/09/08 @ 17:36

@felipe
ok sembra tornato tutto regolare… mah

@FrAnKHiNrG
veramente è stata tutta salutare pubblicità per il CERN,
che ha avuto una visibilità incredibile

54. margot - 12/09/08 @ 17:38

Siete tutti dei bosoni x.

55. spek - 12/09/08 @ 18:48

bè, bisogna ammettere che quelli del cern non si sono spiegati poi tanto bene…in realtà è chiaro che se fanno un mega esperimento del generis non rischiano di certo a creare un buco nero (che se non ricordo male ha una massa SPROPOSITATA, come fai se ci butti nell’accelleratore una manciata di atomi??…..vabbè ne so poco…)….ma è vero che l’anello del cern è una macchina dalle potenze spropositate e quelli del cern se ne vengono fuori dicendo “noi stiamo per fare una esperimento che simula il big bang…e non sappiamo esattamente i risultati, visto che non c’era nessuno quella volta a vedere!!!”
questi stanno a fà esperimenti su buchi neri, rappando e ballando, e non hanno una minchia di idea di cosa succede??? effettivamente un po di preoccupazioni ti vengono a galla……

viva i bosoni che non se so’ magnati il sistema solare và…….LOL

56. G1261 - 12/09/08 @ 19:06

Non e’ il CERN ad essersi spiegato male, sono i giornalisti che capiscono solo quello che vogliono capire.
Per quanto riguarda la massa dei buchi neri quelli osservati finora sono stelle collassate di massa molte volte superiore a quella del sole. Tuttavia ci sono delle teorie che prevedono la creazione di mini-buchi neri, che pero’, sempre secondo queste teorie, dovrebbero evaporare a causa delle fluttuazioni quantistiche (ok, e’ un po complicato da spiegare solo a parole). Se NON evaporassero e se avessero materia da assorbire (cosa non ovvia alle dimensioni microscopiche di cui parliamo), allora a lungo andare potrebbero anche ingrandirsi.

Il motivo per cui non succedera’ nulla (come ho gia’ scritto nel mio precedente post) e’ che collisioni di particelle ad energia anche MOLTO maggiore di quelle di LHC avvengono nell’atmosfera in continuazione e non e’ mai successo nulla di catastrofico. Quindi le possibilita’ sono due:

1) i mini-buchi nero esistono, ma evaporano
2) i mini-buchi neri non esistono

Spero sia chiaro ;)

57. spek - 12/09/08 @ 19:11

ero ironico, kmq grazie , molto chiaro :P

58. http://mtuxland.blogspot.com/ - 12/09/08 @ 23:29

E’ incredibile quanto hype abbia generato questa notizia! Anche tra i “non fisici”, tutti a parlare di buchi neri, in autobus, al bar…
Neanche Steve Jobs e il suo ufficio stampa sarebbero riusciti nell’impresa di interessare la gente alla scienza, che i più ritengono (purtroppo) noiosa.

Pensate che sul mio minuscolo blog le visite sono decuplicate solo perchè linkavo una pagina contenete lo streaming live dell’evento…

Quello che mi lascia un po’ l’amaro in bocca è che il giorno dopo (tra l’altro il giorno dopo un bel tubo, visto che quella del 10 era solo una accensione di prova per i giornalisti, fatta a energie bassine e con un solo fascio di protoni) non ne parla più nessuno… i maghi e i ciarlatani hanno spostato la loro mira su altre distruzioni planetarie e la gente comune se ne frega di un esperimento che porterà in ogni caso progressi scientifici incredibili e ricadute sulla vita di tutti i giorni che supereranno di gran lunga le visioni più fantascientifiche!

ciao,
Marco

59. Marco - 13/09/08 @ 0:13

Un saltuto dal CERN! Pensa che proprio grazie alla fisica delle particelle ho conosciuto il software libero. E ora non ne so pi’ fare a meno! :D
E tranquillo: non salti per aria, ne’ verrai risucchiato.
Marco

60. bubilinux - 13/09/08 @ 0:23

io sapevo che al cern fanno girare gli applicativi su playstation 2 crackata

è possibile?

@6. Rudolph [code]
Se avessero usato windows a quest’ora altro che buco nero :D
[/code]

si, saremmo stati risucchiati tutti dal Blue Screen Of Death…
uuaaaaaaaaaaaaaaa

61. dado - 13/09/08 @ 3:47

W i buchi neri col pelo!!!

62. CNetwork - 13/09/08 @ 9:00

@bubilinux: qualcuna ha già pensato a questo: http://it.youtube.com/watch?v=Q3BmAqpV2Io

63. joeytribb - 13/09/08 @ 11:41

Con 9 miliardi di euro avrebbero potuto prendere un paese dell’Africa a CASO, magari mettendosi una benda agli occhi e lanciando un dito su una mappa, e dargli una grande mano…….

Spero almeno che ne valga la pena.

64. G1261 - 13/09/08 @ 12:48

Sui costi di LHC (e della ricerca in generale) il discorso sarebbe lungo.
Un sito trovato a caso:
http://zfacts.com/p/364.html
Secondo quel sito la “sola” guerra in IRAQ e’ costata finora ~580 miliardi di dollari (credo l’ordine di grandezza sia piu’ o meno corretto).
Praticamente con quei soldi avrebbero (avremmo!) risolto buona parte dei problemi dei paesi africani.
Naturalmente nessuno puo’ garantire quali ricadute possono venire fuori dalla ricerca fondamentale, ma in passato le ricadute sono sempre puntualmente state molto maggiori di quanto fosse prevedibile.
Non pretendo di convincere nessuno, ma ogni cosa va messa nella giusta prospettiva

65. joeytribb - 13/09/08 @ 13:01

Sicuramente la ricerca serve e produrrà qualcosa di utile. Magari non nel breve periodo ma avremo dei benefici nel lungo.

E’ anche vero che ci sono altre “cose” come la guerra in iraq o i gran premi di automobilismo che sono veramente costosi…

Faccio l’esempio dell’Africa così a caso.. ma ci sono una marea di situazioni da sistemare per le quali basterebbe 1/5 di tutte queste spese…. forse è solo idealismo :)

Ti quoto in pieno per l’ultima frase :)

66. marco - 13/09/08 @ 14:34

questo l’avete già visto?
http://www.bivacco.net/marco/index.php/2007/01/23/il-bosone-di-higgs-spiegato-a-oliver/

67. G1261 - 13/09/08 @ 15:48

@Marco:
Molto bello, proprio fatto bene!
Ah, ho visto anche il resoconto del “10 settembre”:
http://www.bivacco.net/marco/index.php/2008/09/10/lhc-startup-in-diretta-dal-cern/
che rende abbastanza bene l’idea di come la cosa e’ stata vista dal “di dentro” ;)

Invece se volete divertirvi ecco il buco nero :)
http://www.cyriak.co.uk/lhc/lhc-webcams.html

68. HackersViolanoLHC - 13/09/08 @ 17:24

“Hacker violano i computer dell’Lhc. Il Cern: “Nessun danno rilevante”
“Un team di greci è entrato nei server dell’esperimento Cms. Era a un passo dall’accedere a uno dei computer centrali”.

http://www.repubblica.it/2008/09/sezioni/scienza_e_tecnologia/big-bang-test/lhc-hacker/lhc-hacker.html

Secondo me il pinguino ci ha salvati

69. Jepessen - 13/09/08 @ 19:39

@46: Si vede che non hai visto Neon Genesis Evangelion…

70. felipe - 14/09/08 @ 11:29

@tutti:
Ho aggiornato l’articolo con le succosissime informazioni che avete aggiunto nei commenti, grazie mille! Grazie specialmente a chi lavora al CERN e ha trovato il tempo di commentare e rispondere alle tante domande :*

71. G1261 - 14/09/08 @ 11:58

Ringrazio Felipe per l’apprezzamento :)
Per riportare un po’ la discussione sul tema di ubuntu, vorrei segnalare che root (il framework interattivo per l’analisi) viene distribuito anche per ubuntu:

http://mirror.phy.bnl.gov/debian-root/ubuntu/

le istruzioni di installazione sono per gutsy, ma funziona perfettamente anche con hardy.
Per farci qualcosa di sensato bisogna comunque studiarsi un po’ il tutorial:
http://root.cern.ch/root/Tutorials.html
Credo che root sia abbastanza generale da essere un tool interessante anche per i non addetti ai lavori

72. franco - 14/09/08 @ 13:27

non l’ha detto nessuno scienziato che cercavano la particella di dio, e’ una boiata sparata dai media come al solito.

73. os-so - 22/09/08 @ 15:57

scientificlinux e’ semplicemente fantastica … per ora ho provato solo il live CD , ma ho ricavato dello spazio per installarla su una partizione di uno dei miei PCs …

TO BE CONTINUED …

74. giacomo - 24/06 @ 11:07

Giusto un aggiunta a quello scritto dal collega G1261, per i servizi di produzione (database, application server ecc) si usa RHE.

In generale il dipartimento di informatica partecipa e contribuisce alla comunità opensource, testando software su larga scala (per esempio stiamo lavorando con gli sviluppatori di trac) e in condizioni particolari di stress (interessante il progetto openlab http://cern.ch/openlab).

Baci e grazie polleecoke che mi da una razione d’aria ogni tanto.
jack