jump to navigation

GNOME Shell (GNOME 3) continua ad intrigarmi

In News il 23/11/08 @ 20:04 trackback

Le istruzioni per Installare GNOME 3 Shell, aggiornatevi seguendo le notizie su GNOME 3 ;)

GNOME Shell - pollycoke :)" rel="lightbox[pics3686]" href="/wp-content/uploads/2008/11/gnome-shell-20081122.jpg">GNOME Shell - pollycoke :)


La riscossa di GNOME continua, e a ritmi che mi fanno molto ben sperare. Non so se quello che vedete qui sopra verrà un giorno chiamato GNOME 3, ma la direzione sembra quella giusta, o se non altro siamo contenti che finalmente ci sia una direzione di qualsiasi genere essa sia ;)

Leggo sul blog di Owen Taylor che il concetto di GNOME Shell, di cui avevo scritto qualche tempo fa (rileggetelo, ci trovate molti dettagli interessanti) continua ad essere sviluppato e gradualmente trasformato in codice. Non si tratta di innovazioni assolute, di stravolgimenti incredibili e nemmeno di concetti che non siano già disponibili adesso in vari sistemi operativi, ma quello che mi intriga è semplicemente l’approccio tipicamente GNOME: pulizia, razionalità, funzionalità.

Nel mio errabondo peregrinar tra sistemi operativi e interfacce grafiche più o meno pornografiche sono passato diverse volte tra GNOME e KDE, senza ovviamente dimenticare WM e DE “minori”, e dopo l’ultima Grande Migrazione (cit “«Signori, wobbla»“) in cui ho lasciato l’ottimo GNOME (cit self) e sono passato a KDE 4 (cfr “Passo a KDE4 …ma voi non imitatemi ;)“), mi ero proprio augurato che l’impatto e le innovazioni del nuovo desktop con la kappa prima o poi contribuissero a strattonare il progetto GNOME, che a detta degli stessi sviluppatorie era entrato in una fase di decadenza (cfr “GNOME in decadenza…” e “E va bene GNOME è in decadenza, ma…“).

GNOME Shell - pollycoke :)
Il pulsante per accedere alle “Attività”

Beh sembra che questo stia avvenendo, gradualmente e senza grandi rivoluzioni come invece è successo per KDE 4 (a tal punto che alcuni hanno perfino teorizzato la possibilità di un fork di KDE). I pilastri1 di GNOME Shell sembrano invece gli stessi solidi che hanno reso grande GNOME 2, con in più un’occhio strizzato a:

Tutti concetti non nuovissimi appunto, alcuni dei quali mutuati da sistemi operativi e interfacce già esistenti (tanto per buttare un po’ di sale, cfr “Che ci fa Folder View in GNOME 3.0?“)2 ma… che spettacolo se verranno amalgamati insieme e integrati con lo stile GNOME!

Note all'articolo:

  1. Tanto per usare un termine caro al progetto KDE []
  2. Ok ok, la smetto con i link, giusto per zittire chi dice che ultimamente scrivo solo di KDE :-P []

Pagine forse correlate:


Commenti »

1. WhitePhoenix - 23/11/08 @ 20:08

A me quel mockup o quello che è fa proprio schifo…

2. ToX - 23/11/08 @ 20:18

devo dire che lo trovo piuttosto bruttino pure io, ma è ancora palesemente un mockup… ma quello che mi perplime è… per lanciare un’applicazione bisognerà usare la tastiera? O_o se è così… la direzione giusta secondo me è dalla parte opposta :) sono per una razionalizzazione estrema dei menu, in modo che TUTTO sia raggiungibile comodamente ed utilizzando solo il mouse…

3. mtuxland.blogspot.com/ - 23/11/08 @ 20:41

@Tox: pensa che per me è l’esatto contrario :D
Non ne posso più del mouse e adoro gli shortcut da tastiera… veloci e non “sporcano” il desktop con icone e simili…

Per quanto riguarda il mockup, non mi piace esteticamente, ma appoggio l’idea del pannello laterale… usiamoli sti benedetti monitor wide!
Vedo entrambe le “novità” un toccasana per i portatili (schermo non enorme e touchpad scomodo)

ciao,
Marco

4. SinNiji - 23/11/08 @ 20:48

Bruttino, anche secondo me. Ma è solo un inizio. Anche se preferirei il pannello laterale un pò più snello!

5. montoya - 23/11/08 @ 20:50

kde a vita

6. Dareus - 23/11/08 @ 21:05

io sono un convintissimo sostenitore di KDE e sono davvero contento della ventata di aria fresca che kde4 sta portando nel mondo dei DE, sono ancora più contento dell’effetto che sta avendo sul progetto GNOME che è sempre stato interessantissimo e che, se saprà rinnovarsi come KDE ha fatto, lo diventerà ancora di più

7. finferflu - 23/11/08 @ 21:27

@ ToX
Se ci pensi bene, la maggior parte delle volte che interagisci con le applicazioni, lo fai attraverso la tastiera, poi vabe’ dipende da quello che ci fai col computer. Ma per chi ci lavora la tastiera e’ un punto cardine. E quando la tastiera e’ un punto cardine, il mouse diventa solo un impiccio.
E poi vuoi mettere 3-4 tasti contro una cinquantina? :P

Personalmente spero che l’uso del mouse venga confinato il piu’ possibile… magari ad applicazioni di grafica, audio e via dicendo…

8. snizzo - 23/11/08 @ 21:48

splendido mi piace tantissimo

9. Diego - 23/11/08 @ 21:50

Tutto rigorosamente in Mono?

10. Yodash - 23/11/08 @ 22:01

@Diego
No non credo proprio… si parla di C e Javascript se non erro…

11. BlackLukes - 23/11/08 @ 22:05

Orribile. Giuro che se tutta la trepidazione per GNOME3 che possiedo viene ricambiata con questo abominio lo tradisco e ci metto una kappa sopra.

12. Yodash - 23/11/08 @ 22:09

Io non ho capito una cosa:
Per lanciare nuove applicazioni o aprire nuovi file… premo sul pulsante activities, d’un tratto le finestre delle applicazioni già aperte si zoommano alla “exposè”? E quindi per aprire una cosa “nuova”, clicco sul menu nero (Activities)… per scegliere un qualcosa di precedentemente aperto.. clicco sulle finestre che hanno subito l’exposizzazione?????
..mmm se è così non sono molto convinto…. troppi click e spostamenti per passare da un’applicazzione all’altra….

13. Capolavoro - 23/11/08 @ 22:11

Ci sono tutte le premesse per un nuovo capolavoro dell’ingegneria del software, come lo è kde4.

14. fscannav - 23/11/08 @ 22:14

Usate xfce
è leggero e funziona benissimo

15. kinto - 23/11/08 @ 22:44

IMHO la sfida di gnome dev’essere lanciata cmq sul piano della tecnologia e non solo su quello della presentazione. KDE e Plasma hanno svolto un duro lavoro per creare una nuova shell flessibile e dall’architettura future proof. Per fare le cose che vedo qui sopra in plasma infatti non credo ci vorrebbe molto, sempre che lo si voglia fare. Con questo non voglio dire che Gnome non possa competere. Voglio dire che la competizione non inizia con due cazzatine di pannelli con degli shortcut ma partendo dalle basi e rinnovando l’infrastruttura. Vorrei vedere meno mockup in questa fase iniziale e più discussioni sul design (software) dellle nuove componenti, ridesign delle vecchie!

16. kinto - 23/11/08 @ 22:50

@7,finferflu: non credo che la tastiera sia una soluzione. E’ necessario fornire un ottimo supporto per la tastiera ai power user ma farla diventare il cardine dell’interazione per l’utente medio che pro avrebbe? E per un utilizzatore casuale? E soprattutto il concetto è in controtendenza con l’idea di disegnare interfacce che funzionino bene sia su desktop che su device mobili touchscreen.

17. Mah... - 23/11/08 @ 23:46

Ma la soluzione all’obsolescenza delle tecnologie che stanno alla base di Gnome sarebbe una nuova interfaccia?

18. AkumA - 24/11/08 @ 0:12

a me fa impazzire…bellissimo!

19. dado - 24/11/08 @ 4:05

si penso all’utente medio che per riuscire ad aprire tutte le applicazioni sul proprio pc deve imparare tutte scorciatoie da tastiera. Allora per ricordarsele tutte le scriverà su un foglio di carta, cosi’ si torna indietro… a penna e foglio! che bella INNOVAZIONE CONGRATULAZIONI! E poi il futuro non sta’ nel touch screen? come farlo senza icone e menu ma con le scorciatoie???

20. liberamente-kayowas.blogspot.com/ - 24/11/08 @ 6:46

Interessante, allora qualcosa di nuovo esiste veramente.

21. Barra - 24/11/08 @ 7:57

la strada che porterà a gnome3 è in buona parte già stata definita per quanto riguarda tutto quello che non si vede. Già in gnome 2.24 ci sono modifiche al codice nell’ottica di mantenere la compatibilità con le prossime gtk3

Ritengo poi l’uso della tastiera fondamentale e per me Gnome-DO è stata una delle più belle novità nel mondo del pinguino degli ultimi anni. Certamente però semplificare l’utilizzo del topo non sarebbe male.

Mi chiedo però: Lo sviluppo di Gnome (e delle GTK) da chi è portato avanti? Il creatore da quel che ricordo lavora in novell e si sta occupando di mono, moonlight ecc. Avrà tempo per seguire seriamente il progetto e soprattutto: Novell sostiene KDE4, a che pro spendere per lo sviluppo di gnome?

E in tutto questo il Dextop experience team di Canonical che deve studiare nuove soluzioni per il desktop dove si infila (niente volgarità please :P)?

22. Mandarancio - 24/11/08 @ 13:48

A parte i punti salienti come time machine indicizzazione dei file etc etc (che sono molto validi).. I prototipi ufficiali visti fin’ora mi deludono parecchio.. Per una diffusione maggiore e un miglior approccio bisognerebbe pensare al design e all’utilizzabilità (un po’ come si è fatto con kde4..) non lasciando ai programmatori lo studio del design..

Poi è da contare che oggi giorno ad essere abbandonata (per un uso desktop) è sempre più la tastiera, utilizzando sempre più il mouse e altre periferiche (touchscreen, tavolette grafiche)

23. Plasma «form factor»: plasmoidi auto-ridimensionabili « pollycoke :) - 24/11/08 @ 14:46

[...] Note all’articolo:Grazie per la parola, kinto, l’avevo sulla punta della lingua :D [↩]Manca poco che mi metta a scrivere in [...]

24. Vortex - 24/11/08 @ 15:38

@ fscannav

XFCE è leggero finchè non ci installi tutti i programmi di gnome indispensabili per un sistema desktop,poi diventa esattamente come tutti gli altri DE se non peggio….se poi vogliamo ridurre la leggerezza di XFCE a thunar bhè….c’è poco da dire,ma per il resto solo leggende metropolitane.
Quanto a questo mock a me personalmente fa pena,la prima cosa che ho pensato vedendo l’immagine è stata “un nuovo articolo su KDE4″…poi leggo il titolo e ho pensato “oh mio Dio!”…mi auguro che gnome3 sia totalmente diverso da sta roba.

25. Ottaviano - 24/11/08 @ 16:20

Fantastico tutti a sparare a zero su una cosa che è stata appena abbozzata! Davvero fantastici! -.- e oltretutto solo sulla grafica!

Ma guardare al di là del proprio naso, no eh? :D

26. Reia2k - 24/11/08 @ 19:44

@ Vortex
Beh, no: non direi che è una leggenda metropolitana. E’ sbagliato credere che Xfce sia
un DE ottimale per macchine datate: in queste rendono meglio altre soluzioni più spartane.
Rimane però più performante su hardware di medio livello in confronto a Gnome o Kde4,
anche una volta che uno vi ha installato i programmi “necessari”. Questo in base ad una
mia esperienza personale. L’impressione è che Xfce rispetto agli altri sia più modulare.
Per gennaio è prevista la versione definitiva della nuova versione 4.6. Vedremo.

27. Vortex - 24/11/08 @ 20:30

@Reia2k
Bhè io uso XFCE in ufficio e non ho notato alcuna differenza con gnome o KDE che invece uso a casa (salvo per thunar che è indubbiamente più reattivo di konqueror o nautilus) ,anzi,se devo essere sincero mi ha procurato molte più perdite di tempo che altro(come levare l’orrido sfondo dalle icone sul desktop o attivare riavvio e spegnimento del PC),per modulare che intendi?che si puo’ modificare a proprio piacimento in ogni singolo aspetto?Ma perchè su gnome o KDE non puoi?
Parlo di leggende metropolitane perchè si fa credere che XFCE sia chissà su quale altro pianeta rispetto ai due noti quando in realtà tutta sta differenza io personalmente non ce la vedo…se si è fanatici della “leggerezza” bisogna ricorrere a fluxbox.

28. Reia2k - 24/11/08 @ 21:17

@ Vortex
Non saprei che dirti: la differenza io l’ho notata a parità di computer, mettendo ora una ora
l’altra. Per modulare, mi riferivo alle applicazioni. Puoi avere un DE o un WM leggero quanto
vuoi, ma se poi usi macigni di applicazione allora è inutile: firefox su fluxbox sempre lento
all’avvio sarà.
Se usi Kde hai un determinato set di applicazioni, difficile trovare sostituti leggeri: per masterizzare userai k3b, per sentire musica amarok… non hai “seconde linee leggere” ben sviluppate. Anche Gnome va in questa direzione, con ottime prime linee perfettamente integrate. Ma se non ti piacciono e hai bisogno di opzioni leggere, allora ti conviene partire
da Xfce, che ha una base più scarna, e metterci quello che vuoi. Per capirci, Eog è integrato in Gnome; se vuoi puoi toglierlo e metterci Mirage o Gpicview, ma almeno a me, danno l’impressione di essere fuori posto. Se una sostituzione del genere la faccio su Ristretto, che è il visualizzatore base di Xfce, la vedo più smooth (ed effettivamente ristretto in genere è sempre accantonato dalle varie distro!). Da questo punto di vista Lxde è ancora più modulare di Xfce. Per l’aspetto invece, hai ragione: gnome e Kde sono di gran lunga più malleabili.

29. Birzz - 24/11/08 @ 23:20

Desktop Shell? mi ricorda qualcosa

30. Ikarus - 25/11/08 @ 14:27

Mi sembra piuttosto pesante e confusionario. Carina l’idea della barra laterale, ma nulla di nuovo. Già altri hanno provato a proporla con scarso successo. Però mi sembra troppo affollata, soprattutto di cose inutili. Nelle “activities” uno dovrebbe trovarci le applicazioni che usa di più, non l’help di Gnome o la configurazione Bluetooth. Così come è fatta è solo un’accozzaglia di icone infilate a casaccio. Se poi è solo un’immagine per dare un’idea
Inoltre, visto che Gnome parte in ritardo nel ripensare il desktop, potrebbe sfruttare questo (s)vantaggio pensando già l’interfaccia per i touch screen, magari i multi touch, che fra pochi anni potrebbero prendere molto piede.

31. Hack-p - 28/11/08 @ 12:06

Mah… sarà pure un mockup, ma non mi sembra niente di che. KDE sarà sempre un passo avanti.

32. Neff - 28/11/08 @ 13:21

Orrendo orrendo… se gnome 3 assomiglierà anche solo lontanamente all’obbrobrio che hai appena osato postare…. non so cosa fare, perchè KDE4 non mi piace e XCFE lo trovo troppo minimale. Insomma se mi portano via il mio buon vecchio GNOME 2 non so cosa dovrò fare. Non capisco perchè tutti ce l’abbiano con GNOME 2. Cos’ha che non va? Perchè dovrebbe scimmiottare KDE4 e seguiro a tutti i costi nel baratro?
Speriamo che non succeda niente del genere, e che GNOME rimanga bello, pulito e funzionale

33. gabriele vidali - 28/11/08 @ 16:06

@ Neff
tranquillo. quelli di gnome propongono e infilano tante belle cose fighe che puoi tranquillamente disinstallare per tornare all’essenziale.

tracker ? segato
samba ? segato
gnome-do ? segato
compiz ? segato

sono solo specchietti per allodole

34. Barra - 28/11/08 @ 17:37

beh samba, tracker e compiz non fanno parte di gnome (ho qualche dubbio su tracker) e nemmeno gnome-do a dir la verità.

Sono comunque molto importanti per lo gnomo. Trovo però tracker fastidioso, beagle sembra essere molto + bravo nel raccattare info nel sistema.

35. JosephK - 30/11/08 @ 12:24

+ fisicità da mouse = – intelligenza da tastiera

quindi, volendo rispettare la mia attività cognitiva,

+ desktop semantico alla Krunner/gnomeDO
- menu e icone per bambini analfabeti

36. Installare e tenere aggiornato Gnome Sheel su Ubuntu 10.04 Lucid Lynx | GeekUP - 21/06/10 @ 13:36

[...] pagine per informarvi un pò a riguardo :) 1) Bhè si, questo Gnome mi intriga (pollycoke.net) 2) GNOME SHELL (gnome 3) continua ad intrigarmi (pollycoke.net) 3) Pagina "ufficiale" (live.gnome.org) 4) Gnome Shell: testate e promossa, ma non [...]