jump to navigation

Presentato il secondo Googlefonino

In News il 17/02/09 @ 21:21 trackback

NB: a 01:30 circa comincia invece la presentazione del Palm Pre

Leggendo la notiza della presentazione da parte di Vodafone del secondo smartphone ad usare Google Android, non ho essenzialmente potuto fare a meno di pensare con un po’ di tristezza ad OpenMoko e a quello che si prospettava come il telefono che tutti noi stavamo aspettando.

Prima ancora di pensare alle caratteristiche di questo nuovo Googlefonino ho pensato che al momento basterebbe sapere di potersi portare in giro i propri dati e documenti personali in formato aperto per essere sicuri di non perderli mai. Per ottenere questo e non cadere nella trappola di creare un secondo inutile iPhone è indispensabile che uno smartphone a prova di felipe sia dunque basato su tecnologie aperte.

Per fortuna sembra proprio che Google abbia capito questa esigenza: Android è il primo sistema aperto che può tranquillamente puntare a dominare il mercato nelle più diverse incarnazioni. Me lo figuro installato in auto totalmente a suo agio mentre mi da indicazioni sulla rotta da seguire, nel computer di casa con cui quasi non avrebbe bisogno di sincronizzazioni, essendo tutto basato sul web e beh, ovviamente sul telefono.

Questo secondo Googlefonino, chiamato HTC Magic, non è male: immancabile touchscreen, fotocamera a 3.2 Megapixel, Wi-Fi, GPS e per la prima volta - grazie all’ultimo Android - la tastiera è virtuale (non ho ancora deciso se questo è un pro o un contro). Vodafone e HTC1 tengono a precisare che l’attenzione al design è stata maniacale e che il modello sarebbe stato pensato apposta per compiacere principalmente il gusto europeo.

Sì, ora ci arrivo: l’HTC Magic verrà venduto anche in Italia ;) e dotrebbe avere un prezzo inferiore ai €200 (leggo: dai 99 ai 199).

Note all'articolo:

  1. Salute -.- []

Condividi questo articolo:

  • FriendFeed 
  • TwitThis 
  • Facebook 
  • Badzu 
  • LinkedIn 
  • Google 
  • del.icio.us 
  • Wikio IT 
  • DiggIta 
  • Technotizie 
  • OKNotizie 

Pagine forse correlate:

Etichette: , , ,

Commenti »

1. manang - 17/02/09 @ 21:36

io leggevo 400 euro..magari a quel prezzo ci mettono il contratto da due anni…

2. Anonymous - 17/02/09 @ 21:46

http://www.repubblica.it/2009/02/sezioni/tecnologia/gsma/google-g2/google-g2.html?rss

qui parla di quattro piotte :-(

3. Ciso - 17/02/09 @ 21:54

Tra 99 e 199 è il prezzo con i vari abbonamenti vincolanti Vodafone ;)

4. Boooh - 17/02/09 @ 21:55

E per la serie “il neo è brutto, ecc”, ecco una proposta di samsung: http://www.corriere.it/Fotogallery/Tagliate/2009/02_Febbraio/16/BARCE/17.JPG

5. patrick91 - 17/02/09 @ 22:03

http://www.vodafone.com/start/media_relations/news/group_press_releases/2009/vodafone_and_htc_unveil.html ;)

6. nk02 - 17/02/09 @ 22:16

gran bel terminale, anche se non capisco perchè htc non presenta qualcosa tipo diamond2 con android per esempio. solo con wm..
comunque penso lo prenderò, android mi piace sempe di più, e sono stanco di avviarlo sul mio diamond nel quale non si può nemmeno telefonare : D

7. furester - 17/02/09 @ 22:39

un appunto sulla tastiera virtuale: sto usando android su Neo FreeRunner come telefono di tutti i giorni e l’unico problema è quando voglio scrivere sms in movimento, se con un tastierino numerico ormai avevo memorizzato le posizioni dei tasti e scrivevo praticamente a memoria con la tastiera virtuale questo è (quasi) impossibile! ci vorrebbe una tastiera come qwo (http://wiki.openmoko.org/wiki/Qwo ) per Android!

8. furester - 17/02/09 @ 22:40

un appunto sulla tastiera virtuale: sto usando android su Neo FreeRunner come telefono di tutti i giorni e l’unico problema è quando voglio scrivere sms in movimento, se con un tastierino numerico ormai avevo memorizzato le posizioni dei tasti e scrivevo praticamente a memoria con la tastiera virtuale questo è (quasi) impossibile! ci vorrebbe una tastiera come qwo (http://wiki.openmoko.org/wiki/Qwo ) per Android!

P.S.: http://www.androidiani.com/dispositivi-android/cellulari/htc-g2-in-video-1350

9. DS - 17/02/09 @ 22:40

ma Android sul Freerunner funziona, e finalmente anche sufficientemente bene.. io lo uso come daily phone. Diciamo che lo sviluppo di Android ormai ha incluso il 50% delle features del Freerunner, di importante manca ancora il gps (almeno nella release che uso io) un wifi stabile ed il bluetooth.
Invece OM2008.12 funziona all’80%, in alcune distro (tra le quali la FDTF, creata da un utente italiano).
Calcolate che ad agosto funzionava si e no al 30%.. e non sempre!

10. furester - 17/02/09 @ 22:47

@DS: che versione usi? quella di panicking ( http://panicking.kicks-ass.org/download/ ), koolu o altra?

11. c1k0.blogspot.com/ - 17/02/09 @ 23:10

…ma solo io vedo una pubblicita’ sull’egitto invece del filmato vero?

12. DS - 17/02/09 @ 23:13

il TAR di tia1982, sulla SD. Ho provato anche quella di Michael Trimarchi, ha molte più features in più (wifi, accelerometri e qualcosa sul GPS) ma il solito bug degli SMS.

13. Giorgio Caligni - 17/02/09 @ 23:21

Io non sarei cosi’ critico con OpenMoko, Felipe.

Il Freerunner, checche’ se ne dica, e’ gia’ in vendita ora (non fra mesi o anni come questa specie di prototipi che vengono annunciati ogni mese) ed e’ un cellulare ottimo, per quello che costa (oggi si trova in Germania intorno ai 200 euro). E’ un progetto nato da zero, con fondi nulli, e basato *veramente* sul lavoro di una community aperta.
Ricordo che hanno pubblicato pure i cad del telefono, che e’ *veramente* tutto aperto, non solo a parole.

Questo Googlefonino, invece, non e’ confrontoabile col Freerunner. Lo produce HTC e di aperto ha solo Android (su cui ci sarebbe molto da dire sul modello di sviluppo, magari prova ad approfondire Felipe…Ne riparleremo), il resto e’ *tutto* proprietario.

Il Freerunner e’ un ottimo cellulare per smatteoni oggi, ma sara’ un ottimo cellulare anche per persone *normali* tra non molto. E i prossimi telefoni che produrra’ openmoko saranno migliori ancora; openmoko e’ la prima ed unica azienda ad essere entrata nel mercato con questa innovativa idea di business, contro colossi ed interessi giganteschi. OpenMoko non ha i soldi di google, e’ assurdo anche solo paragonarli. Cio nonostante qualcosa di concreto ha fattoe sta facendo.

Faccio per esempio presente che per la prossima serie OpenMoko sul loro forum ufficiale, si sta discutendo di tutti i pro e contro che stanno riscontrando i tecnici della societa’ nel trovare hardware con firmware open (il vero sogno per andare verso l’openhardware). Chiedono alle persone cosa ne pensano, ne discutono apertamente, e chiedono quale sia la loro opinione in materia. Insomma e’ veramente una ditta community-driven. Una societa’ piccolissima, ma una novita’ vera e crescera’.

Tra qualche hanno tutti faranno cosi’, perche’ il settore della telefonia e’ troppo saturo. Solo che OpenMoko sara’ stata la prima a farlo, vedrete.

E dal mercato embedded il passo per attaccare il desktop sara’ molto breve, soprattutto ora che arrivano a fare capoccella le CPU ARM…

14. Giorgio Caligni - 17/02/09 @ 23:27

Per la tastiera virtuale su touch: io pure sono sempre stato accanito sostenitore delle qwerty solide (come i nokia communicator degli albori, e simili oggi), perche’ il touchscreen per me e’ un qualcosa che non puo’ eguagliare il tocco di un tasto fisico.

Detto questo, pero’, avendo provato da qualche mese il FreeRunner, mi devo ricredere perche’ effettivamente su un dispotivio ultramobile, una tastiera fisica e’ solo un ipiccio e comunque una piccola tastiera, ma solid, alla fine e’ un handycap e basta.
Solo che nelle tastiere virtuali su touch ancora c’e’ molto lavoro da fare come usabilita’. L’illume che uso sul Freerunner ha un sacco di pecche assurde, per esempio, ma in pochi mesi e’ davvero migliorato drasticamente.

15. ToX - 18/02/09 @ 0:56

se costa meno di 200 è mio :D

un cellulare 3.2mpx con wifi e android… che poi potrei sbavare anche solo per la sincronizzazione della rubrica con gmail, il resto non mi interessa più di tanto :p

16. Giorgio Caligni - 18/02/09 @ 2:19

Come gia’ detto: il G2 non costera’ 200 euro.

99 o 199 euro e’ il prezzo suggerito per la versione “locked” di Vodafone (cioe’ con contratto esclusivo, pare infatti che in Spagna sara’ venduto a quel prezzo).

Per il telefono *sbloccato* (sempre che lo vendano) altro che 200 euro…

D’altra parte a me della tecnologia BigBrother® di Google® (cioe’ integrazioni ridicole col Web(Profile®) 2.0) )interessa davvero zero, anzi meno la vedo, meglio mi sento.

17. crom - 18/02/09 @ 10:52

io vedo un film di kate winstlet… ma non è titanic. Credo sia più recente.

18. lestat82ta - 18/02/09 @ 11:57

@DS: stavo cercando l’immagine di Android che usi ma trovo solamente le tre indicate dalla guida di OpenMoko O_O

Io ho avuto regalata la saponetta-più-amata-dai-nerd dalla mia ragazza e, oltre ad usarla ogni giorno come unico cellulare, mi diverto tantissimo creando i piccoli programmi di ogni giorno. Considerando le caratteristiche del gta03, inclusione cam e 3g, direi che il futuro non è così deprimente :D

19. furester - 18/02/09 @ 12:05

@lestat82ta: guarda sul forum telefoninux.org, http://forum.telefoninux.org/index.php/topic,1104.0.html ed in particolare http://forum.telefoninux.org/index.php/topic,1091.msg11508.html#msg11508

20. PiAnto - 18/02/09 @ 13:13

Con tutto il rispetto per openmoko, android è mondiale..

21. Xargon - 18/02/09 @ 14:16

“Me lo figuro installato in auto totalmente a suo agio mentre mi da indicazioni sulla rotta da seguire, nel computer di casa con cui quasi non avrebbe bisogno di sincronizzazioni, essendo tutto basato sul web e beh, ovviamente sul telefono.”

Il mio iPhone già fa tutto questo O.o

“la tastiera è virtuale (non ho ancora deciso se questo è un pro o un contro)”

Fidati che è un grande Pro, i primi due giorni ti trovi un po male, ma io dopo una settimana già scrivo mail e sms a velocità di tastiera del computer :)

22. un felice possessore di iphone 3G - 18/02/09 @ 14:28

dal punto di vista estetico non mi piace molto … e per quanto riguarda la GUI …. mha… a me sembra richiamare molto windows mobile con alcune caratteristiche dell’iphone…..

23. Giorgio Caligni - 18/02/09 @ 14:33

Ragazzi, pero’ non facciamo confusione. Android e’ una cosa, OpenMoko un’altra, non sono paragonabile manco per niente!

Openmoko e’ una societa’ che ha assemblato un cellulare cercando pezzi di openhardware compatibili con Linux, e ha poi cercato di stimolare lo sviluppo (e sta continuando a farlo) insieme ad una grande comunita’, di un sistema operativo basato su Linux, completamente aperto e gestito in totale liberta’ dalla community che infatti in base alle proprie esigenze ha creato decine di distro diverse per il dispositivo (come e’ avvuto per Linux sul desktop e, come dice Torvalds, cio’ e’ un bene per l’ecosistema Linux, contrariamente a quello che pensa la gente, perche’ e’ la diversita’ che porta alla ricchezza, lo dice l’evoluzione).

Android, invece, e’ *solo* un sistema operativo per dispositivi mobili basato su Linux, ma e’ sviluppato in maniera completamente diversa da OpenMoko e da altre iniziative per dispositivi mobili (vedi Moblin, per esempio che pure e’ molto attiva e interessante).

Android e’ finanziato al 100% da Google e gestito centralmente e monoliticamente da loro. Rilasciano il codice finale con licenze aperte, e’ vero, ma la sua gestione non e’ aperta per nulla, cosa che invece fa la ricchezza di altri progetti.

Soprattutto molti, ingenuamente, non si chiedono perche’ Google stia mettendo cosi’ tanti soldi per dare a tutti *gratis* un OS per dispotivi mobili. Per rispondere basta guardare cosa c’e’ dietro a livello strategico nel lungo periodo. Vedi per esempio la OHA (open handset alliance), che di fatto e’ una sorta di cartello di legame tra aziende nei confronti di Google che si candida a centralizzatore unico e monolitico per l’accesso in rete di questi dispositivi. La cosa sembra innoqua di per sé, ma faccio presente prima c’era Microsoft a fare accordi di questo tipo, mentre adesso c’e’ Google. La sostanza e’ esattamente la stessa, e cioe’ cercare di instaurare un monopolio rimanendo nella legalita’ e anzi sembrando una good company.

Quindi non mischiamo cosa imparagonabili come Adroid e Openmoko: sono due profondamente diverse e chi sa distinguere la differenza, sa anche cosa scegliere anche da un punto di vista *etico*.

24. Mackos-Gnu - 18/02/09 @ 14:46

che pacco essere in italia!
non è ancora uscito il G1, mentrein america sta per uscire il magic…
Che scatole!!

25. Conformista informatico - 18/02/09 @ 15:09

sarebbe possibile, non vedere la bubblicita!?

26. felipe - 18/02/09 @ 15:21

@tutti:
Sì effettivamente 99-199 sembra essere il prezzo con tel bloccato.

@iPhone-fa-tutto-questo:
Con “Installato in auto” non intendo appiccicato al cruscotto con uno di quei sistemi agghiaccianti per attaccare telefoni ai bocchettoni dell’aria condizionata -.-
Intendo proprio installato in auto. Carputer. Computer di bordo.

@Sì-ma-OpenMoko…
Sì ma infatti OpenMoko è una grandiosa iniziativa. Semplicemente non è ancora decollata. Ancora…

@Vedo-solo-Pubblicità:
No, aspettate 5 secondi e avrete il filmato. E prendetevela con la BBC, io non poso modificare il loro video :D

27. Xargon - 18/02/09 @ 15:58

@felipe
“iPhone-fa-tutto-questo”, Xargon era più corto da scrivere ma meno geniale in effetti :P

Il fatto di installarlo in auto, beh dipende da delle case automobilistiche, però è difficile che lo facciano, anche on android, dato che ci vorrebbe uno standard per tutti i telefoni.
In alternativa potresti sempre pensare di prenderti la ferrari che sta uscendo adesso che ha lo slot per iPhone :)

28. felipe - 18/02/09 @ 16:11

@Xargon:
A parte che gli slot mi sanno di precario, preferisco sperare in questo: https://pollycoke.net/2008/10/25/linux-e-motori-bmw-usera-google-android-nelle-sue-auto/

29. kinto - 18/02/09 @ 16:50

@21:”Fidati che è un grande Pro, i primi due giorni ti trovi un po male, ma io dopo una settimana già scrivo mail e sms a velocità di tastiera del computer :)”
LOL, seriamente come fa ad essere un grande pro?!!?! Se tu riesci a scrivere a “velocità da computer” direi che sei un caso a parte.
Non dico che non debbano esistere dispositivi con solo tastiere virtuali, ma non venitemi a dire che una tastiera vera sia un handicap! Per favore questo no….

30. Xargon - 18/02/09 @ 17:01

@felipe:
Wow, ma come hanno intenzione di implementarlo fisicamente?

@29:
Beh non è proprio un handicap, ma una tastiera ingrossa non poco il cellulare, vedi il palm pre, è grosso come 2 iPhone messi uno sopra l’altro, e poi sarà una cazzata però il telefono con il tastierone è ormai un’idea deprecata che lascia poco spazio allo stile.
La tastiera virtuale è ottima proprio perchè permette di avere qualsiasi tipo di tastiera, la tastiera fisica invece sarà quella per sempre, non puoi svegliarti una mattina e installare uan nuova tastiera o cambiare i tasti di quella già esistente a costo di smontare fisicamente il telefono e riconfigurare il software.
Fidati, è solo questione di abitudine ;)

31. DelsaDj - 18/02/09 @ 17:06

qui http://www.tuttoandroid.net/g2/ulteriori-news-sul-htc-g2/ si vede una slide dove c’è scritto che uscirà nobrand…

32. shady - 18/02/09 @ 18:57

11. c1k0.blogspot.com/
non sei l’unico…. ma basta aspettare…. (che stronzi però)

33. Giorgio Caligni - 18/02/09 @ 20:25

@Kinto
La tastiera fisica in sé e’ oggettivamente meglio, sfido chiunque a confutarlo alla prova dei fatti. Ma attenzione perche’ anche le misure sono fondamentali: se la testiera deve essere fisica, ma micragnosa, come sono *per forza* quelle per dispositivi mobili, allora ecco che la tastiera fisica perde molti, se non tutti, i suoi vantaggi.

Io per anni ho sempre scritto con i Communicator (i citofoni Nokia con Symbian, quelli che si aprono e hanno la tastiera fisica qwerty su tutta la lunghezza), e mi sono sempre riufiutato di usare T9, o altre tastiere mini assurde per scrivere quando sono in giro.
Pero’ ora che ho la tastiera virtuale del freerunner (che tra l’altro e’ completamente personalizzabile), riflettendoci bene, mi sono reso conto da vicino che un dispositivo mobile e’ un compromesso in sé, non potra’ *mai* essere come scrivere sul proprio desktop di casa. Ergo la tastiera virtuale, visto che non si rompe, non pesa, e’ personalizzabile e ottimizzabile a piacere, da questo punto di vista ha un senso, eccome se ce l’ha.

Senza contare che sul Freerunner, comunque, volendo usare un po’ il terminale o per scrivere lunghe lettere, mi possono sempre portare in tasca una qualsiasi tastiera portatile via USB (ne esistono anche di pieghevoli, minuscole, oppure anche bluetooth)… Sul FreeRunner funziona senza installare nulla, basta collegarla e voilà!
Stessa cosa per una Webcam, o *qualsiasi* dispositivo usb (lucette, chiavette, adattatori di vario tipo, player, etc etc all’infinito, manca solo il caffe’!).
Provate a farlo coi vari HTC proprietari…

La libertà non ha prezzo.

(e decisamente non mi riferisco alla pubblicita’ della Mastercard :-))

34. jollyr0ger - 19/02/09 @ 11:11

mi spiace ma non sono a favore di android. ok sarà scicchettoso e molto funzionale, e ad ora più avanzato di openmoko, ma non è veramente aperto.

utilizza sì il kernel linux, ma dà le libertà di linux, non si può fare girare tutto ciò che si vuole, ma solo ciò che google vuole.

openmoko che invece offre software e hardware aperto è veramente libero

35. Musikele - 19/02/09 @ 13:45

fatemi dire che il palm è veramente bello…..

36. kayaman - 20/02/09 @ 18:45

Io l’ho provata la tastiera virtuale sul mio G1 installando l’ultimo brand cupcake e lasciatevelo dire ma è un pacco bestiale. Imparagonabile a quella fisica anche se la sensibilità del touchscreen è ottima….poi cmq i gusti sono gusti.
Volevo fare una considerazione dare un consiglio.
X chi è interessato ad avere “android” indipendentemente dal telefono, compratelo…prima possibile…non sò se seguite la scena ma i tedeschi e gli olandesi stanno sbattendo la testa sui muri. Non si trovano bug x rootare l’ultimo firmware (quello che si trova di default sui loro telefoni) quindi attualmente solo con le prime 2 versioni del FW americano e inglese + le prime dell ADP si può sfruttare il rootbug.
Io non sono esperto ma leggo che chi analizza il codice rimane esterefatto dall’ organizzazione e dalla quasi assenza totale di bug (perlomeno seri al punto di rendere possibile l’hackeraggio), in + google ci ha messo pochissimo a chiudere bene il vecchio buco e farà lo stesso in caso se ne scoprano nuovi, quindi non ci pensate, aprite ebay.co.uk (gli inglesi li vendono mediamente a 200-250 sterle) e contattate un amico in inghilterra x la spedizione (gli inglesi non spediscono all’estero volentieri).
Compratelo bloccato, e sbloccatelo su:
http://www.unlock-tmobileg1.com/
io ci ho comprato 3 codici e nessuna ha mai sgarrato.

chi non lo compra è un sacripante!!!!!

37. Giorgio Caligni - 21/02/09 @ 2:08

Sono in totale disaccordo: semmai mi compro un altro Freerunner, che tra l’altro e’ diversi ordini di grandezza piu’ divertente da hackerare e moddare, non c’e’ paragone!

Per la tastiera io penso che indubbiamente la fisica sia meglio, ma appunto devi avere una tastiera fisica, che pero’: pesa, ingombra, costa, si rompe (e quella del G1, che e’ plasticaccia di bassissima qualita’, penso che non durera’ neanche 2000/3000 aperture). Il discorso e’ sempre il solito: se vuoi un dispositivo mobile, ci sono dei compromessi. Se vuoi la tastiera qwerty fisica che sia minimamente usabile, e non con i tasti di lilliput (che e’ come non avere la tastiera!), questa ingombra, si usura, ci sono cerniere, pesa, costa, etc etc.

La tastiera virtuale non sara’ mai come una vera qwerty fisica, certo, ma ha degli indubbi vantaggi, e per un dispositivo mobile possono fare la differenza: non pesa, e’ _totalmente_ customizzabile (questo significa che possono essere messi su nuovi metodi di input molto ottimizzati, piuttosto che l’uso dei due indici), non ha parti meccaniche che si possano rompere, non si usura, non ha un costo per la sua costruzione e quindi non si paga. Su un dispositivo mobile sono cose che possono essere determinanti, dipende dall’uso personale. Io ho sempre usato tastiere qwerty grandi sui cellulari, ma ora che uso la tastiera virtuale, devo dire che nonostante abbia perso moltissima efficienza (vado molto piu’ lento, almeno per ora) godo di indubbi vantaggi (quelli di cui sopra), che per me alla fine ho valutato essere determinanti.
Dipende, come sempre, dai punti di vista.

Del resto anche con tastiere estese, come quella del G1, non e’ che si scriva cosi’ veloce, anzi (l’ho provata di persona). I tasti sono sempre minuscoli, e’ sempre una brutta copia di una vera tastiera. Il vantaggio e’ solo il tocco, ma pure li’ bisogna vedere se ne vale la pena e quando la tastiera ingombri e pesi nell’economia del dispoitivio mobile (di solito decisamente tanto, anche sul G1, infatti il G2 e’ molto piu’ piccolo, leggero, ed ergonomico, soprattutto senza cerniere o meccanismi meccanici che su un telefono sono qualcosa da evitare assolutamente che prima o poi si rompono, garantito).

38. Claudio - 23/02/09 @ 11:25

a me semb ra molto più interessante il secondo telefono
è più compatto ed ha anche tastiera integrata

39. Giorgio Caligni - 24/02/09 @ 14:42

Secondo me il secondo telefono e’ peggio *proprio* perche’ quella tastiera e’ di fatto inutilizzabile, sembra quella del TREO.
Non so se avete mai usato tastiere baby cosi’, ma se non avete le dita di un bimbo di 10 mesi, scriverci e’ qualcosa apocalittico, miliardi di volte peggio che non una tastiera virtuale touch (quelle fatte bene, ovviamente).

40. viscido - 4/03/09 @ 15:53

Bello il video, peccato che si veda Leonardo Di Caprio e non il Googlefonino! XD
Credo che tu debba sistemare il link…

(commentando accetti implicitamente le Regole di pollycoke, leggile!)