jump to navigation

Anjal: Evolution per i netbook

In Espresso il 18/03/09 @ 16:26 trackback
Shared by felipe
La GUI di Evolution è sempre stata tutto tranne che «agile»... Anjal dovrebbe dare una risposta a quanti richiedono da anni un client più leggero ma non per questo meno «ufficiale» per GNOME.

Anjal si basa sulle librerie Evolution, che per l'occasione sono state separate dall'interfaccia, quindi potrà presumibilmente rimpiazzarlo in vecchie installazioni, senza perdita di dati.

Anjal is a new mail UI created on top of Evolution, very suitable for low memory/processor/resolution devices. We have broken down Evolution mail library to a smaller component and made a reusable shared library to be used by Evolution. Anjal would be using WebKit for mail rendering and composing...

| Leggi l'originale...

Condividi questo articolo:

  • TwitThis 
  • FriendFeed 
  • Facebook 
  • Badzu 
  • LinkedIn 
  • Google 
  • del.icio.us 
  • Wikio IT 
  • DiggIta 
  • Technotizie 
  • OKNotizie 

Pagine forse correlate:


Commenti »

1. Tek - 18/03/09 @ 22:48

felipe ma tunderbird no e?

2. TeoLinuX - 18/03/09 @ 23:24

Anjal Evolution…. credevo fosse un porno.
in fondo ti cimenti spesso con la pornografia su questo blog , no?

3. gondsman - 19/03/09 @ 0:01

Ma Kmail che personalmente uso sul netbook e va benissimo, no?

4. Shiba - 19/03/09 @ 6:43

Ma che domande fate? Né kmail né thunderbird chiaramente sono integrati con gnome. Mi piacerebbe provare qualche client nuovo ogni tanto, ma mi vien sempre l’ansia quando penso di perdere l’integrazione col desktop manager ^^”

5. felipe - 19/03/09 @ 10:06

Perr qualche strano motivo non ho mai provato Thinderbird, anche se usavo il composer di Netscape (dios mio ma quanto tempo è passato?!). KMail è sicuramente ottimo ma si tira appresso mezzo KDE, e non parlo di dipendenze, ma di Akonadi…

Adesso uso stabilmente Evolution da GNOME 2.8 (ottobre 2004) e sapere che potrebbe esserci una versione più leggera è un’ottima notizia

6. gondsman - 19/03/09 @ 10:10

@felipe:
ok che KMail si porta dietro akonadi… ma tu che compili giornalmente KDE4 non ce l’hai gia’ installato? Magari un utente solo gnome non vuole portarsi appresso dipendenze enormi, ma tu non dovresti avere questo problema. O e’ un velato indizio che hai abbandonato KDE? :-D

7. Sergej - 19/03/09 @ 10:14

kmail non credo possa essere installato senza portarsi dietro mezzo-kde.
A mio avviso sarebbe ora che il team di gnome adottasse un client di posta come si deve in alternativa ad evolution.
Non vorrei bestemmiare, ma come su winzoz c’era outlook (che ha circa le stesse funzioni di evolution) e outlook express, che faceva SOLO il client di posta, allo stesso modo su gnome dovrebbe esserci evolution, se si vuole un programma che fa tutto (gestisce le attività, il calendario, etc) e un client di posta che faccia solo il client di posta.
Io attualmente sto usando sylpheed, che è una scheggia, però un client “di gnome” lo vedrei molto bene (thunderbird è un mattone, l’ho abbandonato).
Oppure l’alternativa, ma credo molto complessa, potrebbe essere far diventare evolution modulare: permette di disinstallare le cose che non si usano, alleggerendo il tutto..

PS: ho provato a compilare anjal, ma il make mi ha dato un errore :-(

8. Sergej - 19/03/09 @ 10:18

@shiba: se installi sylpheed e nautilus-sendto, per esempio, se clicchi col tasto destro del mouse ti fa mandare un file via email anche con sylpheed. È in gtk2, è leggero. Certo, graficamente c’è di meglio (aspetto con ansia che rendano le icone di sylpheed omogenee rispetto al tema di gnome), ma secondo me va bene.. :)

9. Diego - 19/03/09 @ 10:20

Che io sappia Akonadi è una dipendenza di KDEPim, non di KMail. Se non ricordo male dalle indicazioni che mi dava un altro utente KMail funziona benissimo anche senza Akonadi, basta compilarlo senza tale supporto.

10. felipe - 19/03/09 @ 10:30

@gondsman:
Non compilo/installo l’intero modulo KDE Pim da tempo, pur usando KDE :)

@Diego:
Non sapevo, e che limitazioni ha KMail senza Akonadi?

11. Diego - 19/03/09 @ 10:51

Che io sappia solamente che viene utilizzato il vecchio metodo di memorizzazione delle informazioni invece che il backend Akonadi. Per altro credo che il supporto ad Akonadi in KMail sia ancora in via del tutto sperimentale e che l’unico programma che lo utilizza di default in KDEPim 4.2 sia Mailody. Ma sono cose del tutto da verificare, non fidarti troppo, non sono informazioni “di prima mano”.

12. Anonymous - 19/03/09 @ 13:12

Il problema non è akonadi di per sè, ma il fatto che suubuntu compilarlo è un’agonia per il conflitto con apparmor. Il workaround sul techbase un giorno funziona e 364 no….

13. innovatel - 18/05/09 @ 15:59

Davvero fantastico! Non vedo l’ora di provarlo! Grazie per la segnalazione!

(commentando accetti implicitamente le Regole di pollycoke, leggile!)