jump to navigation

Red Hat: la recessione fa bene ai nostri affari

In Espresso il 27/03 @ 21:43 , trackback
Shared by felipe
Mentre Novell perde terreno (o piuttosto non ne guadagna), Red Hat riporta dati molto confortanti, con guadagni di circa il 25% (dato parziale) più alti rispetto all'anno scorso.

Meno inquinamento, meno consumi, più Software Libero... A me questa crisi comincia a piacere!
Red Hat, one of the most prominent commercial Linux vendors, reported its quarterly earnings Thursday and revealed that its total annual revenue was $652 million, an increase of 25 percent over the previous year. Subscriptions to Red Hat's commercial support service, which accounts for $541 million of that revenue, were up 20 percent. Red Hat CEO Jim Whitehurst, a former Delta Airlines COO who joined Red Hat in 2007, cites the recession as a factor that has contributed to the company's success. | Leggi l'originale...

Condividi questo articolo:

  • FriendFeed 
  • TwitThis 
  • Facebook 
  • LinkedIn 
  • Google 
  • del.icio.us 
  • Wikio IT 
  • DiggIta 
  • Technotizie 
  • OKNotizie 

Pagine forse correlate:

Commenti »

1. nk02 - 28/03 @ 0:14

non avevo ancora pensato a questa cosa.. in effetti la crisi potrebbe aiutare la diffusione e la diffusione del software open! beh dai, qualcosa di positivo allora c’è in tutto questo nero :)

2. Nicola - 28/03 @ 1:23

Attenzione. Io sono il perfido aziendalista che mette i puntini sulle i.
A parte gli scherzi, quelli che sono aumentati del 25% sono i revenue, cioè il fatturato, non i guadagni. Poi per arrivare agli utili c’è ancora strada da fare in un bilancio… però è anche vero che molto spesso ad amministratori e compagini societarie (soprattutto di maggioranza) interessa più il fatturato complessivo che gli utili, per vedere qual è la loro quota di mercato e quindi giocare a chi è più potente al mondo…
Un saluto.

3. bLax - 28/03 @ 10:45

@ nicola:

e tanto basta…..se a loro interessa solo il fatturato complessivo come metro di paragone, perche non possiamo usarlo anche noi? :D

questa crisi….mah, speriamo che prenda l’andazzo giusto, ancora vedo aziende pensare in modo obsoleto (meno qualità, piu prodotti).
ciauz

4. jk - 28/03 @ 15:52

sì Novell se la passa male, specie sono completamente marciti i frutti di quello sciagurato accordo con Microsfot
mentre un sacco di amministrazioni centrali e locali stanno passando al Floss con Red Hat Enterprise

5. bejelit - 29/03 @ 0:14

sarebbe interessante allora vedere questi dati in relazione a mandriva (che però è francese) debian e canonical e altre

6. jk - 29/03 @ 9:56

debian non so se incameri profitti di alcun tipo. credo al massimo donazioni.
mandriva ha qualche possibilità su desktops e ora sopratutto su netbooks, anche se nessun netbook la offre… e le vendite di netbooks con linux sono in stramegacalo, colpa sopratutto di distribuzioni non all’altezza di nemmeno un winxp - e, certo, di utenza terrorizzata
più che altro interesserebbe canonical con ubuntu server..
ciao

7. mARiO - 31/03 @ 10:40

beh, l’insegna Novell che campeggiava su di un palazzone a Sesto ora non c’è più, effetto della recessione?!

(commentando accetti implicitamente le Regole di pollycoke, leggile!)