jump to navigation

“Tutte le generalizzazioni sono false” ;)

In Opinioni il 28/04 @ 13:48 trackback

Avrei voluto rispondere con la boutade nel titolo a questo intervento di LorenzoC:

La domanda dovrebbe essere:
“Ve la sentireste di usare [ inserisci qualsiasi applicazione Linux ] com’è adesso per fare [ inserisci qualsiasi attività ] seria?”

Ma invece di proseguire il fuori tema lì, rispondo qui e con una sola parola: Google.


Condividi questo articolo:

  • TwitThis 
  • FriendFeed 
  • Facebook 
  • Badzu 
  • LinkedIn 
  • Google 
  • del.icio.us 
  • Wikio IT 
  • DiggIta 
  • Technotizie 
  • OKNotizie 

Pagine forse correlate:

Etichette: ,
  • marcomilone
    Comments are closed... (no comment)

    :)
  • mazzjoe
    Chiedo scusa, mi sono fatto trascinare :D
  • Simon73
    mmmm.... a me sto articolo sembra quasi un flame. E cosa vorresti dimostrare con Google/linux?
  • Napoletano In Festa
    Dai che ci arrivi da solo...
  • sono certo che i server Google siano sistemi desktop sotto mentite spoglie.
  • “Ve la sentireste di usare Windows com’è adesso per fare [ inserisci qualsiasi attività ] seria?”
  • "si`".
    prossimo.
  • dipende sempre e comunque dalla attività anche se con me finirai su un "Sì" sul 90% delle attività.
  • LorenzoC
    Onorato dal post ma la lingua batte dove il dente duole. Esiste un sacco di software per Linux, putroppo per un motivo o per un altro tutto questo software, nato per gioco, non serve praticamente a nulla se non a giocare. Fatte salve debite eccezioni che non fanno la differenza. Linux e' un giocattolo, come una barca fatta in garage con le bottiglie vuote di acqua minerale. Ci puoi andare nel laghetto del parco e volendo con la giusta motivazione ci puoi attraversare l'oceano. Io non lo farei pero', visto che ci sono migliori alternative.
  • Jovanotti
    Troll
  • seephirot
    Vuoi un flame ? eccoti un flame !!

    Non prendiamoci In giro Linux NON E' PRONTO per i desktop.

    E' un eccellente server, un ottimo OS per qualsivoglia smanettone, un superbo concentrato di potenza per appliance embedded (e più in generale per qualsiasi cosa abbia un processore generico) ma per L'utOnto medio.... è puro il panico !!!

    Allo stesso modo in cui il basic ha ucciso generazioni di programmatori, windows ha lobotomizzato milioni di utenti che ormai sono straconvinti che Windows=PC

    Per dirla come la diceva un noto esponente della FSF .... linux (e più in generale *nix) è user-friendly.... solo è molto più selettivo su chi può essergli amico......

    Io adoro la mia GentooBox e Windows è ormai bandito da casa mia (4 pc, 1 mac e svariate appliace/console linux powered ormai...) ma non mi sento di consigliarla a nessuno degli UTONTI che tengo a bada ogni giorno (sono un sysadmin)

    Saluti !
  • Da che punto guardi il mondo tutto dipende... (cit.)
  • Grazie per l'intervento, in larga parte condivisibile. Un appunto sugli intenti

    1. A parte il tono concitato il tuo non mi sembra un "flame"
    2. La mia risposta a LorenzoC non è per niente un "flame"

    Non suona meglio il semplice termine "discussione"? ;)
  • smaramba
    Non prendiamoci in giro: anche Windows è puro panico per l'utonto. Perché qui si sta parlando dell'utonto che non ha le basi dell'informatica. Posso testimoniare sotto giuramento che esistono persone che non hanno la minima idea di come si usa un PC (win o linux fa uguale) e vanno nel panico di fronte ad un bottone.

    Posso altresì giurare sulla testa dei miei figli che non ho, che una persona completamente ignorante di PC può esserne iniziata all'uso di Ubuntu invece che di Win senza differenze.

    Il fatto è che tutto ciò che non conosci può essere complesso: una persona che non ha concetti di informatica di base ed ha imparato i click a memoria su Windows (cioè il winutonto) è matematico che si troverà nel panico su Ubuntu..... e viceversa!
  • bLax
    quoto Pienamente!!!!

    è semprevero pero che se non ne sai di linux e i driver non ti funziano Out-of-box....sei un po nella cacca fino al collo...sono casi isolati ma sono parecchi (vedi schede Atheros wifi e broadcom...la confuzione totale!)

    l'unico problema tra iniziare una persona a win o linux è che il secondo sia gia preinstallato e configurato a dovere....

    questo per usi Desktop/home

    se andiamo su roba "seria" cosidetta, è vero che la piattaforma di riferimento è win e in taluni casi Mac....ma è solo una questione di diffusione!

    se cercassimo di inculcare linux nelle scuole forse sarebbe tutto diverso (si non dico quei 10 casi isolati che si trovano in italia, dico proprio a livelli ministeriali tra programmi e finanziamenti!)
  • smaramba
    Spesso mi capita il contrario, ovvero che una periferica funzioni out-of-the-box su Ubuntu (comprese chiavette USB Wi-Fi) e non su Vista.

    Pretendere che una periferica funzioni solo dopo aver installato un driver non è giusto. Praticamente sempre però funziona così in Windows. E spesso le persone non sanno cos'è un driver e vanno in confusione "rompendomi le balle" per installargliele ...
  • Pretendere che una periferica funzioni solo dopo aver installato un driver non è giusto.


    lol?
  • user evacchi: brainwash complete.
    :P
  • a chi ti riferisci?
  • Non riesco a capire a cosa tu ti riferisca, anche sotto Linux ho dovuto compilare diverse volte un modulo del kernel.

    Pretendere, d'altra parte, che qualsiasi periferica sia sempre riconosciuta e pronta all'uso senza dover installare un driver mi pare alquanto irragionevole.

    Magari ho frainteso.
  • Il "brainwash" (scherzoso, ovviamente!) era appunto riferito al fatto che c'è chi considera irragionevole usare un sistema operativo senza installare driver aggiuntivi.

    Ovviamente io posso, al contrario, essere tacciato di idealismo, ma avviare con un LiveCD Linux e usare un PC senza dover installare o aggiungere nulla è già una realtà (evitando le componenti problematiche)
  • "appunto", felipe? Irragionevole non è usare un sistema operativo che non richieda driver aggiuntivi, irragionevole è aspettarsi che non siano MAI richiesti driver aggiuntivi.
  • Reload
    Ma infatti... La solita domanda "useresti linux per fare bla bla bla" dipende dal software che c'è. Se c'è softare di merda per fare una cosa perchè uno deve accanirsi, se invece c'è software buono si può fare eccome e chiunque puo farlo
  • ciao
    ++++++++
    Windows=PC
    ++++++++

    MEGLIO XP=PC.
    Penso che il problema di linux e vista sia proprio quello.
    Anche il passaggio office2003 office2007 non e' ben visto.
    La maggior parte delle persone conosce quei menu' e non vuole imparare altro.
    Se gli sposti\cambi una voce non la trovera' piu'.
  • LorenzoC
    Ah si, poi ci sono tutti i software che diventati invendibili, non avendo piu' un mercato, diventano "Open Source" e/o vengono passati alla famosa "comunita'", come Java, appunto. Da questo punto di vista Linux e' anche un po' un cimitero di elefanti e una discarica di abandonware.
  • wonderland
    mi sembra che il tuo discorso vacilli un po (per quanto su certe cose puoi avere ragione)
    java (invendibile\inutile) mah ... tua personalissima opinione poco condivisibile.
    linux = abandonware (ma che lingua e' ? cerchiamo di usare l'italiano\latino che di parole ne ha in abbondanza) sempre tua personalissima opinione.
    Esistono molti software ultra funzionanti e ben mantenuti (specie in ambito server).
    Blender dove lo metti ? lo butti ? firefox ? da buttare pure quello ? e vbox e openoffice ? gimp ? pidgin ?

    beh nn saranno TUTTI all'altezza di programmi da 1000€ ma nemmeno cosi lontani (bastano e avanzano per l'utonto e i suoi amici).

    Se per serio intendi commericiale allora ci sono alternative migliori sicuramente.
    Ma milioni di studenti possono usare un pc senza doversi preoccupare di licenze...

    Il 90% delle persone non necessita di altro che di cio' che offre linux.

    Che poi linux nn sia pronto per il desktop e' vero ... ma che windows lo sia e' una falsa verità (ohhh un ossimoro wow ) (una delle tante purtroppo)
  • smaramba
    Aggiungo Bibble Pro per Linux, per chi si diletta un po' con la fotografia.
    Fornisce risultati che i tool oss purtroppo ancora non danno.
  • @LorenzoC:
    Onorato... non so: l'ho fatto semplicemente per non imbrattare l'altra pagina con un fuori tema.

    Sei comunque il benvenuto con le tue idee avverse al software libero. Ognuno ha il diritto di avversare la propria libertà ^^ Magari prova ad espandere più le opinioni invece di stare a pensare a quale termine potrebbe risultare più antipatico ;)
  • Direi che domanda è mal posta.
    Questa dovrebbe essere la domanda vera:
    “Se non foste smanettoni Linux, ve la sentireste di usare [ inserisci qualsiasi applicazione Linux ] com’è adesso per fare [ inserisci qualsiasi attività ] seria?”

    O forse anche meglio:
    “Se non foste smanettoni Linux, ve la sentireste di usare Linux com’è adesso per fare [ inserisci qualsiasi attività ] seria?"

    Per la mia esperienza, la risposta è no.
  • smaramba
    La mia risposta invece è sì. Sempre per esperienza.

    Usavo WindowsXP ed in generale ho sempre usato Windows dal 3.1. Poi quando MS ha annunciato Vista mi sono deciso a valutare qualche alternativa. Ho iniziato con Ubuntu 6.06 (così così, più no che sì) e passando per varie versioni e dualboot e dopo aver valutato l'effettiva odiosità di Vista, sono finalmente passato a questa Ubuntu 8.04 fulltime che effettivamente mi piace ed uso con soddisfazione da 1 anno. Passerò alla 9.04 quanto prima.

    Il fatto è che la maggior parte delle persone ha "imparato" ad usare il PC su Windows anni fa. E' chiaro che la resistenza a cambiare verso lidi ignoti è fortissima, soprattutto se quello che sai è frutto dell'aver mandato a memoria i click.
  • denis.z
    sono utente ubuntu da circa 2 anni e mi trovo benissimo,devo ammettere però che non è stata una passeggiata imparare ad usarlo,e che solo la passione e la sfida mi hanno aiutato in certi casi a non desistere dall'utilizzarlo,con windows questo non succede,compri qualsiasi pezzo o scheda o programma e lo riconosce al volo.
    per quello che ci devo fare io col pc linux è piu che sufficente,ma credo che per un uso professionale che non sia la programmazione(della quale sono completamente ignorante),o qualsiasi cosa che implichi la riga di comando,linux sia poco competitivo.
    io comunque continuerò sempre ad usarlo e consigliarlo
  • LorenzoC
    Felipe ma cosa vuoi espandere?
    Fai una lista delle applicazioni che si trovano sul desktop Linux "ideale" e poi dimmi una per una se secondo te ha senso usarle per qualcosa di "serio", tolta la limitazione del costo delle licenze, che in ambito "serio" di solito non esiste.
    Io so che esistono nicchie specifiche dove le applicazioni Linux sono competitive a magari anche migliori ma rimangono casi limite che non spostano il discorso generale di una virgola.
    La semplice verita' e' che, per la lunga serie di concause che conosciamo, il software per Linux mediamente e' SCADENTE e quindi non idoneo ad un uso "serio".
  • Maramax
    A parte che mettere post contro Linux, uno dei simboli del software libero su un blog che tratta di software libero è proprio andarsela a cercare...come andare ad un conclave e dire "Dio non esiste!".

    Penso di non aver ben chiaro cosa intendi per "serio": forse professionale?
    Ti stai lamentando perché le software house non producono il software in versione per Linux?

    Non credo di aver capito.

    Io uso Matlab (la licenza si paga...abbastanza). Lo uso su Linux. E' abbastanza serio con software?
  • A parte che mettere post contro Linux, uno dei simboli del software libero su un blog che tratta di software libero è proprio andarsela a cercare...come andare ad un conclave e dire "Dio non esiste!".


    il parallelo e` quantomai azzeccato vista la fede dogmatica che spesso si vede quando se ne parla.

    LorenzoC ERETICO!!!!!!!!!

    lol
  • marcomilone
    > LorenzoC ERETICO!!!!!!!!!


    FLAME!!?!?!? :D
  • NO TU! :D
  • Simon73
    Io dico solo una cosa: Linux va bene a chi ha del tempo da deicare al S.O. -> è assolutamente didattico e ti spinge a capire le cose a differenza di Windows. Questo ovviamente taglia fuori la stragrande maggioranza degli utilizzatori.
    Anche io, che sono un tecnico, l'ho eliminato in ambito casalingo per evitare preoccupazioni tipo compilare VLC (è solo un esempio).
  • Io da anni non compilo assolutamente _niente_ che non sia per puro diletto.
    Tutto il software esistente è impacchettato e installabile con un paio di click, perfino VLC :D
  • salvo aggiornare ogni 6 mesi per avere le applicazioni piu` recenti, sperando contemporaneamente non si imputtani qualcosa (cosa che a me, saro` sfigato, e` accaduta *regolarmente*)

    Poi, certo puoi sempre aggiungere 900 repository non-standard o sperare nei backport.

    Comunque non e` certo questo il problema, tu hai sempre spinto per un approccio bundle, ma come vedi non li caga nessuno
  • fish
    Puoi sempre optare per una rolling, se è questa la tua esigenza...

    il mondo è bello perché vario ed è ancora più bello se hai la libertà di scegliere
  • ciao
    Dover aggiornare non e' una scasa valida.
    Pensi che su windows tutti aggiornino la loro copia di acrobat o software ad ogni nuova release?
    Non si preocupano di windows update....
  • smaramba
    Ammettilo, sei LorenzoC sotto mentite spoglie!
    Compilare VLC? In effetti potresti anche essere John Titor dal passato... torna al 2009!
    Il 99,9periodico% delle applicazioni si installano con 1 click e sono subito pronte.
    Ma che ti rispondo a fare...
  • patton73
    Scusa ancora con questa storia di RICOMPILARE le cose??? Vlv esce in tutte le salse e pacchetti ad ogni nuova versione.
    Per lo meno se si vuole trollare lo si faccia in maniera scientifica.....
  • LorenzoC
    Voglio dire che Abiword non e' l'eccezione, e' la regola. L'eccezione sarebbe un programma che non sembri vecchio di 15 anni e con tutti i bulloni avvitati.
  • Mi sfugge la definizione di "Applicazione Linux". Deve essere SOLO linux? OO.o è fuori. Deve essere GPL o simili? Il cerchio si allarga parecchio...
    Mi viene un esempio uno, proprio una quisquilia: l'analisi dati ad LHC al CERN ti sembra una cosa di poco conto? Hai idea di cosa sia? cercati ROOT con google...

    Detto questo, perchè siamo tutti qui a far felice un troll?
  • Maramax
    Io se sento parlare generalmente di "applicazioni Linux" intendo tutte le applicazioni che possono girare su tale sistema operativo, perciò sono parecchie...e anche molto serie.

    Siamo tutti qui perché è bello trolleggiare ogni tanto!!! :)
  • Ottimo anche l'esempio del CERN, grazie!
  • Simon73
    Penso che nessuno voglia togliere Linux dal trono delle applicazioni ad hoc come questa.
    Per l'uso desktop invece Linux è sicuramente meno evoluto rispetto ai suoi competitors. Questo è innegabile
  • smaramba
    Non è affatto sicuro e lo nego.
    Bisognerebbe finirla di parlare per assoluti.
    Conosco altre persone oltre me che usano in via esclusiva Linux su desktop al posto di Vista perché si trovano MEGLIO.
    E Mac lo lascio a chi ha tanti soldi da non saper come spenderli.
  • Simon73
    "E Mac lo lascio a chi ha tanti soldi da non saper come spenderli."

    Peccato eri andato quasi bene fino a quel punto e poi ti è sfuggita di mano la rabbia/invidia.

    Siete patetici
  • Il Mac è ottimo e mi capita spesso di consigliarlo. Anzi lo consiglio più o meno a chiunque non mi sembri interessato/in grado di affrontare nulla di più serio di un doppio click su setup.exe. (Non è una critica questa: uno può avere cose più importanti cui dedicare tempo!! ;)
    Tuttavia poi IO resto a linux, sarà che mi diverte, sarà che se qualcosa non va come piace a me, posso smanettare e cambiarla.. Sarà che cmq quel che mi serve ce l'ho, e ho risparmiato almeno 500 euro. Sarà che A ME apt-get install sembra più intuitivo che trascinare un'icona dentro a una cartella compressa sulla dockbar (il tocco di parte finale ci voleva! ;P )
  • smaramba
    Senti un po' bello, quel patetico lo dici a tuo fratello.
    Detto questo, non vado a spendere migliaia di euro per prendermi un MAC e finire su un sistema ancora più chiuso e blindato di Windows, per finire a fare le stesse cose che faccio adesso.
    E se un giorno dovessi trovarmi nella necessità di usare un'applicazione che esiste solo per MAC vedrò il da farsi.
  • Simon73
    Mac, non MAC.
    Grazie
  • alkemyst
    Ciao, Felipe
    lavoro al CERN da più di due anni.
    Confermo che l'analisi dati la facciamo con ROOT fatto girare su macchine GNU/Linux (una RedHat derivata che si chiama Scientific linux -- che detto per inciso *non* consiglio per l'uso quotidiano, è pensata per macinare dati).
    È l'unico modo per avere la LIBERTÀ di scegliere quali processi devono mangiare risorse alle nostre macchine, scriversi facilmente i driver per le nostre schede di acquisizione dati decisamente *non standard*, ecc!
    Ma devo dire anche che da due anni ho messo finalmente una distro GNU/Linux sul mio portatile.
    E non ho *mai*, dico *mai* avuto il bisogno di usare un programma che non ci girasse.
    In due anni. E non lo dico per ideologia: lo dico perché è vero. (L'ideologia mi fa godere fisicamente mentre lo dico, ma questa è un'altra storia...).
    E mi sa che di lavoro "serio" ne ho fatto un bel po': fogli excel e documenti word ne ho macinati, per non parlare di programmi compilati, otto shell aperte alla volta (vivacompiz), presentazioni come piovesse (ordine di una alla settimana). Posta elettronica vado sulle 100-200 al giorno (non le conto) e la chat è il mezzo con cui comunico coi colleghi.
    Anzi, guarda, mi piacerebbe preparare un post con il mio lavoro abituale. Purtroppo il tempo mi manca un pochino...

    P.S. per l'aspetto grafico devo ringraziare il tuo blog: ho fatto sbavare di goduria pornografica diversi miei amici. Uno in particolare, un tuo conterraneo patito di "desktop modding" sotto windows,... tsè! ;-)
  • Intervento molto apprezzato. Grazie a te! :)
  • fastido
    Dopo questo, mi sa che puoi chiudere i commenti Felì! A meno che GianlucaC non riesca ad argomentare una qualsiasi risposta.
    Ora noi torniamo a parlare di cose serie, e GianlucaC a leggere blog da mondi che poco dovrebbero aver a che fare con lui.
  • luca
    @lorenzoc
    bella questa, mi mancava.. linux non è adatto ad applicazioni "serie"..
    ma torna a zappare alla terra va!
  • Ginlemon
    ma si può sapere cosa intendete per "serio"?...
  • dawlin70
    Chi non ride non è serio
  • MarioBordone
    Ho un associazione che si occupa di formazione professionale, un internet point e sono un web designer. Negli uffici amministrativi dell'associazione utilizziamo esclusivamente Ubuntu 8.04, nell'internet point usiamo debian 5 e per creare siti internet utilizzo Ubuntu 9.04 e Os X (che comunque è su base *nix). La risposta alla domanda di Lorenzo C mi sembra più che mai ovvia, specialmente se consideriamo che con le mie attività sopravvive la mia famigliola.
  • Maramax
    Fuori tema:
    ma gli [espresso] hanno lo stesso scopo che ha confessato di perseguire Pinheiro (http://pinheiro-kde.blogspot.com/2009/04/burn-b... ) ?
  • chiabre
    A mio avviso se la domanda è:
    Linux è pronto per un uso desktop generico?
    La risposta è: assolutamente si!
    Firefox, Thunderbird, amarok/rhytmbox, kopete/pidgin e fspot/picasa/quelloPerKDEcheNonMiRicordoComeSiChiama rispondono ECCELLENTEMENTE alle esigenze di buona parte degli utilizzi non professional di un PC.

    Per mia fortuna/sfortuna sono un ing. informatico e quindi il tecnico informatico zeropagato di ogni parente e amico. Da 3 anni a questa parte mi rifiuto di formattare qualsiasi PC se non per metterci Ubuntu.Visto che non ho voglia di passare ore a pulire da malware/spyware/virus e schifezze in genere da SO Windows ogni 6/9 mesi ho adottato questa politica...e il risultato?Un sacco di PC con Ubuntu che da ANNI stanno a casa dei loro rispettivi proprietari senza dare problemi!!
    Gli utonti pigri hanno imparato a usare rhytmbox al posto di itunes (curva di apprendimento nulla) e si sono fermati lì...quelli più intraprendenti/smaliziati hanno iniziato a giocare con ubuntu come dei bimbi di fronte a un nuovo gioco.

    se la domanda invece è:
    Linux è pronto per un uso desktop professional?
    La risposta è: probabilmente no!
    Per attività di grafica,vide/audio editing e per milioni di attività di nicchia sotto win ci sono dei signori software (avete fatto però caso al numero sempre crescente di app supportate da wine?)...e difficilmente dei prodotti "linux" potranno competere anche solo per la mole di denaro/tempo/risorse umane che negli anni ci sono stati investiti.
  • smaramba
    Il numero di app. che funzionano sotto WINE è sempre maggiore.
    Ma il problema di WINE è che il produttore dell'applicazione non fa assistenza nel caso il suo prodotto non funzioni. Non essendoci supporto diretto può capitare che un programma che funziona bene smetta di funzionare per effetto di una patch, che ovviamente non sono testate sotto WINE.
    Quindi è da pazzi basarsi su di esso per un uso professionale.
  • bLax
    Adottato la stessa politica, pure io da tre anni (da quando uso ubunzu al posto di win)

    ....anche io non ne vado piu fuori a reistallare win aggratis (che poi lo odio pure ;) anche se sono solo appassionato di informatica (forse ho sbagliato qualche fork nella mia vita)

    Condivido in pieno tutte le considerazioni...dopo, che le applicazioni professionali non migrino verso linux è solo questione di marketing ( a loro non conviene riscrivere parte o tutto il codice per farlo girare sul 3/4% dei pc desktop mondiali, semplice)

    ci vorrebbero leggi e coercizioni per slegare definitivamente il connubio pc-win....bisognerebbe vietare gli OEM di win a favore di solo OEM opensource (roba di classe chiaro, no linPUS o Xandros!!! eccheccacchio!)...poi si che si vedrebbero differenze sostanziali tra le percentuali!

    poi se tutti vogliono win...se lo installino! non è cosi facile no?!
  • ilkapo
    "Ve la sentireste di usare Linux come è adesso per 5000
    workstation e 600 server?" ...fatto nel 2004...

    http://www.primeur.com/about_us/cc_opensource/l...
  • iltremendo
    Io dico solo una cosa: ho installato linux ad un utono, il problema era che dovevo andare a casa sua a installargli i programmi. reinstallo windows e il problema era che dovevo andare a casa sua a installargli i programmi. la differenza? eh lo so, tanti discorsi vanno a put... dopo questo mio intervento. ragà, parlate solo di quello che sapete, non avventuratevi in discorsi ignoti.
  • Hai provato via desktop remoto? ;D
  • [email protected]
    password
    sudo apt-get install quellochevuoleiltuo amico

    Molta più veloce che un desktop remoto perché non deve neppure avere un programma grafico che stia girando.
    (Ok utente che fa ssh nei sudoers non è bello, ma visto che si tratta di un utonto non credo sia questo che mette a repentaglio la sicurezza)
  • Mario
    A parte che tutto questo mi sembra un po "facciamo a chi ce l'ha più lungo"....

    Io lavoro da 10 anni solo usando in pratica solo linux.
    Prima come sistemista ( e non credo che sia un lavoro di nicchia dato che se il tuo cellulare, il tuo conto corrente e la tua posta funzionano è al 90% grazie ad un sistem[a|ista] linux), poi come programmatore.
    Qui ho sentito la mancanza di visual studio e visual assist per un po.. ma poi ho capito che tutto sto gap non c'era.
    Ora che sto sviluppando per mac, linux e win noto più che altro che sotto win succedono sistematicamente cose a caso, quindi uno è abituato a programmi che si fanno i cazzi loro, mentre sotto linux e mac, quando un'applicazione segfaulta o fa casino è cosa degna di nota: è per questo un problema su linux salta all'occhio.
    Tipo che la fanciulla di turno s'è incazzata quando nella sua nuova ubuntu s'è vista imbombarsi per una volta firefox (salvo poi ripensare agli avvenimenti random del precedente windows).

    Qui la mia l'ho detta (per il lato lavoro). E non credo che un programmatore sia un lavoro marginale.

    Per il discorso "desktop ideale": la parola "ideale" mi puzza di puttanata dato che ideale per me non è ideale per te. Cmq a parte qualche applicazione video (imovie mi pare si chiami), non mi pare che ci si distacchi molto da un utlizzo che il 90% delle persone fa di un mac.
    Poi magari c'è il fatto che la vita non è proprio uguale per tutti e che magari c'è gente che preferisce scannare un po di meno in macchina ma usare il GPL. O magari vivere un po in periferia ma respirare aria buona. Se poi il confronto tra il "software" lo fai con roba vecchia di 20 anni come word o openoffice.. bo .. non credo cmq.

    La vita della gente è troppo piena di altri cazzi per sapere in realtà come funzionano i sistemi operativi... quindi vanno da mediaworld e comprano quello che trovano, senza conoscere alternative o chiedersi se quel che stanno acquistando gli servirà davvero.
    Questo è un discorso politiche non puoi lasciar fuori quando fai un confronto del genere. E' meglio un SUV o una lupo? E' la stessa cosa (anche se linux inquina meno di una lupo)
    Per citare un uomo importante: La *microsoft* ci fa inseguire le auto e i vestiti, fare lavori che odiamo per comprare cazzate che non ci servono.

    Linux è pieno di casini e cose che non fuzionano ma è portato avanti da persone creative... chi più chi meno... molti pagati, alcuni per passione. Alcuni si incazzano se gli fai un paragone con una cosa (che non c'entra nulla) come un desktop ideale... altri sorridono e si chiedono quale sia il "valore aggiunto" nella tua domanda. Nel tuo mondo di "cose ideali" e "lavoro" e "utilità", la tua domanda cosa ha fatto guadagnare e a chi? Se fosse vero... il mondo è migliorato una volta dimostrato questo?
    E sopratutto: perchè ti preme sminuire un qualcosa come linux?
    Kdevelop è sviluppato da nerdazzi che ci si sono divertiti. Visual studio da programmatori sottopagati che hanno fatto guadagnare i loro pm. Io vedo una quantità assurda di *energia* sprecata nel secondo caso...

    Ogni tanto non si può aspettare che una cosa sia pronta. La si usa e basta.


    Il problema è che di solito qui mi si zittisce dandomi del comunista... e io vado a farmi un panino...


    Saluti,
    da uno che se non avesse kdevelop e g++ sarebbe senza una casa.


    scusate il linguaggio, ma ho appena finito di vedere romanzo criminale..
  • Quoto a pieno il collega
  • smaramba
    Urca, a questo punto Felipe potrebbe benissimo chiudere i commenti ed incorniciare questo post.

    PS & OT: uso Eclipse CDT da un po' e mi trovo molto bene. Prima usavo Anjuta ma il confronto con Eclipse è in effetti impietoso. Sai invece dirmi com'è rispetto a kdevelop?
  • Mario
    Anjuta pare essere molto migliorato negli ultimi mesi (così mi dice il mio nerdamico).
    Kdevelop fa il suo dovere. Il completamento fa un po cacare, ma non più di visualstudio.
    Visual assist con visualstudio(6) rimane la cosa migliore in assoluto (ovviamente per me): tipo che tu scrivevi var.fun() e lui ti sostituiva var->fun() in caso servisse. Poi però vs6 era un po un disastro per altri versi. Dipende cmq molto da quel che programmi: nei posti tipo ubisoft usano vs6 con dei loro accrocchi proprietari che rendono tutto il programmare una pacchia... ma a noi poveri mortali non arriveranno mai.
    Io con eclipse non mi trovo molto.. troppo lento e macchioso... ma io sono un po schizzinoso.
    Sai.. tutti e tre fanno il loro dovere breakpoint, debug, integrazione con svn... forse eclipse è più moderno... kdevelop non viene aggiornato da mo.
    Ora c'è pure qtcreator (ovviamente solo QT) che pare essere buono. L'editor mi lascia un po perplesso.. ma è ancora da valutare.
    Da quando ho visto un collega cambiare pc e andare in panico forte perchè con F5 non partiva il dubugger, ho imparato che devi slacciarti dall'ide per vivere felice.

    Cmq kdevelop funzia. Ha vinto tra gli altri perchè ha un numero di funzionalità maggiori e perchè è stabile da tempo. Poi è l'unico con cui son riuscito a far girare in un attimo gdb+gdbserver. Eclipse m'ha tirato scemo per un'ora senza risultati. ma sicuramente il problema stava nel mio scazzo prevenuto.

    Io in ogni caso ho poca scelta... in embedded ad un certo punto rimani faccia a faccia col niente... e l'ide conta poco. Se programmassi in PHP o Java probabilmente sarebbe diverso.

    Saluti
  • smaramba
    con eclipse cdt 5 mi trovo bene perché non rompe minimamente le palle ad autotools, poi l'ho configurato a puntino e lo trovo comodo. la pesantezza non la sento particolarmente, ma forse sono io che non sono schizzinoso.
    il debugging è abbastanza buono (vs forse è superiore però) e mi ha funzionato al primo colpo. bo forse dipende dalla versione.

    poi 'ste cose è vero che dipendono da come uno si è fatto la propria idea di IDE perfetto e dalle sue abitudini.

    fine OT.
  • david_e
    Quoto: incorniciare!
  • xan
    ma come si fa ad usare windows in ambito serio....
    ma dai!!!!!
    ogni 2 ore di lavoro 30 minuti per
    deframmentare
    scansione virus e company
    3 riavvii che sono sempre utili....

    se poi tre mi dici che gli applicativi desktop sono meglio quelli per windows io ti dico che gli applicativi server sono meglio quelli di linux.... e mo???

    domanda: perche parlate a cazzo? senza nessuna congnizione di causa? riuscite a malapena ad installare ubuntu e vi sentite subito abbastanza haker da voler imporre la vostra idea....

    rimango allibbito
  • welcome to 1995!
  • smaramba
    mmmm più o meno 2001 direi.
    anche se la parte della scansione virus è ancora valida.
  • patton73
    Io sinceramente cerco di spiegarmi l'astio di certe persone verso il software libero ipotizzando una loro "paura" (ma dovrei dire terrore) di rimanere a piedi o di dover essere costretti ad imparare nuovamente ad interfacciarsi con sistemi ad oggi a loro ignoti.

    Mi sono venute in mente alcune casistiche che mi sembrano possano aiutare a catalogare suddetti personaggi:

    1) L'utente indolente che nulla ha a che fare con l'informatica e che per sua natura ha il terrore di dover cambiare minimamente qualcosa.
    Essi per sua natura se ne inventerebbe di inverosimili pur di dimostrare che il suo stato attuale è e sempre sarà migliore di qualsiasi altro stato derivato da qualche cambiamento.

    2) Il programmatore/sistemista pluripremiato MS (con N certificazioni) il quale per sua natura ha il terrore di dover cambiare in quanto dovrebbe iniziare nuovamente a farsi un nome (se di nome si può parlare) e sopratutto a STUDIARE qualcosa di diverso.

    3) Il video giocatore che ha il terrore di non poter più giocare visto che Linux non è ancora una macchina per videogiocatori.

    4) Il masochista che è veramente convinto che in informatica siano necessarie conoscenze di "medicina" per tenere sotto controllo ed in buono stato un sistema operativo.
  • spassosissimo!
  • mah, che discussione vuoi fare, finché c'è ancora gente che definisce altre persone utonti...

    E poi c'è sempre il fantomatico utente medio, figura mitica e multiforme, che non si sa bene cosa faccia nella sua vita, ma, a sentire gli altri, si accontenta sempre, o è "vittima" della malvagia società di turno; e se non vota la sua vita all'informatica, allora è un povero mentecatto.
  • :O
    io sono un utonto, contento di esserlo
    meglio che essere un wintonto, no?
  • LorenzoC
    La domanda di Felipe era "“Ve la sentireste di usare Abiword com’è adesso per fare della videoscrittura seria?"

    La risposta e' NO e io mi limito a farvi notare che la stessa domanda e la stessa risposta vale per la stragrande maggioranza delle applicazioni disponibili per Linux.

    Poi, se uno non fa praticamente NIENTE col suo computer, usare Abiword o Pincopalla e' esattamente la stessa cosa. Ma mio zio ultra settantenne, al quale io devo andare ad installare programmi, si picca di editare i suoi filmini delle vacanze. Ora, provate a mettere in piedi le stesse operazioni hardware/software usando Linux e il software disponibile, dai driver ai programmi per editare i filmini.
    Se invece di mio zio fosse mio cugino che deve scrivere la tesi di laurea, idem con patate. Venitemi a dire che non fa differenza usare un Mac o Ubuntu.

    Nessuno vi vuole togliere la vostra religione.
    Mi sono limitato a seguire il ragionamento di Felipe, che ha le sue personali ragioni per scrivere certe cose e non altre.
  • ma guarda che anche mia mamma (64 anni) usa ubuntu, (non scherzo), ci scrive etctc
    e addirittura usa gimp anzi da poco è passata a krita...
  • luca
    ciao a tutti,
    trovo la discussione molto interessante, pur condividendo le idee ed apprezzando lo sforzo delle persone che sviluppano i programmi, devo dire che a mio parere il problema non il sistema operativo in sè (perchè funziona benissimo) quanto la carenza del parco programmi ad uso professionale.
    Io sono architetto, per me usare windows non è solo una scelta ma una necessità. Non esitono reali alternative ai programmi che uso (GIMP non è PHOTOSHOP, BLENDER per quanto ottimo non è 3DSTUDIO, Autocad non esiste). La domanda che pongo ( sperando di non uscire fuori argomento) è: se Ubuntu o linux in generale è alla pari con windows, perchè non farsi sentire affinchè software house producanno le versioni dei loro programmi anche per linux? (alla fine maya della autodesk per linux c'è) p.s. scusate se la domanda magri è da sprovveduto, perchè no so se esistano limiti tecnici
  • Mario (quello falso!)
    A tal degh me perchè... Perchè se io ho una software house non sto a spendere in risorse e programmatori per rifare -spesso da 0- una cosa come autocad per linux... O protools se lavori nell'audio come faccio io... Le alternative open ve le potete tenere TUTTE, coi loro scemi framework per i plugin etc etc etc. Che quota ha linux di utenza?

    Saluti
  • erasmusjam
    Allora ti elenco le applicazioni che uso sul dekstop e dimmi cosa non avrebbero di stabile e professionale...in ordine sparso:
    eclipse, matlab, openoffice, firefox, thunderbird, inkscape, latex, the gimp, audacity, k3b, opera, vlc, pidgin, skype, vmware, filezilla. Non si può dire che non ci faccia "niente" con il computer, visto che sviluppo e uso software scientifico (Seismic Unix e RSF ti dicono niente?), e coltivo le mie passioni (registro la mia musica con audacity e ogni tanto mi diletto con la grafica).
    Gli unici ambiti nei quali linux è carente sono il video editing (kdenlive però è da tenere d'occhio) e il CAD. Per il resto trovo che gli applicativi siano di tutto rispetto nella maggior parte dei casi.
  • mashiro
    Io per scrivere la tesi uso ubuntu-latex-gedit,
    ma potrei usare ubuntu-openoffice,
    ma potrei usare windows-openoffice,
    o potrei usare windows-office:..

    cosa cambia???
  • Non è un sistema desktop?
    Mah, secondo me lo è, lo è, vorrei sottoporre a tutti in particolare questo post http://forum.ubuntu-it.org/index.php/topic,2231...
    dove mostro come una ragazzina usi oramai da 3 anni (K)ubuntu con soddisfazione, e questo mi abbia permesso di dedicarmi ai cavolacci miei senza dover andare al manicomio per riformattarle il computer ogni 10 giorni causa virus di turno.
    E non parliamo del geek di turno, ma di una ragazza.

    E'veramente necessaria questa guerra? Personalmente fuori casa uso un iBook dal 2005, Windows qui sul fisso è installato dal maggio dello stesso anno ed è veloce come iil primo giorno, Linux l'ho usato dai tempi di RH9 e Hoary, non per questo vado a rompere le palle volendo imporre questa o quell'altra filosofia.
    Vorrei solo far notare come non sia un'impresa usare qualcosa che non sia imposto nella catena informatica di turno come O.S preinstallato.
  • elettropedro
    Forse LorenzoC faresti prima dandoci un termine di paragone. Cosa intendi per applicazione seria? Con un esempio ci riuscirebbe più semplice capire quali sono gli standard da raggiungere.

    Io comunque uso solo Linux per fare tutto quello di cui ho bisogno per lavoro ;)
  • LorenzoC
    Chiedi a Felipe cosa intende per "videoscrittura seria". Per estensione possiamo passare a definire "image editing serio" per GIMP e via cosi per ogni altro programma.
  • elettropedro
    Gimp, Blender, Cinelerra, etc... non saranno potenti e user friendly come Photoshop e/o affini ma proprio caccolosi e inutilizzabili non lo sono. Detto questo forse per un uso professionale c'è di meglio.

    Ma non ti puoi limitare ad un solo settore e generalizzare affossando tutto il rimanente software ;)

    Per la videoscrittura seria ti hanno già risposto in tanti e forse sarebbe il caso che rivedessi un po' la tua posizione in quel campo specifico.

    Ciao ciao
  • Mario
    "Videoscrittura seria" vuol dire che puoi scrivere solo di materie scientifiche, umanistiche e documenti con caratteri unicode: in quel caso puoi usare sia word, che openoffice e pure abiuord.

    Se vuoi parlare di figa, tette e culi sodi, devi usare vim. Tutto ciò che non si usa da terminale è da conigli. Gimp poi è un must se vuoi editare le fotazze di jenna.

    Ricorda che abiuord, openoffis e fairefoxxe so 'nna base pe pijarse quello che se volemo pijà ttutti.
    E che se volemo pijà tutti?
    Roma.

    Poi il mondo.
    Se parte con gimpe e poi s'ariva a dominà l'intero mondo de piccì.

    quel film m'ha fatto male.
  • xan
    per scrivere la tesi uso ubuntu con latex e ne windows ne mac sono lontanamente comparabili con il supporto a latex....

    LorenzoC la cosa è semplice:
    si sono degli ambiti in cui le applicazioni windows sono superiori (office, etc)
    ci sono degli ambiti in cui le applicazioni mac sono superiori (video editing, etc)
    ci sono degli ambiti in cui le applicazioni linux sono superiori (latex, 90% delle app server, etc)
    ci sono degli ambiti in cui applicazioni multi sistema operativo sono superiori (firefox, etc)

    i sistemi operativi non vanno comparati per le applicazioni di terzi fatte per quel sistema operativo ma vanno comparati in quanto a sicurezza/stabilità/leggerezza
  • aspetta, non scherziamo su latex.
    OSX ha lo un core Unix e latex si comporta alla stessa maniera, permettendoti di agire sia con riga di comando, che con delle comode gui.
    Ci sono pacchetti già pronti, se non sbaglio uno famoso è Mactex.
  • funziona benissimo anche su Win, tant'è che mezza tesi l'ho scritta su Ubuntu e l'altra metà l'ho finita su Win...

    oserei dire che con MikTex è anche meglio su Win, visto che ti scarica i pacchetti mentre compila, mentre su Ubuntu devi scoprire da solo cosa installare se ti manca qualcosa
  • david_e
    Quella e' colpa di Ubuntu: TEXLive di suo arriva su un bel DVD con gia' dentro tutto...
  • Un CD di installazione? Ma i package manager non erano La Soluzione™ ? :D
  • matteo
    Uso linux da parecchi anni e mi dispiace dirlo, ma secondo me LaTeX su windows (miktex) è migliore. In fase di compilazione se usi un pacchetto che non hai installato se lo scarica e procede. Su linux no. Per il resto non ho notato differenze.
    Mi piacerebbe sapere in base a cosa dici che su linux è superiore
  • xan
    per di piu ti posso dire che il 99% della popolazione mondiale non sentirebbe la differenza tra openoffice e office....
  • patton73
    Bho sarà che forse tutti usano Photoshop o Autocad a casa loro.......e sentono il bisogno di applicazioni seri su linux. Sarà.....
  • Francesco
    Io ho 16 anni da 2 anni nel mondo linux, le prime volte volevo tornare a Windows ma con un po' di self-control sono riuscito a fare quello che voglio con linux. Non dico che sia facile ma se uno VUOLE riesce a fare tutto. Per scuola uso COMPLETAMENTE OOo da 2 anni e mi sbizzarisco con programmi di programmazione, progettazione e imagin. Concludendo, se lo VOLETE Linux, in particolare le distribuzioni sviluppate sopratutto per il desktop (esempio Ubuntu) riescono a fare tutto.
  • LorenzoC
    Tutto male pero'.
  • LorenzoC
    Mi replico da solo. Voglio dire che Felipe medesimo NON userebbe il word processor d'elezione di GnomeOffice, cioe' Abiword, perche' lo reputa inadeguato alla "video scrittura seria". Volendo si puo' usare. Volendo puoi usare anche il Wordstar che usavo nei primi anni '90. Ma perche'?
  • patton73
    Ma OPEN OFFICE ti fa schifo?
    A quanto pare non lo contempli proprio evidentemente sei un MS Power user.
    E' evidente che certe cose con l'Open Office non e puoi fare.......e' evidente??
    Saraà vero?
  • patton73
    Ok mi hai convinto.
  • xan
    ma lo vuoi capire che :

    "“Tutte le generalizzazioni sono false”" (doppia citazione)
  • xan
    abiword è ancora immaturo?? va bhè... e sticazzi? usa open office!!
  • lordalfa
    Io conosco anche tanta gente che lavora con Blender ( e la pagano ), Open Office ( e le specifiche per un software le scrive lo stesso ), gente che fa arte con GIMP ( e la pagano ), gente che fa teleassistenza con teamviewer o vnc ( e la pagano ), gente che fa musica con Audacity ( e la pagano ), che programma con Eclipse su Linux ( e la pagano )
    Ora.. se ti pagano è abbastanza seria?

    Per l'uso casuale è perfettamente EQUIVALENTE usare linux o windows, apparte il fatto che windows risente delle cazzate che fa l'utente, mentre linux è un po più resistente da questo punto di vista.
    Per l'uso professionale mi sento di dire che usare Linux equivale ad usare windows coi suoi superprogrammi. D'altronde uno che ne fa un uso SERIO in teoria sa dove mettere le mani no? non credo che sostituire Openoffice al posto di MS Office a uno che fa le documentazioni o le specifiche o i manuali utente di mestiere cambi qualcosa dal punto di vista della serietà.. di certo te lo cambia dal punto di vista del portafogli, quello si..
  • Dardo
    "ma oggi penso che uno sviluppatore sano di mente sceglierebbe .net tutta la vita..."

    LorenzoC ma che stai dicendo!???

    Forse uno sviluppatore che ha nozioni di informatica pari a zero e ha imparato a programmare in VB. (CLICK CLICK CLICK)

    Parliamo solo per un attimo di applicazioni desktop:
    se usi .net(quello di MS non mono) sviluppi solo per win32 e ti perdi la compatibilita con mac, che a oggi ha raggiunto il 10% del mercato( e dici poco) oltre ad avere prestazioni ridicole su hardware non recente, infatti la stessa microsoft usa c++ per il suo office...
    Visual C++ con MFC è da mal di testa.

    Personalmente ho trovato la pace dei sensi con le librerie QT(ora più che mai che sono LGPL)+boost con Visual C o QtCreator e compilo le applicazioni su win, mac e linux(su quest'ultimo però devo ammettere che non me le chiede nessuno...sig sig).
    Sono complete, veloci e ben documentate.
    Per applicazioni senza pretese, o prototipi uso Python+wxPython.

    Su lato server è inutile che ti rispondo.

    ciao a tutti
  • NickM
    Quoto flapane sulla difficoltà di individuare l'utente medio.

    Se guardiamo alla preparazione "media" degli utenti, il livello scende di molto sotto la media (perdonatemi questa frase...).

    Mia madre non è un'utente media! E' incapace di qualsiasi iniziativa di fronte al computer. Anzi no, di sua iniziativa lo accende e lo spegne :-)
    Però ha vissuto senza traumi il passaggio da Windows a Ubuntu e ha imparato istantaneamente a fare le stesse cose con i programmi inclusi su Hardy, senza che io le imponessi alcuna forma di religione. Certo che la contabilità di casa non è un "lavoro serio", però vi assicuro che in tantissime aziende la maggior parte dei pc viene utilizzata per aprire allegati, stamparli e rispondere alle e-mail, magari con l'aggiunta di un foglio elettronico da 8 colonne e 12 righe....

    E' un lavoro "serio" ? Non lo so... però è il lavoro a cui sono destinati quei pc ed è il lavoro che viene richiesto a quegli utenti "medi". E direi che proprio in quei casi, che magari rappresentano il 90% dei pc aziendali, sarebbe possibile fare la migrazione.
  • bLax
    e ristraquoto in pieno! di sicuro non serve un parco macchine omogeneo per lavorare in uno studio di grafica....ad esempio le segretarie, che appunto esistono in buona percentuale in tutte le aziende, possono benissimo usare linux+OOo+ thunderbird o evolution, senza problemi a parte un minicorso di "migrazione"...e tutte le azinde risparmierebero un botto invece che comprare:

    - un pc nuovo ad ogni aggiornamento di Win (eh si serve un C2duo per far girare ste robette??ma và)
    - licenza win
    - supporto tecnico
    - antivirus e antimalware in generale
    - pacchetto Office

    che cosi a occhio e croce si traduce in 800-1000€ al giro di vite di M$!
  • DrTux
    Personalmente potrei ribaltare l'affermazione iniziale dicendo che uso windows per scopi prettamente ludici, non lo userei mai per qualcosa di serio.
    Non si tratta nemmeno di essere smanettoni, mia sorella (Definirei la sua competenza informatica con una sua frase: "non aggiorno perché mi scoccia") usa Ubuntu con soddisfazione ed e stata lei stessa a richiedermene l'installazione dopo aver visto che lo usavo io.
    Per quel che riguarda infine l'ambito lavorativo credo che la gendarmeria francese che usa Ubuntu sia ottimo modo per dimostrare la validità di GNU/Linux per scopi "seri".
  • LorenzoC
    Eppure non e' difficile da capire. Linux non esiste, a parte il kernel. Quando diciamo "Linux" intendiamo un insieme di cose disparate. Non voglio in questa sede discutere i pregi e i difetti di X o di Gnome, o della difficolta' di configurare questo o quell'aspetto (Samba?), dico solo che le applicazioni "desktop" normali, come un browser, un word processor, un programma di grafica, un programma per editare i filmini, ecc., disponibili per Linux sono evidentemente parecchio piu' scadenti delle alternative, oltre che offrire una molto minore scelta.

    Poi se vogliamo andare sul tecnico, ribadisco che le tecnologie disponibili su Linux sono gli scarti dell'industria IT, cioe' cose che se non esistessero nella nicchia "open" non avrebbero nessuna chance "commerciale".

    Poi, nel mondo ci sono infinite nicchie ecologiche, come c'e' gente che campa disegnando per terra coi gessetti ci puo' essere chi usa GIMP. La sorella puo' usare Ubuntu come il tecnico della NASA. Non c'entra niente colla qualita' media del desktop.
  • gondsman
    La frase "le tecnologie disponibili su Linux (???) sono gli scarti dell'industria IT" e' geniale... per caso il link di pollycoke l'hai trovato su Punto Informatico?
  • haxxor
    Tu paghi gli ultimi ritrovati del software che una mente illuminata come la tua utilizza, vero?
    (intendo inizialmente windows, non home edition, office, photoshop, nero, "ecc.") poi browser presumo utilizzi qualche ritrovato della tecnologia tipo...ie8?

    contento te.
  • "dico solo che le applicazioni "desktop" normali, come un browser, un word processor, un programma di grafica, un programma per editare i filmini, ecc., disponibili per Linux sono evidentemente parecchio piu' scadenti delle alternative, oltre che offrire una molto minore scelta."

    Come word processor, noi scriviamo tonnellate di documenti in OpenOffice...
    ...e sinceramente non vedo dov'è che sia inferiore rispetto alla concorrenza...

    ...lo stesso si può dire se si confronta IE con Firefox...

    Software di masterizzazione?! Nero sarebbe "parecchio migliore" di cosa?!

    (e dobbiamo parlare degli editor audio?! Dei video non parlo perchè non li uso...)

    Inizio a pensare che parli male solo delle cose che non hai mai usato...
  • mashiro
    PS. pagare giustifica una QoS migliore...

    ma quanti software sei disposto a pagare (in un mondo dove non è consentito piratare)?

    Forse solo nello specifico campo in cui lavori posso accettarlo ma piratare Office, ad esempio, per scrivere la tesi è un'idiozia colossale visto che puoi fare la stessa cosa con Openoffice e una qualità paragonabile a 0 Euro.
  • notmyname
    andateglielo a dire alle server farm o ai centri di ricerca che usano ambienti distribuiti, o ancora alle aziende che investono sullo sviluppo di sistemi embedded che non hanno capito un menga e stanno giochicchiando e perdendo tempo.
    magari riuscite a vedere la vostra ®Soluzione©
  • gondsman
    Non so cosa intendi tu di serio, ma io sono in Germania e lavoro in Philips research. Sono qui per la tesi (ingegneria elettronica). TUTTI i pc hanno installato Windows. Il programma piu' utilizzato e' Outlook, seguito a ruota da Word. Per il lavoro serio (come lo chiami tu) si usano programmi professionali. Su tutti si usa MATLAB, che potrebbe benissimo partire su Linux (tra l'altro molto meglio, dato che qua si usa XP 32bit e MATLAB da qualche test che ho fatto e' incredibilmente piu' veloce con i 64 bit). Il gruppo di Image Processing usa tool dedicati (interni a Philips) per l'elaborazione delle immagini o scrive routine in C++. Entrambe le cose vengono fatte sul server (Linux) sotto CygWin. Il gruppo di elettronica (in cui sono io) usa Cadence IC (su Solaris, ma c'e' anche la versione per Linux ) per lo sviluppo di circuiti integrati.
    Quindi qui si usa Windows per giocare (email e ufficio) e Linux per le cose serie. Ti basta come esempio?
  • notmyname
    LorenzoC, specifica di quali scarti parli, per favore.
    parli del kernel (e qui chiunque ti dirà che a livello di algoritmi e di flessibilità è uno dei più avanzati, guardacaso proprio per la natura open), o parli del software a disposizione, con librerie come qt ( http://www.qtsoftware.com/qt-in-use ), dove sono nati khtml (->webkit), dove in generale la vita di un programmatore è assai più facile (e trasparente)?
  • Mi permetto di dire la mia (leggo pollycoke da moltissimo...ma non ho mai scritto...ma stavolta l'hanno proprio sparata grossa secondo me).

    Mi ritengo un utente Linux non bravissimo...

    Giusto il necessario per installarlo e usarlo come desktop di casa...

    L'unica cosa di cui mi reputo (lo dico con orgoglio) bravissimo, sono le applicazioni 3D e le interfacce utente (sistemi embedded e non)...ci lavoro...e credo che ci lavorerò per il resto della vita...
    (mai dire mai comunque).

    Rispondo alla frase iniziale di LorenzoC quindi con qualcosa di certo, che ben so... (e puoi verificare che sia vero)

    OpenGL e (sopratutto) OpenGL ES.

    La PS3, PS2, Wii e GameCube non usano altro e solo che OpenGL.

    Non ti basta?!

    TUTTI gli aerei militari dell'aviazione americana, (nei loro display interni all'abitacolo) usano solo OpenGL ES 2.0

    Parlavi di Mac nell'altro post. Bene. La Apple usa SOLO OpenGL.

    Vuoi che continuo?! Qual'è il tuo metro di giudizio per catalogare una cosa in qualcosa di serio?!

    NB: ho parlato solo dell'aviazione americana...perchè quelle interfacce conosco...ma probbabilmente tutti gli aerei usano solo OpenGL.
  • Pesca
    un altro che ha capito ben poco l'argomento
  • potevi evitare il commento inutile... ^__^
  • Mi sembra ovvio che sia l'applicazione a determinare il sistema operativo e non l'opposto. Ovvero se l'applicazione pluto, per me necessaria, gira solo sotto pippoOS; non si scappa dovrò usare pippoOS.

    Le applicazioni peraltro si dividono in due categorie: orizzontali e verticali (come i cruciverba).

    Le applicazioni "orizzontali" sono quelle ad ampio utilizzo; insomma piú o meno le usano tutti: browser, videoscrittura etc. etc. In questo caso mi sembra evidente che sotto linux ci siano e grossomodo siano allo stesso livello delle controparti. Insomma il PC linux va benissimo anche per le usuali attività di ufficio e se il sistemista è furbo lo impone. Un'eccezione è il mercato "ludico" ma visto che si parlava di applicazioni "serie"...

    Le applicazioni verticali sono quelle ad utilizzo specifico. Qui, in molti casi, c'è un problema in quanto la base d'utenti è piú piccola e giocoforza tende ad essere piú piccolo il nugolo di sviluppatori. La situazione per linux in questo caso è a macchia di leopardo, in alcuni casi i prodotti mi sembrano migliori in altri casi viceversa si fatica.

    Se poi andiamo sul personale, ormai l'unica applicazione che uso sotto windows è powerpoint per il resto uso praticamente sempre linux. A casa manco l'ho installato windows.
  • LorenzoC
    Mi domando secondo te cosa c'entra la "qualita'" di Abiword o GIMP, o i tool per configurare la connessione Internet (esempio a caso), con lo sviluppo di circuiti intetgrati in qualche laboratorio di ricerca.

    Riguardo le tecnologie, basta fare un elenco e di ognuna chiedersi perche' la grande azienda X ad un certo punto decide di rilasciare la tecnologia Y come "open" invece di continuare a commercializzarla come "closed". Ci si puo' rispondere "perche' sono dei filantropi" oppure "perche' non avevano chance di venderla come "closed".
  • L'open ha ben altre origini e motivazioni caro LeonardoC...

    ...possibile che tu non ne abbia mai sentito parlare?!
  • LorenzoC
    Massimo, le applicazioni "orizzontali" non sono affatto grossomodo le stesse, e' proprio questo il punto. Anche le cose piu' banali come un browser su Linux sono evidentemente scadenti se confrontate con le controparti. Oh, ma stiamo parlando del fatto che Firefox funziona meglio dentro Wine che nativo su Linux, non so se mi spiego. E siamo qui a discutere di quanto sia figo che Konqueror sia sostituito da Arora o vattelapesca, nel frattempo ti cucchi Konqueror e domani le nuove sfighe. Se lo prendi come un gioco e' divertente, altrimenti e' solo un "pain in the ass".
  • "Oh, ma stiamo parlando del fatto che Firefox funziona meglio dentro Wine che nativo su Linux, non so se mi spiego."

    Non so come mai tu hai fatto questa esperienza...

    Sinceramente sei il primo che sento parlare di questo...sia se devo pensare a tutte le persone che conosco, sia se devo pensare a tutti gli articoli/commenti letti che parlano di Firefox sul web...

    ...quando mai s'è sentito parlare che Firefox gira meglio su wine che su Linux nativo?!

    Spiegamelo.
  • ahahaah LorenzoC... la C stà per C..............................
    vabbè lasciamo stare... almeno hai mai usato Linux???????????????
    o sei un utonto di 13 anni di winzozz che non sà come passare le sue giornate???
  • Massimo
    In effetti è vero, esistono sotto windows applicazioni "orizzontali" non presenti in linux: i virus :D

    Per me non è un gioco visto che ci vivo. Mai notata alcuna differenza tra firefox sotto linux e sotto windows. IE è ben inferiore anche se con le ultime versioni hanno recuperato.
  • ilkapo
    @LorenzoC:
    No ti risponderò perchè sei irritante ma ci tengo a dirtelo
  • Basileo
    oddio, leggo il blog da anni e non ho mai postato nulla. ora però vengo chiamato direttamente in causa. lavoro in un ufficio regionale dell'ISTAT abbiamo su opensuse e usiamo ottimi software statistici come "R" (opensource) o SAS (closed). per le presentazioni o per pubblicare file xls ormai l'uso di openoffice è la norma. e sono solo due esempi presi a caso perché ci sono una miriade di applicazioni che usiamo seriamente (e ci mancherebbe con i soldi dei contribuenti!!!).
  • xan
    LorenzoC dapprima ho pensato che fossi mal informato... ora mi sto convincendo che sei proprio ottuso....

    firefox è il miglior browser in circolazione, gira meglio su windows che su linux, e quindi?
    apache è il miglior server web, una cosa come 60% dei server web è apache
    poi cè php, e tante altre cose....

    ultima volta che te lo dico (poi se scopro dove abiti ti vengo a menare): quello che dici te puo valere per alcuni software ma non per tutto. e questa cosa vale per tutti i sistemi operativi.
  • dda
    "E siamo qui a discutere di quanto sia figo che Konqueror sia sostituito da Arora o vattelapesca, nel frattempo ti cucchi Konqueror e domani le nuove sfighe. Se lo prendi come un gioco e' divertente, altrimenti e' solo un "pain in the ass"."

    Parafrasando:

    E siamo qui a discutere di quanto sia figo che Internet Explorer sia sostituito da Firefox o vattelapesca, nel frattempo ti cucchi Internet Explorer e domani le nuove sfighe. Se lo prendi come un gioco e' divertente, altrimenti e' solo un "pain in the ass".

    Differenza?

    Su Linux la gente vuole la pappa pronta, su Windows si becca tutta la merda, tanto non gliene frega niente a nessuno.

    Questo ti dà un indice della qualità dei 2 sistemi ad un utilizzo *Desktop*. La gente si aspetta un tasso di qualità da Linux maggiore rispetto a quello su Win.

    Ah, e per inciso Konqueror è 20 volte meglio di IE.
  • Ma poi...se dovessimo pensare ai client di posta elettronica...ma stiamo scherzando?!

    Secondo me voleva provocare/scherzare...non è possibile che affermi cose così...

    Dico sul serio...ne ha sparate di così grosse che anche bill gates lo contraddirebbe!

    (non a caso in Microsoft scopiazzano UI da tempo memorabile...e parlo solo di UI per semplificare il discorso)
  • Seephirot
    Il presupposto "flame" ha aiutato a quanto pare :) il mio era solo una provocazione :P

    State uscendo fuori tema e voglio fare farvi vedere un'altro punto di vista che avete del tutto ignorato :

    La verità e che per vari motivi (Conoscenze informatiche, tempo da dedicare, soldi per licenze, se per uso aziendale o privato, etc) la gente approccia all'informatica come può : nessuno t'insegna a vedere in modo oggettivo l'informatica, nessuno ti segue....

    si trovano post, forum, chat.... se se ... già troppo per i primi momenti, quelli di vero "apprendimento", di "approccio alla novità".

    Arrivo al punto : la mentalità fa' la differenza. E qui di "scelta", di vera consapevolezza ce ne é davvero poca.

    Finché si venderanno macchine con windows pre-installato, il primo approccio sarà sempre "di parte".

    Fare divulgazioni è utile, ma non basta, bisogna intervenire prima....

    magari anche a scuola.

    Saluti a tutti
  • Innanzitutto complimenti per il titolo: mi ha fatto perdere dieci minuti buoni a pensare se fosse casuale o se l'avessi fatto di proposito :P
    Poi: io con Linux mi ci trovo benissimo ed ho sostituito completamente Windows :)
    Ho trovato tutto quello di cui avevo bisogno:
    Software per la chitarra, Riproduttori audio, GIMP, Suite per l'ufficio, Browser, Client MSN qualche giochino, Wine per far funzionare qualche applicazione Win e Python.
    Mi trovo alla grande e non tornerei mai a Windows (anche se il 7 è davvero ottimo rispetto a Vista) :)

    A tutti quelli che "Windows non lo rimpiazzo":
    Installate Ubuntu (che è una distro facilissima) e passate un paio di mesi in dualboot.
    Una volta risolti i (pochi) problemi di driver vi accorgerete che non riuscirete più a farne a meno e senza neanche rendervene conto avrete installato GParted, rimosso Win ed esteso la vostra home per recuperare spazio prezioso :)
  • DRerAGO
    Studios Using Linux

    * Digital Domain
    * Disney
    * Double Negative
    * DreamWorks Animation
    * Flash Film Works
    * Hammerhead
    * Industrial Light & Magic
    * Moving Picture Company
    * Pixar
    * Rhythm & Hues
    * Sony Pictures
    * Tippett
    * Weta Digital
    Fonte | linuxmovies.org

    Questo è solo il lato film e ci sono opere campioni di incassi. Titanic, per citarne una a caso...
  • luca
    http://www.areazelig.it/lab.php
    LorenzoC qui fanno i provini per Zelig.. secondo me hai delle buone possibilità di essere preso!
  • Mi piacerebbe condividere con la comunità la mia piccola storia, magari interessa a qualcuno.

    Sono studente di ing. informatica al Poli di Milano, e ormai da anni uso ubuntu a tempo pieno, sono fiero sostenitore del FOSS e ho sviluppato e rilasciato con licenza libera qualche apprezzata libreria.

    Come diceva chiabre, essendo l'informatico della famiglia, sono anche tecnico gratuito per molti amici/parenti, il più delle volte impantanato in problemi/virus/malware di windows, dove spesso l'unica soluzione efficace è il sempre verde format c:.

    Però ultimamente, mio cugino mi ha chiesto di sistemargli il PC (appena comprato, Windows Vista installatoci dentro). Però questa volta ho voluto provarci: gli ho proposto, piuttosto che spendere il paio d'ore per installare windows xp, trovare i nascostissimi driver per il suo portatile da qualche parte nel web, tentare e ritentare di installarli, risolvere i problemi di default di windows, installare l'antivirus, eccetera gli ho proposto di installare Ubuntu, e spendere tutta la giornata per insegnarli tutto ciò che doveva sapere. Ovviamente, la reazione tipica di qualcuno ancora dentro Matrix (aka utente Windows) è stata di immensa sorpresa nella rapidità di installazione, la prontezza del sistema, il fatto che "non servono" driver perché ci sono già nel sistema, la pulizia di GNOME, eccetera.

    Dopo qualche ora di dimostrazione di Ubuntu e spiegazione dei fondamenti, ho lasciato mio cugino con il suggerimento di resistere alla tentazione di windows, e affrontare i problemi che si verificheranno con pazienza e fiducia.

    Ebbene dopo quindici giorni, mio cugino, completamente ignorante di informatica, è diventato un fluentissimo ubuntero, ed è strafelicissimo per l'illuminazione.

    W Linux.
  • david_e
    Una cosa che mi chiedo sempre in queste occasioni e' perche' molti sostengono che GIMP faccia "schifo" perche' supporta solo il 95% delle funzionalita' di Photoshop.

    Quasi nessuno ha bisogno di quel 5% di funzionalita' extra, ne ha bisogno di investire 700$ in Photoshop eppure tantissime persone sembra che siano Photoshop dipendenti... strano per un software che, anche per il prezzo, dovrebbe essere decisamente di nicchia...

    Io credo che il motivo per cui *quasi* tutti questi personaggi hanno da lamentarsi e' che i veri competitor di K3b/GIMP... non siano Nero/Photoshop/... ma BitTorrent!
  • ok.... a me sembra che questo posto si stia riempendo di checche...
    io uso linux nella mia agenzia immobiliare!!! quindi devo tenere il database di tutte le offerte/richieste che ho (e sono tante) fate conto che le tengo con evolution....
    poi devo scrivere mail a degli studi tecnici..scrivo con OOo e converto in pdf e invio con evolution...
    ho fatto il logo dell'agenzia con inkscape....
    ascolto la musica con rythmbox....
    navigo su internet con firefox...
    stò collegato con pidgin....
    ho creato il sito con NVU e con filezilla...
    vi sembra che il mio lavoro necessita di programmi seri??

    poi.... la mia collega sà pochissimo o nulla dei computer....
    le ho fatto provare Ubuntu e stà cominciando a prenderci mano molto velocemente, e lo trova più facile e veloce di winzozz....
    per me si poteva dire che linux non era usabile e pronto 2 anni fà..ma ora ha fatto un salto di qualità.....
  • creaturecase
    Massì...lorenzoc rimmarrà convinto che linux è un giocattolo autocostruito su seghe mentali e molti di noi contiunueranno a citare fior fiore di ottimi esempi -ci sono Stati che utilizzano linux e sono quelli in curva crescente e non descrescente come il bel museo italia che sta dietro alle restrizioni-...punti di vista...come dicevo dall'latra parte la signora delle poste non troverà differenza...all'utonto se gli dici di schiacciare start o un piedino tanto fa...insomma credo che si tratti di una domanda anacronistica
  • creaturecase
    ah lorenzoc tu usi open e closed come sinonimi di gratis e lo-pago, ma è sbagliato.
    Si è vero ci metti le virgolette, ma mi sa che le metti perchè non hai ben chiara la terminologia da utilizzare sennò la useresti.
  • Marco Liceti
    Mi sembra che gli argomenti principali della discussione siano due.

    Il primo è se linux sia adatto alla realizzazione di progetti seri.

    Secondo me è stupido sia pensare che questa affermazione sia in generale corretta, sia pensare che in generale sia falsa.

    Ci sono delle considerazioni oggettive sia a favore di una tesi, sia a favore dell' altra. E ci sono troppe casistiche da esaminare singolarmente prima di poter generalizzare.

    Insomma, secondo me questa discussione non ha più alcun senso :D

    La seconda questione dibattuta era se linux fosse pronto per l' utenza desktop.

    A mio avviso, è triste stare a litigare se lo sia o meno.

    Ritengo che sia un dato di fatto che oggi, pazienza permettendo, qualunque utente, non necessariamente uno smanettone, può affiancare linux a windows e piano piano abituarsi ed eventualmente distaccarsi definitivamente da linux.

    E' altresì evidente - e comprensibile - che l' utente desktop medio non voglia avere pazienza di cambiare verso qualcosa che per lui non necessariamente è migliore.
  • Marco Liceti
    Ehm. Ovviamente nel commento precedente intendevo dire: "affiancare linux a windows e piano piano abituarsi ed eventualmente distaccarsi definitivamente da WINDOWS".

    E non da LINUX come erroneamente ho scritto :D
  • Fiandri
    Ma forse allora bisognerebbe che una volta per tutte LorenzoC chiarisse che cosa intenda per attività seria, secondo me il problema è tutto lì.

    Personalmente, da utente e non da esperto di informatica (quale non sono), credo che seria sia qualsiasi attività che coglie il nucleo di quello che stiamo facendo, che si tratti di lavoro, di scrivere una tesi, o altro. Se questa è l'attività seria, la sua visione è errata perché ci sono molti casi (e fra i commenti li abbiamo visti) nei quali le "applicazioni Linux" funzionano bene, e in tanti se la sentono di usarle. E non per "religione" ma per esigenze pratiche: l'ultimo Office, ad esempio, ha una interfaccia che nel mio studio mette in crisi tutti, dà funzionalità inutili o addirittura dannose e ne rende poco accessibili altre che invece venivano usate.

    Ed è inutile che LorenzoC a sua volta citi casi nei quali il mondo Win o Mac rispondono meglio: è normale che ve ne siano e credo che nessuno lo metta in discussione, ma questo è tutto diverso rispetto al dire che nessuno si sentirebbe di usare applicazioni Linux per attività serie.

    E' il problema di chi piomba in una discussione con paroloni perentori a spiegare al mondo la verità: come dice Felipe, le generalizzazioni di solito non ci prendono.
  • Mia mamma usa linux da 1 anno senza rendersene conto...

    Il problema di Linux è che non sono ancora presenti sul mercato PC con preinstallato Linux e quelli che lo hanno fatto hanno dato all'utente delle distro ostiche da personalizzare (gente con l'eeepc mi chiedeva come installarci skype).
  • Ottaviano
    Secondo me il BloccoNote di Windows è più migliore di Gedit di GNOME!
  • DelsaDj
    ottaviano... se scrivi "più migliore" non scrivere più niente....

    povero italiano...mah....
  • Fiandri
    A me mi viene il sospetto che Ottaviano fosse ironico.
  • Ottaviano
    quoto!
  • sn00z3r
    beh?
    nessuno?
    tutti questi commenti...e nessuno lo dice?...
    what a shame!

    ok...a quanto pare debbo farlo io...

    HEY MA ARCHLINUX E' MEGLIO ASSAI
    EDDAI PROVATELOOOOO!!!

    ok ragazzi..tutto risolto..
    che flame sarebbe senza arch...
  • Io.... io continuo a non capire.

    questo fantomatico "LorenzoC" non è proprio chiaro ai miei stanchi occhi.

    Non capisco quali software prendi come esempio, non capisco dove vuoi andare a parare.
    E soprattutto non capisco quale possa essere l'ambito delle tue competenze.
    Ad esempio:
    le applicazioni non funzionanti "Fatte salve debite eccezioni che non fanno la differenza". Oppure :
    "Linux e' un giocattolo, come una barca fatta in garage con le bottiglie vuote di acqua minerale".

    Ma questo dove? E con quali programmi? E per fare cosa?

    Se parli di una azienda, quali sono i lavori che devi fare e quali sono i "giocattoli" che non ti permettono di lavorare "seriamente"?

    Ammetto mio malgrado di non aver capito una emerita ceppa di cosa intendi, davvero.
  • sn00z3r
    secondo me perchè si sta dando troppa importanza a questo figuro che di fatto non ha detto un bel niente...
  • VP
    La maggior parte delle persone che risponde a questo articolo chiede a LorenzoC cosa intende per "utilizzo serio". La domanda è erroneamente posta, in quanto è ovvio che si riferisce alle parole di felipe stesso con cui parla di Abiword nell'articolo precedente. Perciò cosa si intendeva con l'utilizzare Abiword per fare videoscrittura seria?
    Ovviamente, in modo intuitivo, tutti pensiamo di arrivare alla risposta. La mia è la seguente: Abiword ponendosi come strumento da ufficio simile ad Office, OpenOffice, ecc ... non ha ancora quel grado di maturità raggiunto da programmi concorrenti (ma su cui si sta lavorando).
    @LorenzoC: tu poni la questione su tutto o quasi il software linux disponibile, ma ti sbagli come hanno dimostrato in molti postando le loro esperienze. Secondo me molto del software oggi disponibile su linux ha un grado di maturità sufficiente ad un uso di mercato o "serio". Se ti/vi fermassi/fermaste a pensarci un attimo, ad oggi le "applicazioni desktop" (quelle comuni) più usate in ambito di mercato sono suite da ufficio, browser, posta e messaggistica. Ciò che è veramente di nicchia sono i software specifici e quelli aziendali sviluppati ad hoc. Mica tutti siamo grafici, musicisti o registi!
    Quando difendi la tua opinione cadi in alcune cose:
    1) Riferirsi al top del mercato non ha sempre senso, prendendo ad esempio photoshop ovviamente si parla del migliore programma di image editing e che ahimè non viene distribuito su Linux. Anche se GIMP non possiede pari caratteristiche, dire che è un giocattolo mi sembra più che riduttivo. Sul mercato win e mac si vendono molti altri prodotti che a livello qualitativo sono altrettanto inferiori e che pochi cmq definirebbero giocattoli. Come ha giua detto qualcun'altro il fatto che prodotti anche top siano ad un solo click di bittorrent di distanza non ha significato sulla qualità dei prodotti concorrenti.
    2) Dire che le tecnologie rilasciate come open siano scarti perchè invendibili è un discorso poco serio e ingenuo. Certe tecnologie tutt'altro che inutili sono del tutto invendibili.
    3) Quando parli di software che hanno un aspetto "vecchio", sebbene tu abbia ragione per certe applicazioni, non stai parlando di utilizzabilità in ambito di progetti seri.
    Concludendo non capisco cosa intendono molti quando dicono che linux non è pronto per il desktop. Linux sarà pronto per il desktop solo quando sarà usato (forse mai allora!) perche altrimenti chi farà l'hardware per i prodotti di largo consumo non farà i driver. Secondo me linux è maturo anche per il desktop.
    ps: Anche quando si compra il software top con interfacce grafiche all'ultimo grido bisogna imparare ad usarlo leggendo il manuale, corsi, tutorial. Tanti software open potenti, ma a riga di comando invece si bollano come troppo difficili e complicati perchè non grafici (mi verrebbe da dire: complicato? ma almeno sai leggere e scrivere?)(mi riferisco a miei conoscenti non a Lorenzo, era uno sfogo). Ah, scusate gli errori ortografici.
  • Se userei linux allo stato attuale per qualcosa di serio?... mi viene da pensare probabilmente no... ma qual'è l'alternativa? windows allo _stato attuale_?
    Ho perso un'ora della mia vita a trovare a quale checkbox togliere la spunta per non far mandare automaticamente nome utente, password e dominio di windows al posto dei miei dati per connettermi con WPA. Questo è quello che intendono i programmatori microsoft per "user-friendly".
    A questo punto dico che se devo fare qualcosa di serio lo faccio con un sistema in cui non sono appositamente nascoste delle opzioni per non far "spaventare" l'utente.
  • rex
    Non si puo generalizzare e dire che tutte le generalizzazioni sono false,
    e' paradossale! Meglio dire "Tutte le altre generalizzazioni sono false"
  • io e il CAD non siamo certamente "culo e camicia" ma Medusa4 mi sembra un qualcosa di decente
    http://www.cad-schroer.it/index.php?screen=1.5&...
  • premessa: sviluppo siti web di intrattenimento in flash per una web agency inglese tra le più importanti al mondo: posso solo dire che è una di queste ;-) http://creativity-online.com/?action=news:artic...
    Faccio tale premessa non a fini di auto-lustramento ma perché è funzionale a ciò che sto per dire.

    Sviluppando prevalentemente siti in Flash sono obbligato ad usare windows per una sola ragione: Adobe Flash CSx.

    I grafici nel mio ufficio usano Photoshop/Illustrator/Flash su Mac Mac ( [ironia]come poteva essere altrimenti[/ironia] ) per fare la grafica che poi io uso per costruire il sito web vero e proprio. Se non fosse per Flash sarei passato a linux da anni oramai.

    Ecco perchè:

    per testare i miei siti web (e navigare normalmente) uso Firefox 3 + Firebug + Flash Switcher + una marea di altri plugin che se non ci fossero sarei morto.

    per leggere email uso Thunderbird + Lightning + Provider4GoogleCalendar. Essenziali per me.

    per aprire file PSD ed esportare i pezzi di grafica che mi interessano uso The Gimp: nessun problema da 3 anni a questa parte ad aprire un qualsiasi PSD.

    per codare uso Eclipse. L'unica IDE seria per scrivere ActionScript 3.

    per scrivere uso OpenOffice, e distribuisco quello che ho scritto in PDF (perchè sbattersi così tanto a discribuire file .doc? tanto si incasinano pure tra gente che ha Word )

    I nostri server (SVN, intranet, timesheets, client servers) sono tutti esclusivamente basati su Apache+PHP+MySql.

    per fire mind maps usiamo tutti FreeMind.

    per fare editing audio (non è che mi si richieda di comporre sinfonie, devo solo a volte tagliare qualche pezzo, aggiustare il volume etc) uso Audacity.

    per encodare filmati in FLV (o qualsiasi altro encoding) uso ffmpeg con vari frontend.

    quindi scorrendo le applicazioni non-open-source che in questo momento ( normalissimo momento di un normalissimo giorno di lavoro "serio" :) ) tengo aperte vedo solo Flash, l'antivirus, skype, e il client LastFM.

    tra queste applicazioni le uniche che non hanno un corrispettivo open source sono skype e Flash. e skype per linux c'è.

    ora, per allacciarsi al preambolo, io sono fermamente convinto che il mio sia un lavoro abbastanza serio ( abbiamo clienti come ATT, Toshiba, Comcast, Adobe ) e facendo un breve conto, nel mio caso, uso molto più software libero che proprietario. Semmai mi viene da pensare che più un'utente fa cose poco serie (tipo giocare, chattare, editare filmini delle vacanze etc) più è _costretto_ ad utilizzare software non proprietario. Mi sbaglio?
  • Mario (quello falso!)
    Rispondo alla tua domanda e utilizzerò il vocabolo "serio" nelle sue varianti per debellare le tante banalità che ho letto sin ora sulla presunta "difficoltà" di interpretazione di tale termine.

    - Cosa succede se devi fare editing video per clienti "seri" paganti che non vogliono solo finire su youtube o rippare l'ultimo dvd? Che programma usiamo in studio se siam su linux/bsd/open solaris/etc?

    - Cosa succede se devi avere un sistema funzionale per manipolare audio in maniera "seria" con plugin "seri" e registrare cose "serie" per lavoro? Usiam ardour? E con che hw certificato che -sicuramente- mi funziona sotto un certo "carico" nelle tali configurazioni? E con che plugin professionali quelli delle mezze-specifiche open-source? Con che virtual instruments? Usiam wine per cercare di fare andare un plugin vst? E se poi quella tale winAPI non è ancora funzionante sotto wine? Se crasha? Chi aspettiamo -forse- la cortesia degli sviluppatori che -forse- mi risolvono il problema a LORO discrezione SE riescono nell'impresa?

    - Cosa succede se devi fare del CAD "serio" magari con tue esigenze "custom" da sottoporre ad un team di sviluppo che siano implementate in tempi umani e non stiano "beta" a vita...

    - Cosa succede se io NON ho l'assistenza pagata su un certo tipo di prodotto che necessita di qualche tipo di patch perchè il problema magari l'ho riscontrato solo nel mio particolare caso?

    Sta scrivendo una persona per cui la Cisco -esempio tra le tante "normali sfighe" avute lavorando "seriamente"- più di una volta ha dovuto aprire e chiudere dei ticket e fare patch sul loro IOS con telefonate dall'altra parte del mondo etc etc. Ma che cmq sono state aperte -e chiuse- in tempi ragionevoli in virtù di un contratto "serio" pagato in precedenza con personale -pagato- che fa solo quello per mantenere una continuità di servizio che è un valore aggiunto dell'azienda "seria" X blah blah blah. Allora che succedeva se usavamo i routerini fatti con linux e freeBSD? Quelli li usiam a casa senza problemi in un ambito NON "serio"... Li van bene xchè spesso non abbiamo esigenze "serie" ossia se non riusciamo a vedere la mail o chattare non va a finire che pago delle penali, vado in tribunale, sfighe varie ed eventuali... In un ambiente "serio" se non si sta alle scandenze o se non si onora un contratto si paga e magari se un certo prodotto open source non "funziona" o ha "un bug" proprio quello che da danno a me che facciamo, scriviamo alla mailing list -sperando- che qualcuno risponda e mi fornisca una soluzione se lo sa fare? Ditemi voi...

    Per Felipe, che capisco incrementi assai le sue visite con sti flame, ma cmq ogni tanto va bene anche così chiedo:

    - Come mai le aziende "serie" non si fanno una casellina gratis su gmail (beta tm) invece di investire in -"stupide"- soluzioni costose come Exchange/Domino e così via?

    Secondo me se lavorate in questo ambito in maniera "seria" con clienti e personale "serio" che chiede a voi e al vostro lavoro di trovare LA soluzione che garantisca la maggiore produttività in tempi ragionevoli e con una continuità di servizio "garantita" lo sapete... Se avete rapporti con clienti "seri" in cui chi sbaglia/ritarda "paga", secondo me -parimenti- lo sapete...

    Oddio certo c'è gente che parla di aziende come Novell senza mai averci lavorato un giorno sopra e senza sapere che NON ha pari da 20 anni come directory distribuita di utenti solo per qualche scelta commerciale "puristicamente ideologicamente dubbia" che -cmq, finalità del lavoro compresa la presunta religione dell'Informatica x taluni- fa mangiare migliaia di impiegati E SVILUPPATORI e non gente che parla per dar aria alla bocca su base di suddette presunte "idelogie" del momento..

    LorenzoC non ha ragione, ha STRARAGIONE se qualcuno mi fornisce delle risposte sensate alle mie domande che non siano flame inutili come chi li scrive o le solite rispostine preconfezionate di persone che magari poi manco han mai tentato di usare -per esempio- un ardour in uno studio professionale o un "linux"-cad o mille altre cose sarò estremamente grato di leggere.

    Saluti.
  • TI correggo velocemente sul senso di questa discussione:

    1. Non ha incrementato le visite, solo i commenti (è diverso)
    2. Non è un "flame", non vedo chissà che insulti o inciviltà assortite
    3. È una tema che personalmente mi sta a cuore » va discusso

    Se capisci tutti questi punti possiamo continuare a discutere civilmente, altrimenti penso che non valga la pena confrontarsi sul resto del tuo intervento :)
  • Mario (quello falso!)
    Buonasera a tutti coloro che mi leggono, innanzitutto non ho nessuna intenzione di scatenare un intervento che sia polemico gratuitamente o insultare nessuno pertanto mi aspetto e ritengo che un atteggiamento didattico sia quantomai inappropriato da parte di altri.

    Dato che capisco l'italiano con ragionevole perspicacia questo thread è stato generato dalla domanda virgolettata di LorenzoC e la risposta di Felipe "google".

    Io pongo domande nel mio post e mi vengono date risposte parziali.

    @Felipe:
    1. Sì, è esattamente la medesima cosa in quanto incrementa i visitatori. Se lascieranno un commento o meno è ininfluente al fine del "conto", ma mi sembra chiaro fosse una semplice frecciatina un po' frivola da parte mia senza nessuna intenzione nè offensiva nè -tanto meno- didattica, ci mancherebbe fossero questi i problemi...

    2. Un flame non è solo una generazione di interventi con "insulti" ma, citando wikipedia e ne prendo solo uno stralcio, [...] "An Internet user typically generates a flame response to other posts or users posting on a site, and such a response is usually not constructive, does not clarify a discussion, and does not persuade others. Sometimes, flamers attempt to assert their authority, or establish a position of superiority over other users".
    L'utilizzo di epiteti quali "ripeto e ascolta", "ti correggo", "se capisci" e altre perifrasi affersicono esattamente a questo ambito di non costruttività e immotivato tentativo didattico.

    @VP: Secondo la medesima logica di cui sopra, Se qualcuno mi dice che mi ripete e ascolta ahimè non necessariamente ha o acquisisce + ragione. Nè se me lo urla, nè se me lo dicesse sotto voce. Solo se una certa asserzione viene dimostrata è logico credere che sia vera.

    Il mondo "serio" -ahimè- è fatto di professionisti che hanno scadenze, responsabilità legali e necessità e necessità che nella stramaggioranza dei casi il software libero NON è in grado di soddisfare nè per completezza, nè per assistenza. Provammo a trasferire la farmacia di un mio amico utilizzando software open. Nada. Officina meccanica di altro amico. Nada. Ho un cliente che ha uno studio grafico in cui -tra gli altri- si usa CorelDRAW, dunque se qualcuno sa come si fa a farlo girare su Linux me lo faccia sapere per cortesia, cmq anche li zero e inkscape NON è di certo CorelDRAW in uno studio tipo/litografico "serio". Studi audio/video, nada. CAD, uffici tecnici del comune, GIS vari ed eventuali nada. La lista è infinita e non si limita certo a ProTools o FinalCut e -un po' per dignità personale- mi viene da dire che non è proprio una fetta indifferente di professionisti...

    Certo esistono settori in cui il software libero ha meriti enormi, ma per lo più in ambito server e cmq solo certe cose anche li soprattutto quando le necessità diventano complicate tipo routing/firewalling avanzato, cluster di router per cui una soluzione Cisco o Fortinet ti fa pensare che il foss nello stesso ambito sia la preistoria e, insomma, come qualcuno ha sintetizzato linux funziona benissimo in certe NICCHIE. Se devo mettere su postfix, un server web, un database senza troppe pretese è PERFETTO. Se devo girare il web, chattare e scrivere 2 cose probabilmente va benissimo anche in ambito desktop un ubuntu, fedora o qualunque altra distro, forse anche netbsd farebbe lo stesso servizio.

    Poi però magari una stampante -Canon non parliamo della "Poggibonsi's Inc", non ha i driver e devo fare mille richieste per vedere se -forse son così cortesi- di dirmi come potrei usare il loro hardware con samba come mi è già successo in un ufficio. E' tempo -ergo- soldi in un ambiente "serio" persi e produttività a caronti...

    Un altro mio cliente è un architetto. Lui fa presentazioni grosse perchè lavora su cose innovative e materiali innovativi in merito a cui non vi annoierò. Bene. Power Point gestisce le sue slide in maniera scattante, OpenOffice 1-2-3, sotto un carico grosso con file così robusti, diventa una palude ingestibile generando dei file di dimensioni vergognose. Allora io non so, cosa devo dire se nemmeno una cosa scema in ambito desktop come una presentazione è allo stesso livello?

    Questo non è un flame è tentativo di portare alla luce problemi reali su cose reali.

    Saluti
  • haxxor
    se parliamo di serietà, le aziende "serie" pagano per avere supporto sui prodotti che devono utilizzare, siano opensource o no.

    ergo parli di fuffa.

    mi sa che non è chiaro il concetto che software libero != software gratis.
  • Stefano
    mi intrometto a discorso ormai iniziato per dire la mia.
    Secondo me, non è chiaro cosa lorenzo c intenda per applicazione "seria"..
    Se parliamo di editing video, programmi gestionali da ufficio, posso essere d'accordo; sicuramente "il signore degli anelli" non è stato editato con software open source.
    Se invece guardiamo altri mondi, come ad esempio quello ingegneristico, o di pura ricerca (come il già citato CERN) ritengo che Linux, e più in generale i sistemi *nix non abbiano rivali!
    Cordiali Saluti. Stefano
  • domeq
    Dico la mia: Ubuntu va molto bene per tutto quanto riguarda *alcuni* settori. Si installa tutto in un click, non essendo un integralista alterno applicazioni per KDE a quelle per gnome e così ottengo una gamma di software funzionale e ottimo. Le periferiche vengono riconosciute meglio che da Windows (non bisogna stare lì a smanettare con dischi di installazione etc. parlo per l'utente di professionale medio)...
    è tutto molto bello però per me non è adatto all'uso lavorativo.
    Sono un ingegnere edile ed uso intensivamente AutoCAD ed un programma di calcolo strutturale di una software house italiana e so che il giorno in cui potrò usare esclusivamente software open source non arriverà MAI. Intanto guardo e invidio i miei amici avvocati per i quali ciò è possibile e porto l'open source anche su Windows (laddove possibile)
  • VP
    @Mario (quello falso): ripeto e ascolta! Il mondo dei professionisti su computer non è fatto in maggioranza: ne da grafici, ne da musicisti. Esistono aziende che forniscono assistenza (e modifiche) anche a sistemi linux dietro pagamento.
    Non per tutto c'è alternativa a quello che dite tu e LorenzoC, ma per tante cose sì e sono alternative più che valide!
    Perciò dire che è tutto da buttare è una sciocchezza e un'ingenuità.