jump to navigation

Xine via da GNOME 2.28!

In Espresso il 7/05/09 @ 14:42 trackback
Shared by felipe
Le librerie di Xine sono finalmente state eliminate da Totem in favore di una soluzione "pura" GStreamer, il framework cross desktop supportato da GNOME e KDE.

Vedremo cosa sarà in grado di fare, senza. Quanti di voi usano ancora totem-xine, reputandolo migliore di totem-gstreamer? Scommetto molti. Ad esempio io...
Totem's xine-lib backend is now gone in git master, for GNOME 2.28. The GStreamer boys have come forward, fixed a lot of bugs, and implemented new features, which means that the GStreamer backend was getting held back by the features of the xine-lib backend. | Leggi l'originale...

Condividi questo articolo:

  • FriendFeed 
  • TwitThis 
  • Facebook 
  • Badzu 
  • LinkedIn 
  • Google 
  • del.icio.us 
  • Wikio IT 
  • DiggIta 
  • Technotizie 
  • OKNotizie 

Pagine forse correlate:

  • barra
    Beh meglio così, giusto ieri ci lamentavamo delle troppe mezze soluzioni in questi ambiti. Meglio prendere decisioni chiare e definitive e lavorare duramente su queste.
  • R3D
    Reputo totem-xine moooooolto migliore di GStreamer, ma vabbè...
  • Sergej
    Io uso totem-xine.
    Ieri non riuscivo a guardare la diretta ray.. poi mi sono ricordato che non avevo ancora installato totem-xine.
    E tutto è filato liscio
  • Anche io uso totem-xine, lo trovo migliore soprattutto per i video in HD.
    Riconosco però che gstreamer ha fatto molti passi avanti, speriamo non sia una scelta di cui pentirsi in seguito!
  • Rimanderei al post "Ecco perchè Linux fa schifo" per ottenere una risposta.
    Se vuoi un briciolo di coerenza in un sistema operativo devi decidere cosa tenere dentro e cosa lasciare fuori.
    Visto che Gnome si appoggia a Gstreamer è il caso che spinga la sua piattaforma per renderla matura come tutto il resto.
    Il fatto che Xine funzioni meglio è del tutto accessorio.
    Non ci si può sempre mettere una pezza tenendo i piedi in due staffe.
    Gnome porta avanti un suo progetto ben definito che mira ad integrare e unificare quanto più possibile il suo ecosistema.
    Il prossimo passo dovrebbe essere una guideline che fissi i capisaldi per sviluppare applicazioni in gtk e per gnome in particolare.
    E la libertà non c'entra assolutamente niente.
    Questa si chiama razionalità e non posso che essere d'accordo con loro. ;)

    Ciao
  • pazuzu
    assolutamente contento di questa scelta e, anch'io, la trovo in linea con quanto detto nel post sul "perché linux fa schifo"!
    g
  • Davide Capodaglio
    Ma con totem-gstreamer come abilito il deinterlace ad esempio per i dvd video?
    Con totem-xine è bello presente ed accessibile da menu.
    Cmq senza dubbio totem-gstreamer ha veramente fatto ottimi passi avanti.
  • Shiba
    Ok ok, è in linea con l'altro post. Perché però non hanno buttato via gstreamer che va peggio di xine?
  • iron_maiden89b
    forse per allinearsi con kde
  • destynova
    Kde non ha mai scelto un framework multimediale, ha creato phonom proprio per non dover scegliere tra una rosa di candidati tutti insoddisfacenti.
  • suppongo perché Gstreamer è standard freedesktop.org
  • cga
    anche se qui non è citato invito a leggere questa interessantissima riflessione su come red hat faccia ahimé il bello e il cattivo tempo in gnome e quest'ultimo assisme alla prima all'interno di freedesktop:

    http://elleuca.blogspot.com/2009/01/dark-reign....
  • destynova
    Dire che Gstreamer sia un framework cross desktop è un po azzardato, sia nel linguaggio utilizzato, sia nelle dipendenze, è legato alle gtk. Oltretutto non esiste un binding per il c++ (no, phonom non è un binding per gstreamer).

    Oltretutto xine è decisamente più performante di gstreamer.

    Xine non è certo il candidato ideale per un framework multimediale, ma gstreamer, per scelte iniziali sbagliate, resterà sempre "quasi standard".
  • Cla
    La butto li.. e se a sua volta gstreamer e xine si unissero e facessero un framework un po più avanzato di entrambi?
  • totem-xine da sempre. Ma la mia considerazione e': visto che il codice e' libero, perche' non prendere le parti piu' interessanti di XINE ed integrarle dentro GStreamer? Si tratta sempre comunque di progetti GPL e quindi la cosa sarebbe fattibile.
  • Sergej
    Io sono d'accordo sul fatto che, se è vero che gstreamer è più "integrato" in gnome, allora gnome debba dedicarsi a quello.
    Io però mi pongo il problema dell'utente finale, quale io sono (anche se forse ho gli strumenti per aggirare questi problemi): va bene togliere xine, ma SOLO quando gstreamer funzionerà bene. Altrimenti non serve a niente..
  • pinzia
    A tal proposito se provate ad usare gstreamer in kde (tramite phonon) vi dovete portare dietro comunque anche gconf. http://forum.ubuntu-it.org/index.php/topic,2672...

    http://packages.debian.org/lenny/gstreamer0.10-...