jump to navigation

“Libera Informatica”: trashware ma non solo

In News il 8/06 @ 16:33 trackback

Ricevo da parte di Marco Masucci (e gli altri) e pubblico molto volentieri:

Caro Felipe,

Ti scrivo per metterti a conoscenza del gruppo che io e altri tre ragazzi (di cui una è una ragazza) stiamo mettendo su. Fin qui nulla di nuovo, nascono tanti gruppi. Solo che noi ci occupiamo di software libero. Ancora niente di nuovo, fortunatamente se ne occupano in tanti. Sì, ma noi facciamo trashware (e non solo) a Firenze! Capirai, lo fanno anche il Golem di Empoli, Ingegneria Senza Frontiere ecc. Va bene: lo dico?

Lo dico: noi vogliamo lucrarci.

So di trovare un orecchio attento per questo mi rivolgo a te. Penso al “Free as in speech”, alla nascita della CyGNUs, e più vicino a noi, alla cooperativa Binario Etico di Roma, che sono purtroppo ancora gli unici in Italia che lavorano col trashware puntando alla promozione del software libero, al messaggio ecologico e, non ultimo, al poterci campare (e quindi al poterci dedicare tutto il tempo possibile). Specifico l’ultimo punto perchè, come tu sai, c’è sempre molto scetticismo (per non dire snobbismo) da parte di coloro che lo fanno a livello non lavorativo. Almeno a Firenze un po’ è così.

Dunque, come ti ho detto, si fa trashware, ma non solo. Si vendono computer, si tengono corsi, si realizzano siti, e si offre assistenza, tutto esclusivamente con ingredienti naturali: sotware libero. A volte “bischerellando” si parla di noi come “i vegetariani dell’informatica”. Be, detto questo, mi farebbe piacere avere una tua opinione in merito, e per questo ti chiedo se ti va di dare un’occhiata al nostro sito: Libera Informatica

Grazie dell’attenzione.
Marco Masucci (e gli altri)

Dillo, e anche forte! Mi piace l’idea di riutilizzare invece di cestinare. Mi piace l’idea di usare e sostenere il software libero. Mi piace l’idea che possa esserci spazio per opportunità di lavoro e guadagno mettendo a frutto accortezza e buone pratiche. Con questi presupposti porgo a Marco (e gli altri ^^) i miei più sinceri auguri per questa avventura.

So di girarla a tanti altri orecchi attenti :)


Pagine forse correlate:

Etichette: ,

Commenti »

1. [email protected] - 8/06 @ 15:41

Da Binario Etico ci ho comprato un PC :D

2. Aldo Pinga - 8/06 @ 16:19

splendida iniziativa

3. wonderland - 8/06 @ 16:25

sisi interessante … niente di nuovo ma interessante.
Sarebbe bello se da queste iniziative uscisse anche un po di documentazione, mi riferisco a settaggi particolari sia hardware che soft (ottimizzazioni varie) e esperimenti cluster, thin client (magari le due cose insieme) ecc…

4. Nome - 8/06 @ 17:19

@[email protected]: come hai fatto?
Si può fare online?

5. shady - 8/06 @ 18:35

In bocca al Pinguino, ragazzi!!! :)

6. Thunder - 8/06 @ 20:26

Felipe, scusami l'ot, ma ho trovato qualcosa di molto interessante (spero di non aver scoperto l'acqua calda).
Sono passato oggi stesso a KDE4 e da gnomista convinto da anni lo trovo FANTASTICO,
L'unica pecca che avevo trovato finora era l'integrazione estetica di Firefox con KDE4, ma girando per Google ho trovato questo: https://addons.mozilla.org/en-US/firefox/addon/...
Ho installato questo tema per Firefox e adesso è fantastico :)
Ripeto, spero che non sia una cosa già nota.. saluti :)
Thunder

7. Davide Fabbri - 8/06 @ 21:11

[OT] ehehe anch'io uso quel tema…. l'integrazione incasina un bel po' la gestione estetica delle schede…. comunque qualche problema nelle form rimane…. i pulsanti radio box di oxygen sono troppo grandi rispetto agli standard per firefox e a volte si incasinano i layout delle pagine!!! [/OT]

8. mavk84 - 8/06 @ 23:22

tanto per rimanere OT ho notato che in amarok adesso c'è l'opzione per nascondere la “context view” che farà felici tutti quelli a cui non piace (ma a me me piace!).
tornando in topic, gran bella iniziativa.

9. Roberto Barbadori - 9/06 @ 9:52

Ciao Marco,
ho letto con piacere il tuo messaggio. Rappresento un'azienda di Perugia che lavora su sistemi operativi opensource sin dal 1999 e che si è certificata nel 2000 su tali sistemi. Quest'anno abbiamo approcciato il mondo della scuola (partendo da quella primaria) per presentare la soluzione trashware. Il risultato è stato di aver istituito 2 aule informatiche da oltre 20 computer ciascuna anche tramite una donazione dell'Unicredit per mezzo di un genitore, di aver coinvolto il comune di Perugia nella filosofia con la donazione di 2 server per la creazione di aule con tecnologia think-client, e le altre scuole di pari grado tramite l'interessamento del direttore di quella nella quale operiamo. Veniamo al sodo. Se partiamo dal principio che nella scuola non ci sono fondi, faremmo un'errore. Nel senso i fondi non ci sarebbero ma le capacità di gestire la burocrazia, di leggere tra le righe dei contributi, di attivare relazioni volte ad individuare nuove fonti, etc., devono essere individuate necessariamente all'interno della scuola. Parlando chiaramente, facendo quindi intendere il nostro scopo di lucro, siamo riusciti a trovare un compromesso nel quale viene riconosciuto il nostro lavoro con l'istituzione di corsi a pagamento per gli alunni del plesso scolastico. I corsi costeranno pochissimo ed una parte sarà a carico della scuola e l'altra delle famiglie ma il moltiplicatore sono il numero di bambini e quindi i conti tornano. Noi abbiamo investito il nostro tempo nel mettere a posto le aule, formando gli insegnanti dandogli i primi rudimenti, loro ci stanno aiutando nelle relazioni, nel parlare lo scolastichese e nel programmare le attività dei corsi di formazione per il prossimo anno. Quindi, per rispondere alla tua questione, la ricetta che abbiamo usato è stata: vi diamo linux su pc a costo zero, vi facciamo vedere come funziona e vi diciamo cosa fogliamo farci insieme a voi. Certo contano tanto le persone che incontri. Ho temuto per un attimo di aver incontrato chi se ne approfittava e prendeva senza dare, ma mettere in chiaro subito lo scopo dell'azienda è stata l'arma vincente. Auguri.

10. Massimiliano - 9/06 @ 10:35

Complimenti per il progetto… FINALMENTE ANCHE A FIRENZE!!!!!! ce n'era bisogno

11. Libera Informatica - 10/06 @ 10:55

Grazie a tutti per l'incoraggiamento, ci stiamo mettendo l'anima e ci crediamo fermamente. Felipe è stato molto gentile a “raccontarci”.
Per quanto riguarda Roberto, faremo tesoro della tua esperienza, anche perchè dovendo partire cerchiamo di imparare da chi è già avanti a noi. In questo Binario Etico è stato molto disponibile!
Be, che dire? Se qualcuno avesse altre idee, consigli o altro (grazie tra l'altro a quelli che me li hanno scritti via mail) fatevi avanti! E se passate da Firenze siete i benvenuti!
Marco, Gianna, Leo, Chris