jump to navigation

Nautilus supporta OBEX grazie a Maemo (Nokia)

In Ergonomia, Troiate del giorno il 6/10/06 @ 13:21 17 commenti

James Henstridge riporta che grazie al lavoro del gruppo di Maemo (sponsorizzato da Nokia) scambiare file tra telefono e PC potrebbe diventare una cosa banale come lanciare Nautilus :)

Per ora l’operazione di scambio file tra PC e Telefono è abbastanza complicata… nel post “Linux e Nokia 6630 via USB” spiego come connettere un telefono e linux tramite appunto OBEX + USB, e devo ammettere che non è proprio semplicissimo… Invece ecco qui come potrebbe diventare:

Zac! Uno appiccica il telefono e Nautilus ci mostra il contenuto :)

Per adesso l’installazione di tutto il necessario è molto complicato e richiede di recuperare codice dal cvs di maemo e sfruculiare abbastanza. Questo, più il fatto che per adesso il supporto è limitato a OBEX + Bluetooth, mi hanno fatto resistere alla tentazione di provarci.

In ogni caso wow! Se avessimo il supporto USB potremmo usare il telefono proprio come un dispositivo rimovibile qualsiasi, e ciò è bello.

 

KDE4 supporta nativamente google-earth!

In Troiate del giorno il 6/10/06 @ 13:10 2 commenti

Come al solito ci sorprendiamo molto più per i piccolissimi cambiamenti che avvengono in parti oscure di GNOME, che per le uscite incredibili tipiche degli instancabili hacker di KDE.

La prima lettura di questo post di Torsten Rahn non mi ha quasi incuriosito. Poi ho letto meglio e devo dire che invece c’è molto da essere curiosi! Marble, questo il nome del progetto, è un widget per KDE pensato per fornire un visore di mappe per tutti quei posti in cui può servire: dall’applet per configurare l’orologio a Kstars, da Kopete a Ktraceroute… insomma gli usi sono infiniti.

Adesso l’autore ha pensato di dimostrare meglio le capacità della sua creatura sviluppando in pochissimo tempo questa applicazione che supporta nativamente il formato KML di google-earth!


Complimenti a Torsten!

 

Mathusalem 0.2

In Troiate del giorno il 5/08/06 @ 19:49 1 commento

Nel post “Mathusalem: monitorare processi a lunga scadenza in GNOME” vi avevo segnalato quella che per me potrebbe essere una delle troiate più interessanti nello sviluppo di GNOME.

taskman-mockup.png

Adesso sono contento di aver visto anche la prima schermata della GUI di Mathusalem. Non è esattamente il massimo come bellezza o funzionalità, ma si vede che sta cominciando a prendere forma!

 

Mugshot impacchettato per Ubuntu Dapper

In Troiate del giorno il 28/07/06 @ 19:30 10 commenti

Eccovi le linee da aggiungere a /etc/apt/sources.list per avere Mugshot sulla vostra Ubuntu Dapper:

deb http://www.excentral.org/ubuntu/dapper ./
deb-src http://www.excentral.org/ubuntu/dapper ./

Poi basta aggiornare e installare il pacchetto mugshot e naturalmente procurarvi un invito vendendo al mercato nero la persona con cui condividete l’alcova[¹] :F così sarete in grado di visualizzare cose del genere:

pollymug.png

Carino no? :) Mi è arrivato pochi secondi dopo aver scritto il post precedente, visto che Mugshot legge il feed RSS di pollycoke! La cosa si fa sempre più interessante.

[¹] La vostra donna, o il vostro uomo (N.d.F.)

 

Ubuntu System Panel: la risposta di Ubuntu al “famigerato” menu di Suse

In Troiate del giorno il 25/07/06 @ 16:39 7 commenti

Ubuntu System Panel, detto anche USP, è la risposta che la comunità Ubuntu da “all’offensiva” del Main Menu di Suse di cui abbiamo scritto in precedenza nel post “Il nuovo menu GNOME di Suse adesso anche per Dapper!“.


Come è spesso avvenuto per le innovazioni all’interno di Ubuntu, il codice viene “dal basso”, ossia da frequentatori dei forum di ubuntu, che mettono a disposizione questo pacchetto deb [17KB, serve la registrazione] già bello pronto per essere installato :)

Beh che dire… nel mio caso l’installazione non è completamente funzionale, ma mi sembra già anni luce più avanti rispetto allo slab di Suse!

 

Beagle e beaglefs

In Troiate del giorno il 22/07/06 @ 12:10 4 commenti

Alzi la mano chi ha capito cosa cacchio fa FUSE! Dal sito:

FUSE: Filesystem in User Space

In casi come questo mi sento un po’ ottuso e rispolvero prontamente la mia capacità di fare “oh” come i bambini cretini di quel pezzo che per fortuna non si sente più alla radio…

Quindi facciamo “oh” tutti in coro perché Robert Love è riuscito, sfruttando le esotiche possibilità forniteci da FUSE, a creare beaglefs e a montare in questo modo un filesystem contenente i suoi contatti personali e i file che fanno riferimento ad essi! Qui vedete nautilus che esplora comodamente la directory “People” nella HOME di Robert:
People Browseroh!

PS: Robert potresti presentarmi un paio dei tuoi contatti…

 

Jokosher 0.1: produrre audio con GNOME

In Troiate del giorno il 22/07/06 @ 11:59 3 commenti

…in maniera semplice.

Questo è quello che si legge su sito di Jokosher. Non ho perso tempo, visto che seguo il progetto crescere da diverso tempo , e sono andato a scaricareil pacchetto per debian/ubuntu. Che bello, scarico, clicco …installato. Vado nel menu “Audio & Video” e lancio l’app:

jokosher.png

Bene, l’interfaccia è molto pulita, le funzionalità non ancora tutte presenti e appare subito un dialogo che informa che la recentissima versione di gstreamer che viene con dapper non è abbastanza recente per far funzionare bene Jokosher.

La versione finale dovrebbe permettere, una volta dato il nome al progetto, come si vede nella finestra di dialogo della foto, di creare una o più tracce audio scegliendo da un menu “Aggiungi strumento” tra chitarre, basso, percussioni, batteria ecc ecc e fare piccole registrazioni multitraccia. Utile per chi come me ha una band di ottimi musicisti che però non hanno niente in comune con tizianoferro e quindi non ricevono le attenzioni delle case discografiche, ma solo di fan assatanate, bionde, more, rosse… che dura vita!

Francamente non mi interessa molto aggiornare gstreamer, preferisco provarlo con calma sulla partizione di prova con Edgy Eft. Complimenti al team di Jokosher in ogni caso! La piccola app sembra avere potenziale, anche se per diventare veramente utile avrà bisogno di taaanto amore.

Senza bisogno di tirare in ballo “Garage Band” di Apple per fare paragoni inutili… Jokosher sembra lontano anni luce da progetti come il mio prediletto Ardour o anche il semplice e affidabile (e bruttissimo) Audacity