jump to navigation

Attenzione:
Questa guida non viene più aggiornata!

Migliorare la resa di Google Earth su Linux

Google Earth GTK? - Pollycoke :)" rel="lightbox[pics5092]" href="/wp-content/uploads/2009/05/google-earth-gtk.jpg">Google Earth GTK? - Pollycoke :)
Google Earth in GTK+?!

[toc]

0. Installazione dell’ultima versione

L’ultima versione di Google Earth funziona generalmente sempre meglio delle precedenti e offre qualcosa in più, tipo… l’ultima novità è al momento la mappatura degli oceani, compresi relitti vari -.- Installare il software è sempre questione di pochi minuti. Potete comodamente installare i pacchetti di Medibuntu o scaricare l’installer ufficiale. Nel secondo caso, dopo il download basta:

$: sudo sh ./GoogleEarthLinux.bin

Il fatto che funzioni meglio non significa che funzioni in maniera ottimale, sia a livello di prestazioni con PC subdecenti come il mio, sia a livello di resa grafica e integrazione. La buona notizia però è che possiamo fare qualcosa per migliorare la situazione :)

1. Forzare Google Earth ad usare le Qt di sistema

Usando lo stesso trucco si può forzare Google Earth ad usare le Qt di sistema invece di quelle sue (perché sapevate che Google Earth usa le Qt, vero?). Consiglio assolutamente di farlo per correggere la resa difettosa dei caratteri, ma è comunque meglio sfruttare le Qt fornite dalla propria distribuzione:

$: cd /opt/google-earth
$: for i in `ls | grep -i libqt`; do sudo mv $i $i-bak; done

Perché il trucco funzioni dovete ovviamente avere una copia delle Qt 4 installata sul vostro sistema, così:

$: sudo apt-get install libqt4-core libqt4-gui libqt4-network libqt4-webkit

Occupano un po’ di spazio, ma ne vale decisamente la pena.

2. Specificare lo stile Qt da usare per Google Earth

Per chi lo volesse, è possibile specificare lo stile da far usare alle Qt e dunque a Google Earth, ad esempio così:

$: googleearth -style cleanlooks

Purtroppo, per chi usa KDE non funziona ancora lo stile Oxygen e in generale manca ancora qualche dettaglio per poter dire di usare le stesse impostazioni Qt di KDE (come ad esempio il color scheme), ma meglio di niente :/

Ottime notizie per chi usa GNOME: consiglio assolutamente di seguire l’indispensabile “Integrare le applicazioni Qt e KDE in GNOME“, perché grazie a pochi accorgimenti permette di ottenere un Google Earth integrato graficamente in GNOME in modo splendido, come nella schermata che vedete in apertura, in cui usa perfino il tema GTK+ Dust ^^.

3. Aumentare le prestazioni di Google Earth

Un paio di ultimi passaggi per velocizzare Google Earth su GNU/Linux sono senza dubbio:

Dopo aver messo in pratica tutte le accortezze elencate in questa pagina noterete che la differenza è percettibile e non dovrebbero esserci perdite di funzionalità.