jump to navigation


messagebox.jpgQuesta pagina è pensata per ospitare le vostre libere segnalazioni, ed è un po’ un classico di pollycoke :)

Il posto adatto se volete commentare a proposito di argomenti svincolati da un mio articolo specifico, indicarmi una questione che vale la pena trattare o se volete semplicemente chiedere il parere di altri pollycokers su qualche argomento…

Insomma: buona MessageBox, qui c’è il feed RSS di questa pagina, per essere sempre aggiornati.

Comments»

Pages: « 120 21 [22] 23 2431 » Show All

1051. Ferdil - 6/05/08 @ 16:25

Global Menu, la patch per GTK che fa andare il menù delle applicazioni in un’applet del pannello!
https://wiki.ubuntu.com/global_menu

1052. Ferdil - 6/05/08 @ 16:28

Le istruzioni per installare la Global Menu patch sono sparse in giro per il web, ti linko le istruzioni per Hardy:
http://ubuntuforums.org/showthread.php?p=4461011#post4461011

Io però consiglio di aggiungere come versione 3ubuntu2 invece di 3ubuntu3~aqd, perché alcuni pacchetti cercano solo la 3ubuntu2. Alla fine, dato che cerca di aggiornare, metto il lock sui pacchetti GTK.

1053. Giano - 6/05/08 @ 17:18

modulo kcm per configurare lo stile delle applicazioni GTK+ in KDE4 senza GNOME :
http://www.kde-apps.org/content/show.php/gtk-kde4?content=74689

1054. Don - 6/05/08 @ 19:33

@1035 A quanto pare no

@1038 La guida l’ho messa, anche se è po’ troppo chiamarla così-

Veniamo al secondo quesito. Conoscete i player MP3 S1 detti anche falsi ipod ?
Tempo fa ho dovuto formattare la memoria delle canzoni dentro. Ho rifatto la partizione fat come c’era in origine ma poi il programma interno si rifiutava di riconoscerne l’esistenza. Conoscete l’alchimia giusta per resuscitare il gingillo ?

1055. Jack Flame - 7/05/08 @ 8:20

Ciao, dal momento che sei musicista anche tu, vorrei che ascoltassi la trasmissione che è andata in onda su una radio (vera) locale, KROCK, di Reggio Emilia ,PArma e Modena condotta da me medesimo e un musicista, Daniele Torelli degli YUE. Parla del mondo della musica Creative Commons e dell’Open Source in generale. L’indirizzo è http://freelectronicmusic.splinder.com/. Questo è il blog degli YUE in cui in alcuni post si trovano i file mp3 delle puntate. Lo so che è uno sbattimento ma senza falsa modestia ti posso dire che secondo me ne vale la pena.
Ciao e grazie.

1056. Pawz - 7/05/08 @ 9:07

Uscite le QT 4.4.0 definitive e già impacchettate per Hardy sul repository ufficiale "backports".

1057. Ferdil - 7/05/08 @ 13:41

Ehi, Il motto di FunPidgin è cambiato da «we work for you» a «we fork for you». Divertente!

1058. Diego - 7/05/08 @ 16:29

Source e Steam per Linux (?)
http://www.phoronix.com/scan.php?page=article&item=source_linux&num=1

1059. Marco - 8/05/08 @ 9:54

Segnalo l’uscita di Qt 4.4:
http://www.osnews.com/story/19720/Qt_4.4_Released
"[...]Qt 4.4 incorporates WebKit[...]"

e anche che:
" Windows XP Eee PC Cheaper than Linux Variant"
http://www.osnews.com/story/19721/Windows_XP_Eee_PC_Cheaper_than_Linux_Variant
In sostanza l’EEE costa meno con Xp. E pare ricevera’ una pubblicita’ migliore…

1060. NickM - 8/05/08 @ 10:06

Help.

Qualcuno mi può dare una dritta per installare il kernel 2.6.22 su Hardy?

In pratica downgrade del kernel, se possibile, per far funzionare ndiswrapper e la mia chiavetta. Altrimenti sono relegato a Gutsy.

In alternativa, se faccio un upgrade di Gutsy bloccando i pacchetti del kernel, ne impedisco effettivamente l’aggiornamento?

Grazie in anticipo

1061. kc - 8/05/08 @ 10:15

E’ ufficiale : il futuro di Sun/MySQL è open e chiuso

http://www.linux.com/feed/134419

1062. Diego - 8/05/08 @ 10:53

@NickM-1060:

quando fai l’aggiornamento da una versione alla successiva di Ubuntu ti tiene sempre i kernel della versione precedente, quindi se aggiorni da Gutsy a Hardy ti troverai con i kernel 2.6.24 e 2.6.22 come scelta all’avvio.

In alternativa per installare il 2.6.22 su Hardy è sufficiente:
- aggiungere il repo di Gutsy;
- aggiornare le informazioni sui repo;
- NON e sottolineo NON aggiornare il sistema ma semplicemente selezionare il kernel 2.6.22 e installarlo;
- rimuovere il repo di Gutsy;
- aggiornare le informazioni sui repo;
- incrociare le dita;
- riavviare.

1063. Carlo Raudino (karl piuemeno) - 8/05/08 @ 11:04

QUESTA VOLTA HO BATTUTO E SPIAZZATO TUTTI!

FEDORA 9 FINALE e’ tra di noi!!!!

E’ STATA RILASCIATA IN ANTICIPO!!!!!! ho battuto la notizia alle 11:37, quando ancora credo solo gli sviluppatori lo sapevano, lol

http://piuemeno.wordpress.com/2008/05/08/fedora-9-is-out-anticipata-released/

Buona fedora 9 a tutti

1064. finferflu - 8/05/08 @ 13:21

Pare che qualcuno stia lavorando ad un port alle Qt per Firefox: http://blog.vlad1.com/2008/05/06/well-isnt-that-qt/

1065. NickM - 8/05/08 @ 14:15

@Diego #1062

Grazie!

Ho provato sulla macchina virtuale che uso per fare i test. La soluzione alternativa ha funzionato perfettamente e adesso ho una Hardy con il kernel di Gutsy. Quindi sulla macchina reale proverò prima con l’upgrade da Gutsy e, in caso di insuccesso, potrò usare il secondo metodo.

ciao

1066. Giovanni - 8/05/08 @ 15:38

Spesso vedo i vari telegionrali che ci sono al pomeriggio su rai tre.
Su uno di questi (tgr neapolis, se non sbaglio) hanno parlato di ubuntu.
Devo dire anche che ne hanno detto tanto bene che sembrava quasi una lunga pubblicità…

Ciao

1067. Don - 8/05/08 @ 19:06

Se interessa a qualcuno è uscito OpenSolaris 2008.05 alias SunOS 5.11 (Solaris 11 ?)

Da quel poco che ho visto attraverso virtualbox (vi serve la 1.6 di sun, la 1.5 qualcosa OSE si pianta) il sistema base è più scarno di ubuntu però ha un interessante gestore dei driver del sistema e anche quello dei pacchetti non sembra male. Compiz è già presente ma non so dirvi com’è la storia dei driver per il 3D

1068. lolloso - 9/05/08 @ 6:40

@felipe: richiesta per pollycoke
plugin per editare (entro pochi minuti impostabili dal blogger) il proprio commento.
mi pare "ajax edit comments". Tra le altre cose ti inserisce la moderazione direttamente dalla pagina senza andare in amministrazione.
IMHO sarebbe gradito da molti :)

1069. lolloso - 9/05/08 @ 6:42

@Don: purtroppo (e sottolineo molto putroppo) è molto indietro come supporto hardware.
Fin quanto si parla di virtuale, funziona. In real, l’hardware compatibile è decisamente un parco ristretto di periferiche.

1070. t00rBSD - 9/05/08 @ 8:55

una segnalazione per dei video davvero interessanti per gli appassionati di tecnologia. Vi ricordate BigDog il video che a Marzo ha suscitato tante polemiche in rete? In un articolo vengono presentati gli altri elementi della famiglia. I video sono davvero sbalorditivi: http://www.pervasiverobotics.com/it/post/14/big_dog_gli_altri_robot_della_famiglia_boston_dynamics_rise_littledog_rhex

1071. BigDog e gli altri nuovi animali « pollycoke :) - 9/05/08 @ 10:16

[...] a t00rBSD per la segnalazione. Adesso aspettiamo tutti i primi replicanti, senza troppa [...]

1072. Don - 9/05/08 @ 10:29

@lolloso

O.S è appena uscito quindi mi pare logico che il supporto hardware sia scarso.
Bisogna vedere come si comporterà Sun nella promozione del suo redivivo sistema operativo e se riuscirà a limitare il proliferare di fork che notoriamente con linux hanno minato parecchio la disponibilità universale di driver (quando questi non vengono rilasciati esplicitamente sotto gpl).

1073. du - 9/05/08 @ 11:00

O.o

questa si che è una notizia : Skype hangs up on appeal, will fully comply with GPL

http://arstechnica.com/news.ars/post/20080508-skype-hangs-up-on-appeal-will-fully-comply-with-gpl.html

1074. sniz - 9/05/08 @ 12:46

non è che potresti pacchettizzare acerhk :D?

1075. ioio - 9/05/08 @ 18:47

http://notebookitalia.it/asus-eeepc-900-con-windows-xp-costa-meno-della-versione-linux-2250.html

c’è da aggiungere qualcosa?

1076. Don - 9/05/08 @ 19:48

@ 1075

Sempre più convinto che se nel mondo linux si smettesse di giocare da separati in casa e si convogliassero gli sforzi verso una distro base, una cosa come questa di asus non potrebbe accadere…

1077. tosky - 9/05/08 @ 20:21

@1076
Non capisco l’implicazione. Sulla fascia alta, HP, IBM e Dell supportano senza problemi RedHat e Novell, e spesso informalmente Debian. Ad un venditore di hardware basta abbracciare UNA distribuzione, la conseguente disponibilità di driver permetterà il supporto delle altre distribuzioni da parte di terzi.

1078. spillo - 9/05/08 @ 20:48

ragazzi videogiocatori che ne dite di questo?
http://gnome-look.org/content/show.php?content=80574

:D

1079. piivi - 10/05/08 @ 10:54

Segnalo che con un:

sudo kdesvn-build kdereview/plasma/scriptengines

è possibile caricare le dashboard widgets con plasma, come mostrato da aseigo in un vecchio post; non ho potuto trovare una widget funzionante, spero qualcuno abbia più fortuna di me :)

1080. Don - 10/05/08 @ 11:33

@tosky

Agli occhi della gente comune la cosa non funziona così.
L’eeepc 700 monta una distribuzione che rispetto alle tradizionali redhat suse e ubuntu è semplicemente sconosciuta e comunque qualsiasi distro avesse montato il problema non sarebbe cambiato.
Quello che va capito è che questo portatilino è un pioniere in un mercato nuovo diverso dai server dove bazzica quotidianamente il pinguino. Il mercato di questo giocattolo è mediaworld dove il più grosso assembramento di teste di rapa, i signori Sotuttomi, va a comprare hardware e software basandosi su quello che trovano scritto sulla scatola (a prescindere che capiscano o meno cosa leggono).
Quando una persona compra una stampante, gira la scatola e ci legge sopra che dentro troverà i driver per windows (spesso per togliergli ogni dubbio troverà stampato anche un logo con le finestre), stesso discorso se compra uno scanner, una scheda video, quello che vuoi…
Di sicuro non trova segnato il supporto (inteso come presenza di driver all’interno della scatola) verso linux semplicemente perchè non si può fare.

Noi, utenti su questo lato, siamo oramai (tristemente) abituati che se cerchiamo un programma per ubuntu e lo troviamo per debian, tentiamo di farlo andare comunque; se lo troviamo per redhat convertiamo il pacchetto ed incrociamo le dita; se sono sorgenti, li compiliamo e speriamo di non dover combinare chissà quali casini, in altre parole viviamo sul filo del rasoio ed alla peggio cerchiamo sui forum qualcuno che c’è già passato per trovare consiglio e conforto.
Tutto questo modo di fare però esula dal modello di pensiero della software house tradizionale. Nonostante tutte le eula che fanno cliccare sanno benissimo che se il loro software non gira al primo colpo (cioè non si installa in 5 minuti solo inserendo il cd e premendo avanti avanti come delle scimmie permettendo subito di lavorare al meglio) perdono clienti.
Per poter applicare quest’ultimo punto su linux dovrebbero semplicemente sviluppare la versione ad hoc per ogni distribuzione ed ovviamente testarla ma è anti-economico (però non quanto rilasciare i sorgenti dal loro punto di vista quindi evitiamo pure discussioni su questo punto) quindi ci si limita, se è proprio il caso, a pochissima roba tagliando fuori tutti gli altri.
Se qualcuno si domanda perchè "sviluppare una versione ad hoc per ogni distro" la risposta è molto semplice e comincia lanciando un profondo "ringraziamento" a Stallman che ha spinto verso una tremenda irresponsabilità organizzativa della comunità.
Uno sviluppatore crea una libreria e ne pubblica i sorgenti sotto gpl –> gli sviluppatori delle distro se li scaricano. Potrebbero semplicemente compilarseli e lasciarli come li hanno trovati ? Certo che no, grazie alla licenza e ad un abuso di libertà, subito ci mettono le mani dentro: fanno piccole aggiunte, modifiche e quant’altro ed a quel punto la domanda viene logica: quante differenze corrono tra la versione originale e quella della distro ? Se un programmatore utilizzasse una di queste distro per sviluppare un programma e si appoggiasse a quella libreria, quante possibilità ci sono che il suo programma preso così com’è girerà anche su altre distro che si sono prese quella libreria e gli hanno riservato lo stesso trattamento ?
Sta tutto qui l’inghippo che tiene lontane le SH tradizionali da linux ed è questo il problema da risolvere onde evitare che la gente in futuro, nonostante le grandi vendite, chieda all’asus di turno di convertire la sua linea di mini pc pionieri.

1081. Don - 10/05/08 @ 12:53

I CDR sono caduti !

Si possono convertire ed usare su linux in un più comodo SVG

http://sk1project.org/

1082. Don - 10/05/08 @ 12:57

ok ero troppo ottimista…
Certe immagini si riescono a convertire (in genere monocromatiche e non troppo complesse) altre vengono a metà.
Giusto per dare un metro di paragone ho provato a convertire il logo di stargate atlantis che è venuto perfetto, poi quello di 300 che invece s’è mangiato il bianco dentro i due zeri (non recuperabili neppure con inkscape).

1083. tosky - 10/05/08 @ 13:58

@Don
Non concordo. Lo sforzo di standardizzazione c’è, si chiama LSB. Un pacchetto LSB compliant si DEVE installare su ogni distribuzione LSB compliant. Se le distribuzioni non sono LSB compliant bisogna lavorare (bugreport a tempesta, orde di commentatori inferociti sui blog degli sviluppatori, ecc) per far sì che questo cambi. Interfaccia coerente, non serve LA distribuzione universale.

1084. Yami - 10/05/08 @ 15:14

Quoto tosky.

@ Don:

Distribuzione universale significherebbe convogliare tutto il potere di Linux in mano ad una sola comunità, con un rischio enorme perdere quella libertà che tanto proteggiamo, sia perché per Microsoft / Apple e gli altri sarebbe più semplice affrontare un solo concorrente, sia per il rischio "interno" di tramutarci a nostra volta in una Microsoft / Apple / Google di turno.
Da parte mia, ben vengano gli sbattimenti vari (che poi alla fine sono meno di quelli che sembrano) per far funzionare qualcosa, ben venga anche la rinuncia, purché venga salvaguardata la diversità e la libertà. Ben venga la mancata massificazione dell’utenza linux. Questo non significa che gli sforzi di standardizzazione non siano fondamentali, ma standardizzare è diverso rispetto ad unificare.

Quanto alla maggior "efficacia" di un lavoro centralizzato, già Raymond ha dimostrato che il caotico bazaar rende più di una chiusa cattedrale. Un bazaar ordinato non sarebbe più un bazaar, e IMHO perderebbe anche gran parte della sua carica creativa.

1085. Don - 10/05/08 @ 21:11

Tante comunità o una sola comunità cosa cambia ? Sempre comunità è, sempre noi siamo. Preferite che sia il mercato ad imporre una distribuzione principale che finirà per comandare sulle altre ?
A me sinceramente la cosa non fa alcuna differenza: mi limito cercare un’alternativa seria a windows (ed eventualmente al mac) quindi se questa alternativa sarà un linux della comunità o un linux di una società o ancora neppure un sistema linux a me non farà ne caldo ne freddo.
La necessità di creare una distribuzione di riferimento valida viene dal fatto che una delle poche volte dove linux "è arrivato prima", cioè sui mini pc come eeepc, rischia di trasformarsi in una chiarissima Caporetto a tutto vantaggio di windows.
LSB non è un vero standard perchè troppo poco seguito e troppo libero.
La grande necessità consiste nel creare un archivio aggiornato di librerie da prendere così come sono e da inserire nelle distribuzioni in modo che un programma che si appoggia su queste non senta alcuna differenza nel passaggio da una distro all’altra. La licenza può dire quello che vuole: a livello funzionale se si permette la modifica selvaggia di questi file invece di centralizzarne e controllarne lo sviluppo si finisce per creare una serie tale di incompatibilità che non fanno altro che scoraggiare gli sviluppatori e le software house che finiscono per considerare linux un sistema non conveniente sul quale sviluppare sopra. E noi non possiamo dire "che ci frega se non c’è quel programma" anche se abbiamo qualche alternativa open source. Secondo voi un grafico professionista può dire "che mi frega se non ho photoshop e illustrator perchè ci sono gimp e inkscape" ? Un impaginatore può fare a meno di Xpress perchè tanto c’è open office ?
Ci si lamenta tanto del monopolio ma poi non si fa niente per fermarlo veramente, anzi gli aprono ancora le porte levando il disturbo…

1086. tosky - 10/05/08 @ 22:36

@Don, questa: "La grande necessità consiste nel creare un archivio aggiornato di librerie da prendere così come sono e da inserire nelle distribuzioni in modo che un programma che si appoggia su queste non senta alcuna differenza nel passaggio da una distro all’altra. " è ESATTAMENTE uno degli scopi di LSB. Vuoi quindi crearne uno nuovo?
Cito:
"The LSB offers a cost-effective way for application vendors to target multiple Linux distributions while building only one software package. "

Tu dici che l’insuccesso dell’eeePC è legato alla mancanza di un’unica distribuzione. Contesto fortemente quest’affermazione. L’utente che compra l’eeepc con Xandros è in grado di lavorare, e non si porrà neppure il problema dell’esistenza di un’altra distribuzione: esistono i repository appositi. L’utente smanettone può installare la distribuzione che vuole (dove è stato inserito il supporto, grazie alla presenza dei driver).

1087. Don - 11/05/08 @ 0:09

LSB non crea l’archivio che dico ma stabilisce delle linee guida che alla fine cercano cementare le troppe differenze che si vedono in giro.
Si tratta di un procedimento semplicemente eterno e senza grandi risultati. Ti faccio un esempio.
Poco tempo fa ho avuto il problema della stampante epson (e riguardo al quale dovresti trovare un resoconto proprio qui nella messagebox). Il driver ufficiale epson è stato impacchettato per redhat ed anche se convertendolo con alien sono riuscito a farlo andare, la compatibilità non era proprio al 100%.

Infatti nel readme c’è scritto che per far partire il demone di controllo della stampante dovevo far partire questo script

"(Ex. Redhat system of Linux)
/etc/rc.d/init.d/ekpd start"

che però in debian (e di riflesso in ubuntu) si trova in tutt’altro posto e pure con altro nome, dalle parti di /usr, questo senza contare che alla fine il driver ufficiale non riesce neanche a stampare ma questo è un altro discorso…

Adesso, dal momento che debian, ubuntu e redhat sono distribuzioni dichiarate compatibili con LSB si può sapere come mai uno schifoso script non si trova nella posizione prevista con il nome previsto ? Il fatto che io sia stato capace di arrangiarmi non vuol dire che un qualsiasi bipede debba essere capace di fare altrettanto soprattutto se è cresciuto su windows, che nonostante tutti i suoi mali, le stampanti le installa con due clic e funzionano sempre al 100%.

Passiamo poi al eeepc. Qual’è il suo problema ? Proprio la distribuzione: già non basta che c’è questo enorme casino dove ognuno va per i fatti suoi ma ancora che hanno installato qualcosa di notevolmente sconosciuto e quindi totalmente non supportato al di fuori dei suoi repository personalizzati.
Si parla tanto di libertà ma intanto l’utente windows possiede una libertà che quello linux si sogna: va dove vuole e scarica dove vuole ma soprattutto se a mediaworld vuole affiancare una periferica al suo nuovo portatile lo può fare, tranquillo che avrà subito a tiro i driver ufficiali sicuramente funzionanti invece di roba generica (come i gutenprint) che non gli permettono di cambiare cartuccia. Scusate se è poco ma intanto pensate a quante volte linux cade proprio su queste "frivolezze"…

1088. Jpm3 - 11/05/08 @ 2:19

Rieccomi a chiedere aiuto da ignorante, ciao a tutti!
Sul portatile con installato H-H, non avevo più alcun segno di audio (sotto vista ok). dopo avere goooooogleizzato ho visto che per i chip HDA della Intel è cosa comune e, proprio su ubuntu forums
http://forum.ubuntu-it.org/index.php/topic,168104.0.html
c’era una guida.
l’ho seguita passo passo in modalità scimmia-addestrata e sono arrivato a
… … sudo apt-get install esound
(in modo da far funzionare anche i suoni di sistema)
Riavvia la macchina…
IO HO RIAVVIATO LA MACCHINA.
risultato? faccio login e mi trovo il pannello di ubuntu senza scritte, non mi da menù a tendina, l’icona per riavviare il pc (quella rossa in alto a dx, per intenderci) non va.
il mouse funziona, se clicco qualsiasi cosa non succede niente, se provo tasto destro mi compare il menù contestuale ma qualsiasi cosa chiedo ubuntu ‘freeza’. unica soluzione riavviare tramite pulsante alimentazione.
Non ho la minima idea di come risolvere, e credo che potrei avere un tracollo nervoso a dover rifare l’installazione.
Idee? Grazie mille, alle 3.30 passate è durissima :-(
una buona anima da verona che mi aiuti? :-)

1089. kahuna - 11/05/08 @ 8:31

Beh con Vista anche il bipede Windows s’e’ visto appiedato per un bel po’.
Dal punto di vista dell’hw cominciano a spuntare i pinguini sulle confezioni delle periferiche (vedi stampanti Samsung, dongle usb vari, ecc ecc) quindi non e’ vero che non ci sia l’attenzione dei vendor. Inoltre tutta questa diversita’ tra la miriade di distro in realta’ si concretizza principalmente in 2 branche: quella delle distro basate su redhat e quelle su debian; tutte le altre sono riservate a smanettoni che solitamente se la sanno cavare da soli (vedi derivate slack e gentoo). Con 2 pacchetti (rpm e deb) si risolverebbero quindi quei problemi di diversita’ di filesystem. Uhm, ma non della diversita’ dei kernel, e delle librerie. E questo addirittura all’interno della stessa distribuzione, e magari anche della stessa versione della distro ma con diversi update.
Come vedi l’unificazione di Linux ( qualcuno ricorda United Linux? :> ) e’ una battaglia persa in partenza. La vera soluzione e’ una sola: che i vendor si decidessero di rilasciare le specifiche (magari anche dei driver liberi) e che la pacchettizzazione dei driver sia a cura dei vari maintainer delle distro.
Punto. E’ tanto difficile?

1090. du - 11/05/08 @ 11:46

Il codice di Firefox3 RC1 è completo : se tutto va bene la RC1 sarà disponibile per fine maggio ; se non ci saranno bugs gravi a fermare lo sviluppo , il codice della RC1sarà molto probabilmente quello della release finale !!!!!

La fonte ??? Gli sviluppatori del progetto ovviamente :-D

http://developer.mozilla.org/devnews/index.php/2008/05/10/firefox-3-code-complete/

1091. du - 11/05/08 @ 11:57

L’avevo già segnalato con un articolo di arstechnica al mex 1073 …. rilancio con un articolo di ossblog : "Skype sarà ora costretta ad adeguarsi ai termini della GPLv2."

http://www.ossblog.it/post/4090/skype-vs-gpl-vince-ancora-la-licenza

1092. tosky - 11/05/08 @ 12:17

Don, ma quel benedetto pacchetto è LSB compliant? Oppure è stato fatto per una RedHat antidiluviana, come succedeva fino ad un paio d’anni fa per le stampanti Brother, con driver che funzionavano con CUPS 1.0 (e ormai sopravanzati da quelli inclusi con CUPS)?

Proprio per le stampanti, sempre dai i gruppi di lavoro in qualche modo legati ad LSB è stato messo a disposizione un LSB DDK (Driver Development Kit) proprio per consentire alle terze parti di fare questo: creare driver INDIPENDENTI dalla distribuzione:
http://www.linux-foundation.org/en/OpenPrinting
Quindi bisogna rompere le scatole pure al fornitore della tua stampante, che evidentemente ancora non sa di queste novità ed ha fatto male il pacchetto.

Quanto all’eeepc, ribadisco: l’utente che vuole usare quella macchinetta non guarda fuori dai repository. Per tutto il resto, LSB, LSB, LSB.

1093. Don - 11/05/08 @ 22:29

@ kahuna

Vista è vero che ha dato molti problemi, ma sono i classici casini che nascono quando si sostituisce sistema operativo, sono casini destinati a scomparire in tempi relativamente brevi. I casini che lamento io, linux se li porta dietro da 1991 cioè da quando è nato.
Per quanto a qualcuno possa far godere, viviamo in una condizione di perenne beta cioè di insicurezza. Senza offesa, ma se voglio l’insicurezza, il brivido, la ricerca del problema dietro l’angolo, torno armi e bagagli a windows che è una garanzia, la prova scientifica dell’esistenza della legge di Murphy.
Se cerco l’alternativa è proprio per avere qualcosa di più, non lo stesso livello o peggio di meno.
Il vero limite alla standarizzazione di linux viene dalla comunità che secondo me ha traviato in pieno il senso profondo dell’open source cioè la ricerca di un risultato migliore attraverso la collaborazione.
Collaborazione vuol dire aggregarsi al gruppo che sviluppa un certo progetto ed aiutarlo a migliorarlo, proponendo attivamente soluzioni, non imponendole creando dei fork ed abbandonando i sorgenti qua e là.
Lo scopo ultimo dell’open source è puramente funzionale, non ideale. Se la comunità non è in grado di capire questo, finirà per pagarla cara nel corso degli anni e c’è solo da augurarsi che quel giorno siano pronte altre alternative giusto per non far finire il tutto in un nulla di fatto.

Pretendere che siano i produttori di hardware ad aprire le specifiche è praticamente una guerra persa in partenza per ragioni che esulano dalla infantile e limitata visione de "microsoft li ha pagati per non farlo" quindi proprio per questo non possiamo stare noi ad aspettare che le cose si sistemino in fin dei conti siamo noi quelli che hanno bisogno, non loro.

@ tosky

Il pacchetto è per l’ultima versione di cups quindi mi sento di escludere redhat antidiluviane e sistemi unix operanti su pdp.
Se hanno usato LSB o no non lo so ma credo, anzi sono dell’idea che se una distribuzione è compatibile con LSB, dovrebbe già contenere al suo interno solo gli SDK compatibili con questo sistema proprio per evitare casini.
Capisco che è una cosa che "va contro" la libertà ma è capisco anche che è una soluzione funzionale quindi da preferire se si vogliono ottenere dei risultati dai quali può dipendere anche la sopravvivenza di linux.
Essere liberi ma morti serve a poco…
In quanto all’eeepc ti voglio ricordare che non è un giocattolo, un computerino per bambini o un’agenda elettronica ma è un portatile a tutti gli effetti (ha tante di quelle USB da potersi tranquillamente interfacciare allo stesso tempo a tutti quei componenti che di base gli mancano come un disco capiente un masterizzatore esterno ed una penna BT/stampante ecc…) ed a tutti gli effetti soffre dei limiti chiusi del repository come qualunque pc di livello superiore operante con linux non controllato da un nerd, super programmatore, in grado di rendersi autosufficiente come si faceva 20 anni fa con il C64.
Temo che la terza generazione di eeepc non monterà linux…

1094. tosky - 11/05/08 @ 22:37

@Don
"Se hanno usato LSB o no non lo so ma credo, anzi sono dell’idea che se una distribuzione è compatibile con LSB, dovrebbe già contenere al suo interno solo gli SDK compatibili con questo sistema proprio per evitare casini."
Spiegami come si può evitare che qualcuno distribuisca propri script per l’installazione che fanno un po’ quello che vogliono (come ancora adesso Adobe Reader, per dirne uno), pur essendoci un sistema di gestione pacchetti. Stessa cosa qui: puoi mettere tutti gli SDK che vuoi, ma se poi (per i motivi più disparati, tipicamente perché ti porti appresso gli stessi script da vari anni) li scavalchi, non c’è molto da fare.

Per l’eeepc, ancora non capisco, sono duro di testa. " ed a tutti gli effetti soffre dei limiti chiusi del repository ", dici, ma ancora non ho capito come li vuoi risolvere. Ah, ok, con l’unica distribuzione? Mi sembra di aver già spiegato che la soluzione sta altrove, sugli standard dal basso che non ci dobbiamo dimenticare ma di cui dobbiamo pretendere l’uso.

1095. tosky - 11/05/08 @ 22:38

Mi correggo: Adobe Reader, adesso, è distribuito come rpm. Fino alla serie precedente no, era un tar.gz con script proprietari.

1096. pix - 11/05/08 @ 23:27

solo a me kde 4.0.4,a che se con le qt 4.4, è lento da far pena? cioè, le applicazioni si aprono ad una velocità sorprendente e il consumo di memoria rimane basso, ma durante il resizing è una vergogna, nemmeno windows 3.1 era così lento

@felipe
non puoi dire qualcosa a riguardo? ne avevi parlato di questa cosa che le qt avrebbero scavalcato xorg…

ah beh, per non parlare di kwin.. ok a gennaio che dicevano "migliorerà".. col c****, è sempre lento come prima

1097. Kahuna - 12/05/08 @ 8:28

@pix:
kde 4.0.4 non utilizza le qt 4.4. Per questo c’e’ il problema del resize.

1098. killer1987 - 12/05/08 @ 12:38

da ridere:

http://support.microsoft.com/kb/276304

Forza Zio Bill!

1099. sughino - 12/05/08 @ 12:40

ripeto…
ragazzi devo far andare l’accellerazione 3d sulla mia ubuntu hardy… son rimasto a secco di schede e mi è toccato ripiegare su una voodoo banshee…(scheda gloriosa certo… ma ha 20 anni ormai)
chi mi aiuta?

1100. pix - 12/05/08 @ 14:55

@Kahuna
ah… pensavo che avendo aggiornato le qt, kde 4.0.4 fosse predisposto al cambiamento.. beh, qualcuno ha provato la snv con le qt 4.4? felipe?
ok che stanno mettendo cose superfighe a livello di libreria, ma l’occhio vuole la sua parte!

Pages: « 120 21 [22] 23 2431 » Show All

(commentando accetti implicitamente le Regole di pollycoke, leggile!)