jump to navigation

Patch al kernel per aggirare il brevetto su FAT

In News, Opinioni il 27/06/09 @ 13:53 46 commenti

fatTomTom1 è stata punita da Microsoft per violazione di brevetti sulla gestione di nomi di file lunghi in FAT con Linux2 (cfr “TomTom e FAT LFN“) in quella che a molti è sembrata una prova generale di offensiva di Microsoft contro chi distribuisce tecnologia coperta da loro brevetti3. La reazione è stata compatta (cfr “Linux Foundation: «abbandonate FAT»” e “Perens rincara: via FAT, OOXML, Mono, Silverlight“) e sembra che ci sia un primo frutto: LWN segnala una patch per il kernel Linux che aggira il brevetto FAT LFN.

Ok, può essere una misura intermedia, ma la vera soluzione sarà appunto abbandonare FAT in favore di un filesystem migliore e aperto. In questo potrebbe essere prezioso l’aiuto di Intel, Nokia, Google, la Open Handset Alliance, HTC, Samsung, ovviamente la stessa TomTom e tutti gli altri tantissimi produttori (penso al mercato mobile) che stanno scegliendo un modello di sviluppo aperto in alternativa a quello di Microsoft, che si basa nell’imprigionare l’utenza in gabbie di formati e standard chiusi, semichiusi o peggio ancora dubbi: un modello ormai prossimo all’estinzione.

 

Linux Foundation: «abbandonate FAT»

In News il 2/04/09 @ 23:57 28 commenti

Via Ars, Linux Foundation controbatte dopo la disfatta di TomTom.

Contro la strategia del dubbio, instillato ad ogni piè sospinto1 da Microsoft, Linux Foundation sostiene una semplice ma efficace strategia: che i costruttori di hardware e sistemi embedded decidano una buona volta di scartare FAT in favore di filesystem liberi.

Cari amministratori delegati di multinazionali dell’industria di gadget tecnologici e sistemi Linux (e non solo) embedded che leggete avidamente pollycoke: riuscite a dagli torto?